22.4 C
Rome
lunedì, Luglio 4, 2022
spot_img

Il vino biologico italiano attira i consumatori USA

L'Italia offre tante varietà di vino capaci di soddisfare ogni nicchia e fascia di consumo negli Stati Uniti

-

- Advertisment -

Gli Stati Uniti d’America rappresentano il secondo partner commerciale per l’Italia nel Food & Beverage e il primo al mondo per l’import agroalimentare e per il consumo di prodotti BIO. I risultati di una recente indagine condotta dall’ICE Agenzia confermano che le vendite di prodotti agroalimentari italiani bio sui mercati internazionali, particolarmente tra i consumatori americani, hanno raggiunto 2,6 miliardi di euro, mettendo a segno una crescita dell’8% rispetto all’anno precedente, una crescita più accelerata rispetto all’export agroalimentare nel complesso (+4% registrata dall’export).

Un riconoscimento del bio Made in Italy sui mercati internazionali testimoniato anche della crescita di lungo periodo (+149% rispetto al 2009) e dalla quota di export sul paniere Made in Italy (6% sull’export agroalimentare italiano totale). Con 4,6 miliardi di euro di esportazioni F&B italiane nel 2019 (+11% rispetto al 2018) gli Stati Uniti rappresentano il secondo mercato di destinazione del nostro agroalimentare

Una profonda diffusione del bio in USA: quasi 9 famiglie su 10 (89%) hanno consumato un prodotto alimentare o una bevanda a marchio biologico nel corso del 2020, questa quota era dell’82% nel 2016. Tra gli altri fattori che fanno degli Stati Uniti un mercato ad alto potenziale per il bio ci sono da un lato la quota di heavy user (40% sul totale) e il forte interesse per il bio che non si ferma al consumo domestico: il 76% dei consumatori riferisce di aver consumato un prodotto bio anche nel canale away from home. Sicurezza alimentare (espressa da un terzo degli organic user), qualità superiore (un ulteriore 25% ritrova principalmente questo tipo di garanzia) e attenzione per l’ambiente (22% complessivamente) sono le principali motivazioni dei consumatori americani alla base della scelta di prodotti biologici.

Garanzie che diventano ancora più importanti in questo periodo di crisi sanitaria, tanto che il 10% degli americani dichiara che il marchio bio è diventato un criterio più importante nella spesa alimentare rispetto al passato. Durante il 2020 il 6% ha iniziato ad acquistare bio per la prima volta mentre il 36% di chi era già users, ne ha incrementato la spesa.

Il Vino, l’olio extra-vergine e la pasta sono le categorie di prodotto per cui i consumatori statunitensi cercano le garanzie di qualità offerte dal marchio bio e quelle su cui l’italianità è un fattore distintivo. Nessun ostacolo per il binomio bio e Made in Italy neanche per il futuro: il 65% si dice interessato all’acquisto di un prodotto italiano a marchio bio se disponibile presso i canali abituali. Due su tre degli attuali non users, infatti, non ha ancora mai provato il prodotto italiano bio perché non lo trova in assortimento e il 21% non ne conosce ancora le caratteristiche distintive. Una grossa opportunità per i produttori di vino italiani. Il nostro paese vanta una tradizione secolare nella produzione di vini di ogni qualità. Con oltre 2000 vitigni di cui quasi 300 nella sola Toscana, l’Italia offre una varietà di vini capace di soddisfare ogni nicchia e fascia di consumo tra i consumatori americani.

In termini di strategia di vendita e di marketing questo si traduce con la capacità potenziale per il vino italiano nel suo complesso, di presidiare ogni nicchia di mercato di vino in America. Euromed International Trade propone alle imprese del network e alle imprese interessante ai mercati USA, desiderose di entrare sui mercati internazionali, un’offerta completa di servizi integrati, dall’individuazione delle aree e dei mercati esteri in cui operare, alla definizione delle strategie d’ingresso, al coinvolgimento di tutta l’organizzazione aziendale nello svolgimento delle attività operative connesse all’internazionalizzazione.

  • Contattaci per info

  • spot_imgspot_img
    Domenico Letizia
    Domenico Letizia
    Giornalista.
    Scopri l'offertaMedia partner

    Ultime news

    esportazione

    Non imponibilità: i documenti per dimostrare l’esportazione

    In tema di esportazioni al di fuori del territorio dell'UE, ai fini della fruizione del regime di non imponibilità, la destinazione dei beni all’esportazione...
    turismo

    Turismo, il bando RESETTING per Pmi digitali e sostenibili

    Sul portale Funding&Tender opportunities è stato pubblicato il bando RESETTING, per il rilancio del turismo sostenibile e intelligente europeo attraverso la digitalizzazione e l’innovazione. Il...
    brevetti

    Protezione brevetti: il 50% dei proventi resta all’inventore

    Un intervento organico a tutela della proprietà industriale che punta a rafforzare la competitività tecnologica e digitale delle imprese e dei centri di ricerca nazionali...

    Nuovo bonus per le imprese agricole e agroalimentari

    Pronte le regole per fruire del nuovo bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana, ilcredito d’imposta diretto a supportare le reti di imprese agricole...
    imprese servizi

    Cresce il fatturato delle imprese di servizi

    Nel primo trimestre 2022 l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi cresce del 2,8% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un aumento, in...
    spot_img

    Economia

    Turismo, il bando RESETTING per Pmi digitali e sostenibili

    Sul portale Funding&Tender opportunities è stato pubblicato il bando RESETTING, per il rilancio del turismo sostenibile e intelligente europeo...

    Nuovo bonus per le imprese agricole e agroalimentari

    Pronte le regole per fruire del nuovo bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana, ilcredito d’imposta diretto a supportare...

    C’è l’accordo: Germania verso la ratifica del CETA

    I tre partiti della coalizione di governo in Germania si sono accordati giovedì scorso per ratificare l'accordo di libero...

    Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

    La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una...
    - Advertisement -spot_img