Dal Regno Unito nuove misure fiscali sulle criptovalute

-

- Advertisment -

Una nuova forma di riconoscimento per il mondo delle criptovalute arriva dai nuovi provvedimenti fiscali che il governo del Regno Unito ha emanato per sostenere le aziende che operano con moneta elettronica.

Le misure sono state approvate dall’HMRC (Her Majesty’s Revenue and Customs), il dipartimento governativo UK responsabile per la riscossione delle imposte, il pagamento di alcune forme di sussidi statali e l’amministrazione di altri regimi regolatori incluso il salario minimo nazionale.

Le linee guida rafforzano la posizione delle persone e delle aziende che concludono affari in criptovaluta, le quali devono ora dichiarare le azioni compiute anche tramite blockchain sulle dichiarazioni dei redditi della propria azienda. Gli utenti sono inoltre tenuti a pagare l’imposta sulle società, le plusvalenze, l’imposta sul reddito, l’imposta di bollo, l’assicurazione nazionale e la VAT (l’Iva inglese).

L’HMRC impone alle aziende di gestire i calcoli per determinare il valore di una criptovaluta in sterline, ma allegando una spiegazione sulla metodologia e i criteri di tali conteggi.

Resta lontana, comunque, la parificazione delle criptovalute al denaro, così come a titoli o azioni negoziabili. Non essendoci controparti dietro ai token, la moneta elettronica ancora non può costituire un debito, e quindi non è valida per generare una relazione di prestito.

L’HMRC ha aggiunto infine delle maggiorazioni sulla tassazione per le società che pagano il loro personale sotto forma di criptovalute.

In linea generale, risulta evidente che il Regno Unito sta prendendo provvedimenti per legittimare e classificare la criptovaluta in una forma distinta dalla valuta tradizionale. Tuttavia, il percorso va in ben altra direzione da quella di altri paesi che hanno intrapreso azioni pesanti contro questa nuova forma di scambio. Basta vedere l’India, intenzionata persino a incarcerare fino a dieci anni chi entra in questo mondo.

Ad oggi Malta è uno dei pochi paesi che hanno deciso di abbracciare completamente le criptovalute sin dalle prime fasi, grazie a un quadro normativo che è valso l’attribuzione di Blockchain Island. Per tanti altri paesi, invece, il percorso sarà senza dubbio più lungo, ma indirizzato verso l’apertura a queste nuove tecnologie, che potranno cambiare anche il modo di fare impresa.

Ultime news

Lavoratrice vessata dai colleghi: il datore dovrà risarcirla

0
La Corte di Cassazione riconosce il dovere di mantenere un ambiente sereno

Bonus 110%: il peso di burocrazia e restrizioni

0
Il Consiglio Nazionale Ingegneri lancia l’allarme alla luce di una analisi di dettaglio sul mercato degli interventi agevolati dall’Ecobonus e dal Sismabonus.

Le nuove opportunità del mercato spagnolo per le imprese italiane

0
Nel Paese sono attivi interessanti strumenti di internazionalizzazione a favore delle imprese interessate al mercato spagnolo.

Malta concede la prima licenza per produrre cannabis

0
L'isola del Mediterraneo punta ad attirare nuovi investimenti nel settore

Veneto: contributi alle PMI per la ripresa del turismo

0
Il bando della Regione a sostegno delle reti di impresa, associazioni e consorzi

Economia

Le nuove opportunità del mercato spagnolo per le imprese italiane

Nel Paese sono attivi interessanti strumenti di internazionalizzazione a favore delle imprese interessate al mercato spagnolo.

Malta concede la prima licenza per produrre cannabis

L'isola del Mediterraneo punta ad attirare nuovi investimenti nel settore

Veneto: contributi alle PMI per la ripresa del turismo

Il bando della Regione a sostegno delle reti di impresa, associazioni e consorzi

Brexit: regole commerciali e attività doganali

Gli operatori che effettuano cessioni verso il Regno Unito potranno recarsi presso gli Uffici delle dogane e capire le nuove regole doganali.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -