20.3 C
Rome
martedì, Aprile 20, 2021
spot_imgspot_img

Covid-19, rischio usura: Assicomfidi lancia l’allarme

-

- Advertisment -spot_img

Evidenziamo e segnaliamo l’opportunità di affrontare in maniera rapida ed adeguata l’emergenza credito sul territorio e il rischio usura. Oggi le imprese hanno difficoltà anche ad acquisire la documentazione necessaria ed utile da sottoporre alle banche per una istruttoria bancaria, o per le difficoltà operative degli studi professionali, o perché molti di questi documenti si trovano presso le stesse imprese oggi chiuse.

In un tale scenario l’utilizzo dinamico dei fondi di garanzia esistenti e da costituire unitamente ad altre misure di supporto al credito è fattore centrale, così come automatica dovrebbe essere la sospensione dei finanziamenti in corso senza alcun pregiudizio in centrale rischi.

I tempi di istruttoria devono essere rapidi e le banche devono responsabilmente impiegare i fondi costituiti per la prevenzione del racket e dell’usura.

Assicomfidi – consorzio di garanzia Confcommercio – nella fattispecie ha costituito presso le banche un plafond di un milione di euro, collegato ai fondi ex legge 108/96 stanziati da parte del Dipartimento del Tesoro per sostenere le aziende carenti nelle garanzie, ma certamente bancabili, ma occorre una adeguata concertazione con le banche che ancora attendono direttive dalle sedi centrali.

Solo attraverso mirate azioni di prevenzione al racket ed all’usura si potrà prevenire una ulteriore piaga : quella della futura ulteriore perdita delle economie sane del nostro territorio.

Oggi, occorre che la Regione si faccia carico anche attraverso i confidi dei costi che le imprese dovranno sostenere per le fideiussioni favorendo anche un abbattimento di tutti gli oneri bancari. Occorre che la Regione diversifichi i propri investimenti sull’emergenza credito facendosi aiutare e supportare dai confidi.

Con la Regione tutti gli enti locali non possono tirarsi indietro. Occorre dotare i confidi, vista l’emergenza, di specifici plafond da gestire direttamente come fondi di garanzia da utilizzare con le stesse metodologie dei fondi ex legge 108 (fondi di garanzia iscritti in bilancio come partite di debito verso gli enti con vincolo di restituzione in caso di mancato utilizzo).

Evidenziamo e segnaliamo l’opportunità di affrontare in maniera rapida ed adeguata l’emergenza credito sul territorio.  

Oggi le imprese hanno difficoltà anche ad acquisire la documentazione necessaria ed utile da sottoporre alle banche per una istruttoria bancaria, o per le difficoltà operative degli studi professionali, o perché molti di questi documenti si trovano presso le stesse imprese oggi chiuse.

In un tale scenario l’utilizzo dinamico dei fondi di garanzia esistenti e da costituire unitamente ad altre misure di supporto al credito è fattore centrale, così come automatica dovrebbe essere la sospensione dei finanziamenti in corso senza alcun pregiudizio in centrale rischi.

I tempi di istruttoria devono essere rapidi e le banche devono responsabilmente impiegare i fondi costituiti per la prevenzione del racket e dell’usura.

Assicomfidi – consorzio di garanzia Confcommercio – nella fattispecie ha costituito presso le banche un plafond di un milione di euro, collegato ai fondi ex legge 108/96 stanziati da parte del Dipartimento del Tesoro per sostenere le aziende carenti nelle garanzie, ma certamente bancabili, ma occorre una adeguata concertazione con le banche che ancora attendono direttive dalle sedi centrali.

Solo attraverso mirate azioni di prevenzione al racket ed all’usura si potrà prevenire una ulteriore piaga : quella della futura ulteriore perdita delle economie sane del nostro territorio.

Oggi, occorre che la Regione si faccia carico anche attraverso i confidi dei costi che le imprese dovranno sostenere per le fideiussioni favorendo anche un abbattimento di tutti gli oneri bancari. Occorre che la Regione diversifichi i propri investimenti sull’emergenza credito facendosi aiutare e supportare dai confidi.

Con la Regione tutti gli enti locali non possono tirarsi indietro. Occorre dotare i confidi, vista l’emergenza, di specifici plafond da gestire direttamente come fondi di garanzia da utilizzare con le stesse metodologie dei fondi ex legge 108 (fondi di garanzia iscritti in bilancio come partite di debito verso gli enti con vincolo di restituzione in caso di mancato utilizzo).

Ultime news

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

0
Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del webinar Agribusiness in Marocco, che...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

0
Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.
spot_img

Economia

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img