19.5 C
Rome
sabato, Aprile 10, 2021
spot_imgspot_img

I trasporti tra Croazia e Slovenia

-

- Advertisment -spot_img

La comprensione dei fenomeni commerciali e sociali aiuta a comprendere anche lo stato delle relazioni politiche e diplomatiche tra due paesi diversi. Un esempio ci giunge dalla Slovenia e dalla Croazia, entrambi in Unione Europea ed entrambi appartenenti alla regione balcanica.

La Croazia e la Slovenia hanno trovato una soluzione al recente divieto, emesso da Lubiana, di transito di tir croati da piccoli valichi doganali. Lo ha annunciato oggi il ministro dei Trasporti di Zagabria Oleg Butkovic in una dichiarazione riportata dall’emittente “N1” e ripresa dall’Agenzia stampa italiana “Agenzia Nova“.

Butkovic ha affermato: “abbiamo raggiunto un accordo con il ministro sloveno dell’Infrastruttura Alenka Bratusek che prevede che i mezzi pesanti, dal peso superiore di 7,5 tonnellate, possono utilizzare anche i piccoli valichi, se muniti di targhe slovene o croate“.

La Slovenia ha chiuso il primo luglio 17 piccoli valichi doganali al passaggio di tir croati. Il lobbista per i Trasporti accreditato per l’Ue Marijan Baneli ha detto che si tratta “della risposta slovena al divieto di transito in un valico utilizzato dagli sloveni per raggiungere più rapidamente l’Ungheria“. Il ministro dei Trasporti della Croazia Oleg Butkovic aveva annunciato di volere chiedere alla Slovenia “uno statuto privilegiato” per i trasportatori croati. 

Un dibattito sull’economia, i trasporti e la logistica che in Slovenia e Croazia trova vigore anche dal trasporto via mare e dalle analisi legate alla blue-economy.

Le cifre evidenziano significative ricadute economiche sui territori derivanti dal turismo crocieristico e su traghetti, aliscafi e catamarani, riguardanti anche spese turistiche a terra (escursioni, visite, pernottamenti, pre-post viaggio, shopping, ristorazione ecc). Le toccate nave nel 2019 saranno 3.307 (+7,2%). Si tratta di proiezioni ricavate dalla stime di 23 porti crocieristici dell’Adriatico che nel 2018 hanno rappresentato il 99,7% dei passeggeri movimentati e il 99,3% delle toccate nave.

Sul podio Croazia (1,3 milioni, 25,2%) e Grecia (737mila). In crescita la Slovenia, grazie al porto di Koper (101mila passeggeri; +40,5%).

La Croazia si conferma al primo posto nell’area adriatica (9,56 milioni di passeggeri movimentati, + 0,7%, 48,4% del totale), seguita da Grecia (5,39 milioni, +7%, 27,3%) e Italia (3,29 milioni, +1,8%, 16,7%).

Ultime news

Agribusiness in Marocco: il webinar gratuito

Euromed International Trade presenta Agribusiness in Marocco, il nuovo webinar online in programma Giovedì 15 Aprile 2021 alle 11.00.

Gabriele Menotti Lippolis è il nuovo Presidente di Confindustria Brindisi

Il nuovo presidente di Confindustria Brindisi Gabriele Menotti Lippolis eletto dall’Assemblea Generale, in votazione per il quadriennio 2021-2025.

Food e Beverage tra nuovi consumi e mercati internazionali

0
Food Dive ha sottolineato il trend in crescita dei prodotti salutistici con un focus particolare sui cibi che aiutano il sistema immunitario.

Il Regno Unito aumenta le imposte sulle società

0
Il Regno Unito ha diffuso un ampio pacchetto di riforme fiscali che includerà, tra l'altro, l'aumento dell'aliquota sulle imprese.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)
spot_img

Economia

Food e Beverage tra nuovi consumi e mercati internazionali

Food Dive ha sottolineato il trend in crescita dei prodotti salutistici con un focus particolare sui cibi che aiutano il sistema immunitario.

Nuovi fondi per startup e PMI innovative

Nuovi fondi e finanziamenti per startup, imprese e PMI innovative con focus particolare sulle cosiddette tecnologie Deep Tech.

Le semplificazioni doganali per l’export italiano post Brexit

Le semplificazioni doganali costituiscono oggi un importante fattore di competitività per le aziende italiane interessate al Regno Unito.

Emergenza PMI italiane: società in perdita ma tassate

PMI Italiane tassate e in perdita. L'importanza di diversificare e proteggere il risparmio per gli imprenditori italiani.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img