Economia Eventi

Il settore trasporti e logistica riparte dal Mediterraneo

Avatar
Scritto da Giovanni Guarise

Non poteva che essere Barcellona la città ospitante del vertice MedaLogistics, diventato un appuntamento annuale di riferimento per il settore della logistica e dei trasporti nel Mediterraneo.

Barcellona non solo perchè l’evento è organizzato da ASCAME, l’Associazione delle Camere di Commercio e Industria del Mediterraneo, insieme ai Consorzi della Zona Franca e con il sostegno della Camera di Commercio del capoluogo catalano.

Barcellona perchè è un luogo di riferimento ormai consolidato per il settore della logistica in quanto “capitale” economica del Mediterraneo, un mare che collega tre continenti facendo da grande canale per gran parte dei flussi est-ovest via mare nel mondo. Da qui allora sono state poste le basi per una grande piattaforma logistica globale con la “Dichiarazione del vertice del commercio internazionale di Barcellona 2019”, firmata da Pere Navarro, delegato speciale dei Consorzi della Zona Franca; Galo Molina, Presidente di ALACAT (Federazione delle associazioni nazionali degli operatori della logisica nei paesi della costa sudamericana); Antoni Llobet, presidente del consiglio generale di OAS; Anwar Zibaoui, direttore generale di ASCAME; e Mohammed Alzarooni, Presidente della World Free Zones Organization WZFO. Con questa dichiarazione, in sostanza, Barcellona diventa per il settore della logistica un epicentro riconosciuto dai suoi stessi operatori.

Ma MedaLogistics è stato anche molto altro. Oltre 250 persone provenienti da 40 paesi hanno partecipato ai diversi forum tenuti nei due giorni: in particolare 8 sessioni con 32 relatori di alto profilo, tra i quali delegati ministeriali dei paesi del Sud del Mediterraneo come Marocco e Tunisia, funzionari pubblici, rappresentanti di agenzie multilaterali e internazionali, e figure chiave del settore privato.

In queste occasioni di incontro e confronto è stata ripercorsa in maniera analitica la situazione attuale del settore, fissando le sfide e le opportunità, e stabilendo una piattaforma di contatto per i rappresentanti di organizzazioni, associazioni internazionali e regionali, imprenditori, futuri investitori e partner.

Fino a ribadire l’importanza che ha ancora oggi riveste la regione del Mediterraneo per il movimento di merci da e in tutto il mondo. Una regione che ha più di 450 porti e terminali, rappresenta il 30% del commercio marittimo mondiale per volume d’affari ed è la prima destinazione turistica al mondo. Ma che d’altro canto è anche responsabile anche del 23% delle emissioni totali di carbonio, e per questo responsabile di nuove sfide da perseguire a livello globale. Ne parliamo con Anwar Zibaoui, direttore generale di ASCAME .

Con il vertice di Barcellona, quali idee sono emerse dai settori dei trasporti e della logistica per costruire un’economia sempre più efficiente ed eco-sostenibile nel lungo periodo?

«Il Mediterranean Logistics & Transport Summit ha contribuito a forgiare l’industria logistica regionale per oltre 2 decenni attraverso la condivisione delle conoscenze e del mercato, facilitando incontri influenti. Serve come piattaforma per identificare problemi, proporre soluzioni e sfruttare tecnologie innovative.

La regione mediterranea sta affrontando molteplici sfide, in gran parte legate al consolidamento della sua posizione di regione forte nel mondo economico. Alcuni cambiamenti sono cruciali, come rendere il settore privato un fattore chiave nello sviluppo economico e sociale. Dobbiamo agire rapidamente per costruire una strategia mediterranea economica e finanziaria unificata. La porta è aperta a un cambiamento storico che dovrebbe promuovere la costruzione di un’area stabile, prospera e sostenibile.

La regione del Mar Mediterraneo è stata identificata come uno dei principali punti caldi del cambiamento climatico e le aree più sensibili ai cambiamenti climatici a causa della scarsità d’acqua, concentrazione delle attività economiche nelle zone costiere e dipendenza dall’agricoltura sensibile al clima.

Il futuro del Mediterraneo situato lungo un vasto tratto di costa che raggiunge i 3 continenti strategici è legato al mare e la capacità della regione di sfruttare questa connessione sarà la chiave del suo sviluppo economico nei prossimi anni.

E’ essenziale preservare le specificità e le qualità del territorio mediterraneo, che si sono dimostrate vitali ed estremamente vulnerabili. Il futuro della regione dipende in larga misura dalla sostenibilità della sua futura crescita economica. La sostenibilità deve essere percepita come un’opportunità.

Trasporti e logistica poiché il settore è essenziale per l’integrazione euro-mediterranea. Ecco perché è necessario, oggi più che mai, facilitare una strategia globale e unica per il sistema e le reti di trasporto che, con un impatto integrativo, avvantaggeranno l’economia e la competitività della regione.»

Come si sta evolvendo questo settore strategico dell’economia mondiale e quali sono le nuove esigenze imposte da un futuro sempre più tecnologico e interconnesso?

«È evidente che il settore dei trasporti e della logistica è decisivo per garantire un’integrazione efficace della regione mediterranea e stimolare commercio e scambi tra le due sponde. I due principali obiettivi della cooperazione a livello dei trasporti euro-mediterranei risiedono innanzitutto nello sviluppo di infrastrutture in grado di collegare efficacemente i vari paesi della regione, ma anche nella convergenza degli standard normativi di questi paesi. È essenziale potenziare il sistema logistico tra il nord e il sud e mettere in atto un sistema di trasporti efficiente, sostenibile e sano per facilitare lo sviluppo economico dei paesi della regione.

Digital Big Bang e Smart Mediterranean Transport & Logistics 4.0
stanno cambiando i tempi e le opportunità, la tecnologia sta trasformando i trasporti, è risaputo che la tecnologia sta distruggendo il settore. Molte logistiche della supply chain , aziende logistiche, i professionisti stanno vivendo tali interruzioni nelle loro operazioni quotidiane e sicuramente prevedono grandi impatti nell’immediato futuro, figuriamoci tra qualche anno. Ma con tutto il discorso sulle tecnologie emergenti, può essere difficile capire cosa sia solo l’esagerazione e la speculazione e ciò su cui è necessario agire. E con le esigenze già presenti nel settore logistico mediterraneo di oggi, stare al passo con le tecnologie emergenti può essere travolgente. Dobbiamo adattare i modelli di business per abbracciare tecnologie nuove e avanzate.»

Perché il Mediterraneo, culla delle più antiche civiltà e storico crocevia di scambi, resta un luogo cruciale per l’economia del nuovo millennio? Come si sta sviluppando la rete tra i Paesi che si affacciano su questo mare?

«La regione del Mediterraneo resta un attore globale nel settore delle infrastrutture di trasporto, un settore che svolge un ruolo importante in qualsiasi nazione.

È importante facilitare la creazione di una rete integrata di trasporti e multimodali che contribuirà a rafforzare gli scambi tra l’UE e tra i partner mediterranei, ma anche tra i paesi meridionali, favorendo così la creazione di una zona di integrazione economica mediterranea. Dobbiamo concentrarci e fare un efficace sistema multimodale di trasporto aereo-marittimo attraverso il miglioramento e la modernizzazione dei porti e degli aeroporti. Inoltre, la creazione di collegamenti terrestri e la connessione delle reti di trasporto del Mediterraneo alle reti transeuropee garantiranno l’interoperabilità. Senza reti connesse e comunicate, è impossibile parlare di integrazione e questo non è solo il compito delle amministrazioni, ma di tutte le istituzioni pubbliche o private che sono chiamate a lavorare insieme per raggiungere questo obiettivo.»

info autore

Avatar

Giovanni Guarise

Giornalista professionista dal 2010, nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa, realizzando approfondimenti e focus per diversi quotidiani, e collaborando nelle attività di comunicazione per un'associazione di categoria in Veneto