17.8 C
Rome
sabato, Aprile 17, 2021
spot_imgspot_img

Dieta Mediterranea: il programma Living Lab per le imprese

Ha preso il via il Programma di Formazione e Co-progettazione (Living Lab) per la creazione di imprese legate alla Dieta Mediterranea.

-

- Advertisment -spot_img

La pandemia sanitaria ha posto la Dieta Mediterranea al centro degli interessi dei cittadini italiani. La maggiore disponibilità di tempo, favorita dallo smart working, ha infatti impattato significativamente sulle abitudini degli italiani in cucina. Si dedica più tempo alla cucina, alla pianificazione dei pasti, all’organizzazione delle scorte, alla prevenzione degli sprechi: il 51,6% degli italiani dichiara di sprecare meno dopo l’isolamento, in particolare farina e lievito (43,2%), carni rosse (42,8%), carni bianche (40,7%), latte (40,4%) e avanzi (44,9%). 

Sono trascorsi dieci anni da quando la dieta mediterranea è stata iscritta nella lista del patrimonio culturale immateriale Unesco. Le motivazioni, come si legge nel documento del Comitato intergovernativo della Convenzione, stanno in quelle conoscenze, pratiche tradizionali e abilità che sono passate di generazione in generazione e che, nel tempo, hanno fornito alle comunità affacciate sul Mediterraneo un senso di appartenenza e continuità

Nel decennale del riconoscimento da parte dell’UNESCO della Dieta Mediterranea come patrimonio immateriale dell’umanità, ha preso il via il Programma di Formazione e Co-progettazione (Living Lab) per la creazione di imprese legate alla Dieta Mediterranea promosso dalla Regione Campania e realizzato con la collaborazione di Scabec (Società Campana Beni Culturali) e Future Food Institute

Il Living Lab è attivato nell’ambito del progetto MD.net Mediterranean Diet – When Brand Meets People, finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale Europea Interreg Med (FESR – Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014-2020), di cui la Regione Campania è Lead Partner. Obiettivo generale è il riconoscimento della Dieta Mediterranea come opportunità di sviluppo economico e di creazione di impresa creativa e innovativa, capace di riflettere la vocazione territoriale in termini non solo legati all’agroalimentare, ma anche allo stile di vita locale. Al termine del percorso verranno selezionate fino a otto idee di impresa, che saranno supportate dallo staff regionale nell’identificazione delle modalità di finanziamento e nell’attivazione dei processi tecnici e amministrativi per la richiesta di fondi per la creazione d’impresa. Inoltre, importante appare coinvolgere un pubblico più giovane sul tema sempre attuale della Dieta Mediterranea, sulla storia e sull’identità culturale che rappresenta, stimolando un interesse che potrebbe avere ricadute sul piano della formazione e sulla futura occupazione dei giovani della Campania e del Sud dell’Italia.

spot_imgspot_img
Domenico Letiziahttps://www.domenicoletizia.it/
Giornalista, scrive per il quotidiano "L’Opinione delle Libertà", e analista economico e geopolitico. Ricercatore e social media manager del “Water Museum of Venice”, membro della Rete Mondiale UNESCO dei Musei dell’Acqua. Responsabile alla Comunicazione per numerose società di consulenza e internazionalizzazione.
- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Ultime news

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

La Canadian Chamber in Italy si rinforza

0
La Canadian Chamber in Italy è pronta a rilanciare la sua attività con un direttivo rafforzato per favorire le relazioni tra Canada e Italia.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa equa e sostenibile di cui...
spot_img

Economia

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa...

Plastic free e car sharing: due proposte per il rilancio

Promuovere il taglio dell'utilizzo di plastiche monouso all'interno delle aziende e incentivare il car sharing per i dipendenti.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img