10.9 C
Roma
giovedì, 22 Ottobre 2020

Equitalia di nuovo bastonata. Cartella per multe nulla se basata sulla contravvenzione

-

- Advertisment -

Il titolo esecutivo sulla cui base l’agente della riscossione può procedere è solo il verdetto del magistrato onorario che rigetta l’opposizione contro la sanzione amministrativa e non il documento redatto dalla volante della polizia.

Equitalia sbaglia ancora nella compilazione delle cartelle esattoriali. E ad accorgersene è la Cassazione [Cass. sent. n. 20983 del 6.10.2014].

In particolare, con una sentenza recentissima, la Suprema Corte ha rilevato un grave vizio di forma che determinerebbe la nullità degli atti notificati agli automobilisti già multati per violazione del codice stradale. Vediamo, nel dettaglio, di cosa si tratta.

Quando l’automobilista, ricevuta una multa e proposto ricorso al giudice di pace, perde la causa, e quindi è tenuto a pagare la contravvenzione, Equitalia deve, nella cartella esattoriale, indicare, quale debito principale, la sentenza di rigetto dell’opposizione e non il verbale che, a monte, aveva accertato l’infrazione. Diversamente, la cartella esattoriale è nulla e può essere impugnata perché nulla è dovuto dal suo destinatario.

L’atto dell’agente della riscossione si deve basare, infatti, sull’effettivo titolo in mano all’ente pubblico e non, invece, quello che era all’origine di tutta la vicenda giudiziaria.

Infatti, in questi casi, solo la sentenza con cui viene rigettato il ricorso contro la multa costituisce titolo esecutivo per la riscossione coatta delle somme inflitte dal giudice.

Dunque, a seguito del rigetto dell’opposizione, il titolo esecutivo è ormai costituito dalla sentenza di rigetto e non dal verbale di accertamento. E la pubblica amministrazione non può agire in via esecutiva, contro l’automobilista, vantando un titolo diverso da quello reale: pena l’impossibilità, per il debitore, di poter opporre una valida difesa.

Ma non è ancora tutto. La seconda sezione civile ha inoltre precisato che la sentenza del giudice di pace deve contenere la somma che l’automobilista deve versare. Infatti, il titolo deve essere preciso e riportare con esattezza il debito da pagare. Diversamente è nullo.

Quest’ultimo è un elemento da valorizzare: non raramente, infatti, capita che i giudici, frettolosamente, si limitino a dichiarare, genericamente, il rigetto del ricorso, senza però poi indicare l’importo da versare all’ente.

Sergio Passariello
Sergio Passariellohttps://www.impresedelsud.it
Blogger, consulente aziendale ed imprenditore
- Advertisement -

Ultime news

“Italia 2030”, formazione per il futuro sostenibile

0
Buffagni: “Sviluppo sostenibile ed Economia circolare opportunità per creare nuovi posti di lavoro, avvicinando cittadini e aziende”

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

0
Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

OCSE: l’Italia ha un fisco poco competitivo

0
Nella classifica dei Paesi monitorati l'Italia occupa l'ultima posizione a causa del suo carico fiscale

La Sardegna e le opportunità legate all’acquacoltura

0
In arrivo sei milioni di euro di aiuti alle imprese di pesca e acquacoltura della Regione Sardegna per implementare l'occupazione locale.

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

0
Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Economia

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -