33.1 C
Rome
giovedì, Luglio 29, 2021
spot_imgspot_img

I dati portuali del Tirreno tra 2019-2020

-

- Advertisment -

L’emergenza coronavirus ha alterato i dati positivi del traffico portuale del Tirreno. Il porto di Napoli è in difficoltà soprattutto sul fronte passeggeri, in cui viene registrata una riduzione tra il 70 e l’80%. Pietro Spirito, presidente dell’Autorità Portuale del Mar Tirreno Centrale a un mese dall’inizio del lockdown ha dichiarato: “Sono difficoltà, che condividiamo con tutti i porti italiani. La pandemia determina una contrazione drammatica del traffico passeggeri. Ricordo che Napoli movimenta 9 milioni di passeggeri l’anno, tra cui i turisti delle crociere che sono completamente bloccate“.

Da quando si sono inasprite le misure di contenimento per la diffusione del virus, passando per il lockdown proclamato lo scorso 22 marzo, e poi via via fino ad oggi, si è assistito ad una rapidissima contrazione dei volumi trasportati, che nei primi due mesi del 2020 sono calati tra il 35 e il 45%. Con riferimento alla movimentazione di contenitori, Confetra sottolinea come il Nord Adriatico abbia visto punte di contrazione del 20%, mentre per il Tirreno Centro Settentrionale si è riscontrato un calo del  10/15%.

Ricordiamo che nel 2019 la crescita del traffico passeggeri verso le isole del Golfo era attestata a 7.886.716, + 2,42 % rispetto al 2018, con dinamiche differenziate di aumento nei diversi scali (+ 12, 13% per il porto di Salerno, + 5,41 % per il porto di Castellammare, + 1,25 % per il porto di Napoli). Nel 2019, il traffico container nei porti di Napoli e Salerno risultava in crescita del 5,65% rispetto al 2018, con 1.095.156 container espressi in teu movimentati.

È noto come la diffusione del Covid-19 in Europa stia rendendo particolarmente disagevole il ritiro dei carichi presso i vari terminal portuali così come sono evidenti le difficoltà sul fronte del traffico per i passeggeri. Le fabbriche sono chiuse e hanno problemi a ritirare la merce giunta sulle banchine. Il coronavirus ha provocato un blocco nella produzione dei porti italiani e del Tirreno e negli scambi con il mondo orientale e del Mediterraneo. In prospettiva, se l’epidemia sarà effettivamente controllata entro poco tempo, sia dal punto di vista della pericolosità del virus sia del contagio e della diffusione, si avrà un rallentamento dell’import export di alcuni mesi, ma se la situazione continuerà a durare, i danni potrebbero essere davvero significativi e negativamente importanti.

Ultime news

Università di Cassino e MACTT insieme per una formazione a vocazione internazionale

0
L’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, in Italia, e la Mediterranean Academy of Culture, Technology and Trade (MACTT), istituto di Alta Formazione con...

ll rilancio della moda italiana e dell’abbigliamento per bambini

0
Secondo i dati ISTAT, con riferimento al solo segmento bebè, da gennaio a marzo 2021 l’export presenta un’inversione di tendenza, mostrando una timida variazione in aumento, pari al +0,7%.

Digital Innovation Days 2021: partecipa con Imprese del Sud

Il Digital Innovation Days, l’evento italiano più atteso del mondo digital, ritorna anche quest’anno con un’edizione innovativa e con la partnership di Imprese del...

Catalogna: alleanza strategica con i “motori” economici UE

0
Le regioni Catalogna, Auvergne-Rhône-Alpes, Baden-Wurttemberg e Lombardia hanno lanciato l'alleanza "Quattro Motori per l'Europa" con lo scopo di incoraggiare il commercio, gli investimenti e...
digital_business

Legge Sabatini: le novità del 2021 per le PMI

0
Il contributo verrà erogato dal MiSe in un'unica soluzione indipendentemente dall'importo del finanziamento deliberato e l'erogazione in un'unica soluzione avviene ad investimento ultimato.
spot_img

Economia

ll rilancio della moda italiana e dell’abbigliamento per bambini

Secondo i dati ISTAT, con riferimento al solo segmento bebè, da gennaio a marzo 2021 l’export presenta un’inversione di tendenza, mostrando una timida variazione in aumento, pari al +0,7%.

Catalogna: alleanza strategica con i “motori” economici UE

Le regioni Catalogna, Auvergne-Rhône-Alpes, Baden-Wurttemberg e Lombardia hanno lanciato l'alleanza "Quattro Motori per l'Europa" con lo scopo di incoraggiare...

Scambi e partenariato economico tra Ghana e Unione europea

La notizia della recente liberalizzazione per l'export europeo crea ulteriori aspettative di sviluppo economico e diversificazione commerciale, generando implementazione degli scambi sia per il Ghana che per la stessa Unione europea.

European Partnership on Innovative SMEs: il bando per le PMI innovative

E' stato pubblicato il bando European Partnership on Innovative SMEs (HORIZON-EIE-2021-INNOVSMES-01) del Programma di lavoro 2021-2022 European Innovation Ecosystems...
- Advertisement -spot_img