21.3 C
Rome
lunedì, Maggio 23, 2022
spot_imgspot_img

Connect Albania: nuove opportunità per gli investitori

L’iniziativa incentiva i membri della diaspora albanese ad impegnarsi come agenti di sviluppo per attrarre investimenti.

-

- Advertisment -

L’Albania torna a far parlare delle proprie opportunità in Italia e all’estero. Il nuovo e innovativo programma “Connect Albania” è promosso da OIM Albania e ha l’obiettivo di attrarre investimenti per supportare lo sviluppo e la crescita dell’economia albanese, attraverso un innovativo meccanismo di attrazione degli investimenti online che intende sostenere i membri della diaspora albanese a impegnarsi come agenti di sviluppo. L’iniziativa si inserisce all’interno del programma “Coinvolgere la diaspora albanese nello sviluppo economico e sociale dell’Albania” nonché in un contesto più ampio di allineamento del Paese agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (SDGs).

L’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni in Albania, con il finanziamento del Ministero Italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, in partenariato con il Governo albanese, ha lanciato il programma ‘Coinvolgimento della Diaspora Albanese nello sviluppo sociale ed economico dell’Albania’ in cui si inserisce l’iniziativa “Connect Albania” che si pone l’obiettivo di attrarre imprenditori e investitori presenti sul suolo italiano per investire in Albania attraverso degli agenti di sviluppo, membri della Diaspora albanese. Il programma mira, infatti, ad attrarre investimenti per promuovere lo sviluppo e la crescita dell’economia albanese, che negli ultimi anni ha registrato l’interesse di investitori in molteplici settori economici, quali ad esempio: l’energetico (produzione da fonti rinnovabili), il minerario–petrolifero, il turistico, il manifatturiero e l’agricolo. In particolare, l’iniziativa “Connect Albania” incentiva i membri della diaspora albanese ad impegnarsi come agenti di sviluppo per attrarre ed accompagnare investimenti e supportare l’occupazione generazionale nelle comunità locali dell’Albania.

“Connect Albania” viene implementato per la prima volta in Albania e testato con l’Italia data l’importante presenza di albanesi sul territorio, con circa 500 mila persone. “Siamo molto orgogliosi di aver lanciato questa iniziativa che siamo sicuri porterà grandi vantaggi all’Albania e all’ulteriore sviluppo delle relazioni con l’Italia” ha recentemente affermato Nino Merola, Rappresentante dell’AICS nei Balcani occidentali. Secondo l’Istituto di Statistica Nazionale Albanese, l’Italia rappresenta il 36,2% del volume complessivo dell’interscambio commerciale. Nel 2019, il 48% delle esportazioni albanesi sono state dirette verso l’Italia, mentre l’Albania ha registrato con l’Italia il 25% delle importazioni complessive. Sul territorio albanese sono presenti più di 700 piccole e medie imprese italo-albanesi, così come alcuni grandi banche italiane e gruppi industriali medio-grandi.

Tra i settori economici che hanno visto negli ultimi anni un trend di importante crescita, vi è il settore turistico: solo negli ultimi 5 anni, la presenza internazionale in Albania è aumentata del 78%, superando i 6 milioni di viaggiatori entrati nel Paese nel 2019. Questa crescita ha contribuito fortemente all’economia del Paese sia in termini monetari, sia occupazionali, rendendo il turismo uno dei settori strategici per l’Albania. Un altro settore in rapida evoluzione è quello rappresentato dalle industrie creative come pubblicità, architettura, arte, moda, design, informatica e media, che attualmente contribuisce al PIL del Paese con circa lo 0,5%. Con una quota del 37%, la più grande filiale dell’industria creativa in Albania (per numero di dipendenti) è l’attività artigianale tradizionale, seguita dai servizi di design, arte e pubblicità.

Il Paese può vantare nuove opportunità anche in ambito di promozione del Made in Albania per i prodotti agroalimentari. L’Albania offre importanti opportunità nel settore agricolo, grazie al suo clima molto favorevole. L’Albania, grazie anche alla sua vicinanza geografica con l’Europa, è in grado di diventare uno dei principali produttori di alimenti biologici di qualità, destinati ai mercati europei. Il settore agro-alimentare è una parte significativa dell’economia albanese, rappresentando circa il 20% del PIL e impiegando il 46% della forza lavoro nazionale. In particolare, notevoli investimenti sono previsti da parte del Governo albanese per modernizzare tutto il sistema. Come conseguenza della ratifica dell’Accordo sulla stabilizzazione ed associazione (ASA) e la successiva apertura da parte degli Stati UE, lo scorso 24 marzo 2020, per avviare i negoziati di adesione all’UE con l’Albania e la Macedonia del Nord, l’Albania sta attualmente applicando le regole e gli standard europei in materia agricola.

Nuove opportunità provengono anche dal settore della digitalizzazione, della tecnologia e della promozione di piattaforme digitali. L’Albania, dopo Francia e Malta, è uno dei pochi paesi in Europa ad adottare la tecnologia “Blockchain” in una cornice completamente regolamentata e conforme alle direttive dell’UE nel settore finanziario. Si stima che, nei prossimi dieci anni, le innovazioni tecnologiche legate all’utilizzo degli smart contracts e della Blockchain rivoluzioneranno tutti i settori e i mercati per l’imprenditoria. Per comprendere le opportunità provenienti dall’Albania e approfondire le nuove sinergie frutto del nuovo programma lanciato dall’ OIM Albania è possibile rivolgersi ad Euromed International Trade che propone alle imprese del network ed ai propri clienti, impegnate e desiderose di entrare sui mercati internazionali, un’offerta completa di servizi integrati.

  • Contattaci per info

  • spot_imgspot_img
    Domenico Letizia
    Domenico Letizia
    Giornalista.
    Scopri l'offertaMedia partner

    Ultime news

    imprese agricole

    Imprese agricole: via al Fondo investimenti innovativi

    A partire dal 23 maggio e fino al 23 giugno 2022, le micro, piccole e medie imprese agricole potranno richiedere le agevolazioni del Fondo per...
    ceta business forum

    CETA Business Forum: una ricca agenda per i settori del futuro

    Sale l'attesa per il CETA Business Forum, il primo grande evento di business online interamente dedicato ai rapporti tra Unione Europea e Canada: l'appuntamento...

    Circa 600 domande per valorizzare i beni confiscati alla mafia

    Sono state 605 le domande per accedere alle risorse messe a disposizione dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per la valorizzazione di beni confiscati alla...
    south working

    “Il futuro dello smart working parte dal Sud” 

    Dallo scorso 21 aprile 2022 è disponibile in libreria e sulle più importanti piattaforme il libro dell’associazione South Working – Lavorare dal Sud dal...
    ceta business forum

    CETA Business Forum: aperte le iscrizioni

    Sono ufficialmente aperte le iscrizioni per il CETA BUSINESS FORUM, il primo grande evento di matching online rivolto alle aziende e ai professionisti che...
    spot_img

    Economia

    Imprese agricole: via al Fondo investimenti innovativi

    A partire dal 23 maggio e fino al 23 giugno 2022, le micro, piccole e medie imprese agricole potranno richiedere...

    Calcolo ad alte prestazioni (HPC): le sovvenzioni UE

    Nel quadro del programma Europa Digitale la Commissione europea ha lanciato un invito a presentare proposte per sovvenzioni nel...

    Digitalizzazione Pmi: il nuovo bando DIH-World

    Il progetto europeo DIH-World finanziato da Horizon 2020 ha lanciato il suo secondo bando aperto per esperimenti digitali a...

    Costi di transazione per intermediari della finanza sociale: il nuovo bando

    Nell’ambito della componente EaSI del FSE+ è stato pubblicato il bando “Costi di transazione a sostegno degli intermediari della...
    - Advertisement -spot_img