7.6 C
Rome
giovedì, Febbraio 2, 2023
spot_imgspot_img

Il rischio geopolitico: un fattore chiave nell’internazionalizzazione

L'importanza di avere un supporto competente e affidabile per entrare in un mercato straniero

-

- Advertisment -

Nelle attività commerciali all’estero ogni azienda deve essere consapevole dei rischi cui va incontro. Tra questi, uno dei più noti è di certo il rischio geopolitico, da sempre presente in tutti i mercati internazionali, al quale va dedicata una particolare attenzione perché potrebbe vanificare sforzi e capitali investiti da un’impresa per espandere la sua attività.

Il rischio geopolitico è anzitutto legato non solo al Paese nel quale si opera, ma anche all’ambiente internazionale e al contesto globale. Gli eventi possibili ai quali tali sorgenti di rischio danno luogo variano dalla stessa attività politica di un Paese, agli interventi dei governi (nazionalizzazione, protezionismo), agli eventi sociali (rivoluzioni, boicottaggi). Le attività economiche e imprenditoriali subiscono, ad esempio, le minacce di forti discontinuità nello scenario dei mercati e di cambiamenti radicali e improvvisi delle “regole del gioco”.

I rischi legati alle interazioni tra le vulnerabilità del proprio progetto di business e l’improvviso mutare delle condizioni al contorno possono generare conseguenze che vanno dal superamento del budget pianificato, al ritardo nell’implementazione della strategia o nell’avanzamento del progetto fino ai danni alle persone o alle cose e all’abbandono (exit strategy, way out) del progetto.

Guardando a esempi concreti, a fronte di una maggiore spinta all’internazionalizzazione delle imprese italiane, si potrebbe persino dire che i rischi geopolitici sono sempre più “dietro l’angolo”, pronti a cogliere di sorpresa. Basti pensare, negli ultimi anni, alla Brexit nel Regno Unito, alla guerra commerciale lanciata da Trump negli USA, alle sanzioni nei confronti della Russia per la crisi in Ucraina, e così via.

Ma in realtà il rischio geopolitico è un fattore da sempre preso in considerazione nei percorsi di internazionalizzazione delle imprese che puntano ai mercati esteri, ma anche, in parte, a coloro che lavorano con il solo mercato interno. Le crisi geopolitiche, infatti, possono avere sui prezzi delle materie prime, come il petrolio, e alle loro ricadute su tutti i processi industriali. A maggior ragione, le considerazioni sul rischio geopolitico devono rientrare per forza di cose all’interno dei processi decisionali d’impresa oggi, in un mondo globalizzato e in cui le aziende italiane si avventurano in mercati emergenti e sempre più lontani.

Il consiglio è dunque semplice: dedicate la stessa attenzione prestata agli aspetti fiscali o doganali anche all’analisi del rischio paese. Per farlo esistono soluzioni che permettono di approfondire gli elementi essenziali per valutare il rischio paese, le quali vanno inserite nel lavoro ordinario. E poiché non tutti possono permettersi di tenere costantemente monitorata la realtà della politica internazionale, o di farlo con la stessa attenzione degli analisti che fanno questo per lavoro, diventa sempre più importanti rivolgersi a consulenti di fiducia.

A tale proposito il team di Euromed International Trade può accompagnare passo passo il tuo processo di internazionalizzazione monitorando costantemente anche le situazioni geopolitiche e i rischi ad esse legati, attraverso una conoscenza degli strumenti di informazione e di analisi. Richiedi una prima consulenza compilando il seguente form!

Giovanni Guarise
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010. Nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa con approfondimenti, focus e attività di comunicazione.
Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

Crisi di impresa cartella nulla - Imprese del sud

Cartella nulla, se l’azienda ha avviato il procedimento della crisi d’impresa

Pretesa dell'Agenzia della riscossione per debiti fiscali ritenuta ridondante poiché i debiti sono già stati inclusi nell'accordo omologato della crisi d'Impresa.
Vino Canada Irlanda etichette salute imprese del sud

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando di ridurre il consumo di...
Fondimpresa Abruzzo nuovo presidente

Fondimpresa Abruzzo. Luciano De Remigis nominato nuovo presdiente

Cambio ai vertici dell’Articolazione Abruzzese di Fondimpresa - Fondo interprofessionale per la formazione continua di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil.
Direttiva sustainability reporting - Imprese del Sud

Entrata in vigore la direttiva Corporate Sustainability Reporting 

0
La nuova direttiva europea rivede, amplia e rafforza le norme introdotte inizialmente dalla direttiva sulla comunicazione di informazioni non finanziarie.
Smart working iscritto aire fisco

Fisco, iscritto AIRE. Conta la residenza.

Anche se iscritto AIRE, il contribuente paga le tasse, nel luogo di residenza effettiva.
spot_img

Economia

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando...

Codice appalti: La revisione prezzi dei contratti “alla francese”

Il Parlamento discute la possibilità di introdurre un meccanismo di revisione prezzi "alla francese" obbligatorio per tutti i contratti in caso di eventi imprevedibili.

Marche: Stati generali dell’internazionalizzazione

Le Marche ospiteranno gli Stati Generali dell'Internalizzazione dal 16 al 19 giugno a Casale di Colli del Tronto (Ascoli Piceno).

Corte Suprema irlandese. La procedura di ratifica del CETA è incostituzionale

La Corte Suprema irlandese ha dichiarato che gli emendamenti sarebbero necessari per conferire ai tribunali irlandesi il potere di...
- Advertisement -spot_img