19.5 C
Roma
martedì, 20 Ottobre 2020

La crisi attuale e l’impatto sui porti italiani

-

- Advertisment -

L’attuale crisi sanitaria mondiale ha generato un mutamento globale dei meccanismi economici e commerciali a partire dal settore della logistica e dei porti.

Le molteplici conseguenze dell’emergenza creata dalla pandemia non hanno risparmiato i traffici portuali e la catena logistica nel suo complesso. L’onere per gli operatori, infatti, è duplice, in quanto oltre i costi delle doverose misure di sicurezza, devono arginare un’ingente contrazione delle ordinazioni e dei traffici. Una situazione particolarmente allarmante, denunciata dal Corriere Marittimo, che evidenzia l’importanza di intervenire sul sistema degli operatori portuali e di tutti i servizi collegati, con urgenti e concrete misure compensative.

I provvedimenti adottati da alcune Autorità di Sistema Portuale del versante adriatico rappresentano senza dubbio un modello da replicare anche sul versante tirrenico. Tali provvedimenti, che prevedono la sospensione dei canoni demaniali fino al 30 settembre, costituiscono un supporto non trascurabile per i costi aziendali, riconoscendo tra l’altro il valore sociale della continuità dei servizi portuali per la collettività.

Si tratta di un ulteriore sostegno che, seppure indirettamente, viene fornito dai provvedimenti governativi del “Cura Italia“. In tale ottica intervengono le associazioni di settore. Particolarmente importanti sono le richieste di Confindustria Livorno e Massa Carrara che chiedono alla presidenza della locale Autorità di Sistema Portuale, in analogia a quanto già fatto da altre AdSP, di adottare gli stessi provvedimenti in modo da mantenere l’equilibrio nella concorrenza tra gli scali.

Interventi concreti e soprattutto solleciti per supportare in maniera adeguata la funzionalità del sistema portuale in tutte le sue articolazioni cosicché, superata l’emergenza, la fase di ripresa possa trovare le aziende industriali e portuali del nostro territorio in grado di riprendere a pieni giri la produttività“, rilanciano da Confindustria Livorno e Massa Carrara.

D’altronde, come ribadito da Assoporti, i porti italiani stanno adottando tutte le misure per garantire la massima sicurezza delle operazioni e soprattutto “sono pienamente operativi a servizio della collettività e tutti gli uffici, compresi quelli di controlli, garantiscono il regolare svolgimento delle attività“. Inoltre, “i provvedimenti adottati dal governo non limitano in alcun modo la circolazione delle merci nel nostro Paese” dichiara la nota stampa dell’associazione che riunisce le Autorità di sistema portuale italiane aggiungendo che ferma restando la procedura della “libera pratica sanitaria” che autorizza l’approdo delle navi, c’è piena disponibilità ad adottare eventuali nuove misure “che dovessero essere dettate dalla Protezione civile“.

TELENORD - Alto Tirreno, i porto nel 2018 sono cresciuti del 7,3 ...

Il coronavirus ha provocato un blocco nella produzione dei porti italiani e negli scambi con il mondo orientale. In prospettiva, se l’epidemia sarà effettivamente controllata entro poco tempo, sia dal punto di vista della pericolosità del virus sia del contagio e della diffusione, si avrà un rallentamento dell’import export di alcuni mesi, ma se la situazione continuerà a durare, i danni potrebbero essere davvero significativi e insuperabili.

Domenico Letizia
Domenico Letiziahttps://www.domenicoletizia.it/
Giornalista, scrive per il quotidiano "L’Opinione delle Libertà", e analista economico e geopolitico. Ricercatore e social media manager del “Water Museum of Venice”, membro della Rete Mondiale UNESCO dei Musei dell’Acqua. Responsabile alla Comunicazione per numerose società di consulenza e internazionalizzazione.
- Advertisement -

Ultime news

OCSE: l’Italia ha un fisco poco competitivo

0
Nella classifica dei Paesi monitorati l'Italia occupa l'ultima posizione a causa del suo carico fiscale

La Sardegna e le opportunità legate all’acquacoltura

0
In arrivo sei milioni di euro di aiuti alle imprese di pesca e acquacoltura della Regione Sardegna per implementare l'occupazione locale.

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

0
Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

0
Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

0
Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Economia

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Autoimprenditorialità under 30: i nuovi incentivi

L'attuale esecutivo ha dato inizio a procedure di semplificazioni volte a promuovere l’autoimprenditorialità dei giovani al di sotto dei 30 anni.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Autoimprenditorialità under 30: i nuovi incentivi

L'attuale esecutivo ha dato inizio a procedure di semplificazioni volte a promuovere l’autoimprenditorialità dei giovani al di sotto dei 30 anni.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -