21.7 C
Rome
domenica, Maggio 22, 2022
spot_imgspot_img

Il rischio geopolitico: un fattore chiave nell’internazionalizzazione

L'importanza di avere un supporto competente e affidabile per entrare in un mercato straniero

-

- Advertisment -

Nelle attività commerciali all’estero ogni azienda deve essere consapevole dei rischi cui va incontro. Tra questi, uno dei più noti è di certo il rischio geopolitico, da sempre presente in tutti i mercati internazionali, al quale va dedicata una particolare attenzione perché potrebbe vanificare sforzi e capitali investiti da un’impresa per espandere la sua attività.

Il rischio geopolitico è anzitutto legato non solo al Paese nel quale si opera, ma anche all’ambiente internazionale e al contesto globale. Gli eventi possibili ai quali tali sorgenti di rischio danno luogo variano dalla stessa attività politica di un Paese, agli interventi dei governi (nazionalizzazione, protezionismo), agli eventi sociali (rivoluzioni, boicottaggi). Le attività economiche e imprenditoriali subiscono, ad esempio, le minacce di forti discontinuità nello scenario dei mercati e di cambiamenti radicali e improvvisi delle “regole del gioco”.

I rischi legati alle interazioni tra le vulnerabilità del proprio progetto di business e l’improvviso mutare delle condizioni al contorno possono generare conseguenze che vanno dal superamento del budget pianificato, al ritardo nell’implementazione della strategia o nell’avanzamento del progetto fino ai danni alle persone o alle cose e all’abbandono (exit strategy, way out) del progetto.

Guardando a esempi concreti, a fronte di una maggiore spinta all’internazionalizzazione delle imprese italiane, si potrebbe persino dire che i rischi geopolitici sono sempre più “dietro l’angolo”, pronti a cogliere di sorpresa. Basti pensare, negli ultimi anni, alla Brexit nel Regno Unito, alla guerra commerciale lanciata da Trump negli USA, alle sanzioni nei confronti della Russia per la crisi in Ucraina, e così via.

Ma in realtà il rischio geopolitico è un fattore da sempre preso in considerazione nei percorsi di internazionalizzazione delle imprese che puntano ai mercati esteri, ma anche, in parte, a coloro che lavorano con il solo mercato interno. Le crisi geopolitiche, infatti, possono avere sui prezzi delle materie prime, come il petrolio, e alle loro ricadute su tutti i processi industriali. A maggior ragione, le considerazioni sul rischio geopolitico devono rientrare per forza di cose all’interno dei processi decisionali d’impresa oggi, in un mondo globalizzato e in cui le aziende italiane si avventurano in mercati emergenti e sempre più lontani.

Il consiglio è dunque semplice: dedicate la stessa attenzione prestata agli aspetti fiscali o doganali anche all’analisi del rischio paese. Per farlo esistono soluzioni che permettono di approfondire gli elementi essenziali per valutare il rischio paese, le quali vanno inserite nel lavoro ordinario. E poiché non tutti possono permettersi di tenere costantemente monitorata la realtà della politica internazionale, o di farlo con la stessa attenzione degli analisti che fanno questo per lavoro, diventa sempre più importanti rivolgersi a consulenti di fiducia.

A tale proposito il team di Euromed International Trade può accompagnare passo passo il tuo processo di internazionalizzazione monitorando costantemente anche le situazioni geopolitiche e i rischi ad esse legati, attraverso una conoscenza degli strumenti di informazione e di analisi. Richiedi una prima consulenza compilando il seguente form!

spot_imgspot_img
Giovanni Guarise
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010. Nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa con approfondimenti, focus e attività di comunicazione.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

imprese agricole

Imprese agricole: via al Fondo investimenti innovativi

A partire dal 23 maggio e fino al 23 giugno 2022, le micro, piccole e medie imprese agricole potranno richiedere le agevolazioni del Fondo per...
ceta business forum

CETA Business Forum: una ricca agenda per i settori del futuro

Sale l'attesa per il CETA Business Forum, il primo grande evento di business online interamente dedicato ai rapporti tra Unione Europea e Canada: l'appuntamento...

Circa 600 domande per valorizzare i beni confiscati alla mafia

Sono state 605 le domande per accedere alle risorse messe a disposizione dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per la valorizzazione di beni confiscati alla...
south working

“Il futuro dello smart working parte dal Sud” 

Dallo scorso 21 aprile 2022 è disponibile in libreria e sulle più importanti piattaforme il libro dell’associazione South Working – Lavorare dal Sud dal...
ceta business forum

CETA Business Forum: aperte le iscrizioni

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni per il CETA BUSINESS FORUM, il primo grande evento di matching online rivolto alle aziende e ai professionisti che...
spot_img

Economia

Imprese agricole: via al Fondo investimenti innovativi

A partire dal 23 maggio e fino al 23 giugno 2022, le micro, piccole e medie imprese agricole potranno richiedere...

Calcolo ad alte prestazioni (HPC): le sovvenzioni UE

Nel quadro del programma Europa Digitale la Commissione europea ha lanciato un invito a presentare proposte per sovvenzioni nel...

Digitalizzazione Pmi: il nuovo bando DIH-World

Il progetto europeo DIH-World finanziato da Horizon 2020 ha lanciato il suo secondo bando aperto per esperimenti digitali a...

Costi di transazione per intermediari della finanza sociale: il nuovo bando

Nell’ambito della componente EaSI del FSE+ è stato pubblicato il bando “Costi di transazione a sostegno degli intermediari della...
- Advertisement -spot_img