20.3 C
Rome
martedì, Aprile 20, 2021
spot_imgspot_img

Coronavirus: la battaglia delle Associazioni

-

- Advertisment -spot_img

Le associazioni di categoria continuano a lottare per una corretta gestione dell’emergenza coronavirus e un pronto rilancio del sistema Paese. I contributi degli ultimi giorni.

ANAP SARDEGNA

Paola Montis

Ci mancava anche il coronavirus a turbare la vita di anziani e pensionati. Purtroppo, come spesso puntualmente accade nelle situazione di crisi, c’è chi approfitta della situazione di difficoltà per fare leva sulle paure della gente. E, in particolare, delle fasce più deboli della popolazione”. Paola Montis, Presidente dell’ANAP Sardegna, l’Associazione dei pensionati artigiani di Confartigianato, commenta i tentativi di truffa da parte di falsi infermieri o finti volontari che, già segnalati e denunciati in varie zone d’Italia, si presentano a casa degli anziani per “effettuare fantomatici test contro il coronavirus” oppure che telefonano per segnalare la necessità di eseguire a domicilio il tampone. “Sono truffe – denuncia la Presidentee come tale vanno gestite. I truffatori professionisti, veri e propri mascalzoni, le inventano tutte e adattano la loro modalità di agire in casi come questi. Se avete dubbi contattate le Forze dell’Ordine”. “Come ANAP, l’Associazione dei Pensionati di Confartigianato in Sardegna, che nell’Isola associa oltre 5mila anziani e pensionati, e ben 500mila nel resto dell’Italia – continua la Presidentesiamo impegnati da anni a fianco proprio delle Forze dell’Ordine per prevenire truffe e furti a danni degli anziani”. “Ed è proprio sulla scorta della nostra esperienza maturata con la Campagna Più sicuri insieme – prosegue la Montis – promossa da ANAP, assieme con il Ministero dell’Interno, il Dipartimento della Pubblica Sicurezza – Direzione Centrale della Polizia Criminale, con il contributo della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e del Corpo della Guardia di Finanza, che ci sentiamo di raccomandare, anche in questo caso straordinario, di seguire alcune semplici indicazioni”.

CONFCOMMERCIO CALABRIA

Klaus Algieri

C’è un serio rischio che a causa di una psicosi collettiva, in molti casi del tutto irrazionale, provocata da una comunicazione spesso superficiale, si generi una compressione dell’economia dalle conseguenze disastrose“. Ad affermarlo è Klaus Algieri, Presidente di Confcommercio Calabria, che nel commentare l’attuale situazione che sta attraversando il nostro paese, a causa della diffusione del coronavirus, sottolinea come anche le aziende calabresi stiano subendo seri contraccolpi da un punto di vista economico. Da un’indagine condotta emerge infatti come, nonostante in Calabria non si siano registrati casi di contagio, molte sono le imprese che registrano un calo repentino delle vendite e dei consumi. In particolare le imprese del settore turistico che nell’ultima settimana si sono viste arrivare tantissime disdette di prenotazioni che rischiano di compromettere definitivamente la stagione, portando in alcuni casi alla chiusura anticipata delle strutture. “Chiediamo – ha continuato Algieri – alla presidente della Regione Calabria Jole Santelli un incontro, al più presto, per discutere insieme le misure a sostegno delle imprese calabresi e in particolare per predisporre un piano di comunicazione condiviso tra tutti gli attori economici e istituzionali che permetta di ridurre lo stato allarmismo. È importante – ha concluso Algieri – che tutti insieme contribuiamo a veicolare messaggi corretti attraverso una informazione seria, rigorosa, chiara e prudente“.

FIMAA – MEDIATORI AGENTI D’AFFARI

Santino Taverna

“La nostra solidarietà va alle comunità dei territori colpiti dal coronavirus che vivono momenti di comprensibile ansia. Rivolgiamo un pensiero alle vittime ed esprimiamo vicinanza ai loro familiari e riconoscenza al personale medico sanitario al lavoro per fronteggiare e arginare il rischio di diffusione del virus. L’Italia, a partire dalle regioni del nord, sta affrontando una situazione di forte difficoltà che ci invita a fare sistema per cercare, con equilibrio e cautela, di riavviare tutte le attività al momento bloccate. Oltre alle misure urgenti che il Governo ha adottato, occorre grande senso di responsabilità, anche da parte dei media, per evitare di diffondere un’immagine e una percezione del Paese, soprattutto nei confronti degli investitori internazionali, che rischia di danneggiare i nostri prodotti, il turismo, il mercato immobiliare e del credito e a catena i relativi indotti. Condividiamo appieno l’appello al Governo di Abi, Coldiretti, Confagricoltura, Confapi, Confindustria, Legacoop, Rete Imprese Italia, sindacati Cgil, Cisl e Uil ‘per costruire un grande piano di rilancio degli investimenti in Italia che contempli misure forti e straordinarie per riportare il lavoro e la nostra economia su un percorso di crescita stabile e duratura’. Le imprese della mediazione, nonostante le difficoltà del momento e con le dovute precauzioni, continuano ad operare ogni giorno sull’intero territorio nazionale. Come Fimaa-Confcommercio ci rendiamo disponibili, nei confronti del Governo e delle Istituzioni, a mettere in campo le nostre competenze per far ripartire il Paese”. È il commento di Santino Taverna, presidente nazionale Fimaa – Federazione italiana mediatori agenti d’affari, aderente a Confcommercio-Imprese per l’Italia – (agenti immobiliari, mediatori creditizi, mediatori merceologici).

Ultime news

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

0
Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del webinar Agribusiness in Marocco, che...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

0
Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.
spot_img

Economia

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img