18.7 C
Rome
giovedì, Dicembre 8, 2022
spot_imgspot_img

Discussione su Jobs Act inutile, serve solo a prendere tempo

-

- Advertisment -

“Non ci sono dubbi! La discussione incardinata in parlamento sul Jobs Act serve solo per prendere tempo, non avendo il Governo Renzi, l’autorevolezza Nazionale ed Europea di esercitare la giusta sovranità fiscale e legislativa.” E’ quanto dichiara Sergio Passariello, Presidente di Imprese del Sud movimento a tutela delle imprese meridionali.

La strategia di questo Governo – continua Passariello – è la stessa messa in campo con le finte riforme, fiumi di sedute parlamentari e discussioni sterili, su provvedimenti che non solo non porteranno una boccata di ossigeno alla nostra economia ma faranno perdere tempo prezioso al nostro sistema industriale e produttivo ed in particolare meridionale.

E’ incontestabile – prosegue Passariello – se un impresa ha la possibilità di crescere nei fatturati e produce utili non avrà nessun problema ad assumere e garantire lavoro. Ma quanti posti di lavoro può garantire se la tassazione sul lavoro stesso resta così alta

Le domande sono tante – afferma Passariello – Chi deve creare le condizioni affinché in Italia si riprenda a crescere? Chi deve regolamentare il mercato con leggi certe e poco interpretabili per evitare contenziosi giudiziari? Chi deve proporre la vera riforma della burocrazia italiana con l’abrogazione delle legge Bassanini? Chi può definire delle nuove strategie fiscali per attrarre investimenti nel nostro paese? Chi deve mettere in campo il taglio concreto degli sprechi economici presenti nella spesa pubblica?

La risposta è unica. Chi se non il Governo….

Questo è un Governo di attesa, non di azione – chiarisce Passariello – ormai è chiaro, solo una vera e concreta rivoluzione nel concetto di rappresentanza parlamentare, potrà determinare, in futuro, la nostra salvezza. Il tempo delle deleghe in bianco è finito, così come il tempo dei Governi delle larghe intese.

Il movimento Imprese del Sud – conclude Passariello – auspica che il Primo Ministro Renzi abbandoni la strategia dei proclami e passi a quella delle azioni concrete, senza accampare altre scuse. In caso contrario abbia il coraggio di farsi da parte, perché per noi 1000 giorni sono un eternità e non possiamo più attendere.

Vogliamo un progetto a breve termine per il futuro delle nostre imprese e per i nostri figli.

Ultime news

Titolari effettivi Anac Appalti pubblici Imprese del Sud

Titolari effettivi. Negli appalti pubblici più trasparenza.

L'Anac, definisce le procedure per le Stazioni appaltanti, al fine di individuare i titolari effettivi dei partecipanti alle gare pubbliche.
Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
spot_img

Economia

Titolari effettivi. Negli appalti pubblici più trasparenza.

L'Anac, definisce le procedure per le Stazioni appaltanti, al fine di individuare i titolari effettivi dei partecipanti alle gare pubbliche.

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...
- Advertisement -spot_img