8.6 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
spot_imgspot_img

Concluso il progetto MAST: il turismo riparte dallo sviluppo sostenibile

Successo per il progetto finanziato da UfM for Employmen Promotion

-

- Advertisment -

Si è concluso con successo il progetto MAST, la Mediterranean Alliance for Sustainable Tourism, finanziato da UfM for Employmen Promotion, che ha tra i suoi partner l’associazione MACTT Ngo, insieme ad altri partner provenienti da Grecia (EILD Ngo), Italia (UPO – Università del Piemonte Orientale), Tunisia (UMNAGRI) e Marocco (AORADRCS).

In oltre sei mesi di lavoro, i partner del progetto hanno chiamato a raccolta aziende, professionisti, insegnanti, giovani e studenti che operano nel settore del turismo, o sono in qualche modo legati ad esso, per avviare un percorso di idee e discussioni sulla ripartenza del mondo dei viaggi dopo l’emergenza Covid-19: una ripartenza che vede il settore chiamato a riproporsi, riadattarsi e reinventarsi in una forma inedita, basata su modelli di sviluppo sostenibile.

Gli operatori del turismo sono stati dunque chiamati a far crescere i loro progetti futuri con questa visione, non solo per senso di responsabilità di fronte ai cambiamenti climatici, all’inquinamento e alla tutela dell’ambiente.

L’avventura di MAST è partita da un corso online gratuito dedicato ai nuovi modelli di turismo sostenibile post-Covid, offerto gratuitamente a tutti i partecipanti provenienti dai cinque Paesi coinvolti. Tutti loro sono stati poi invitati a presentare nuovi progetti o idee di business legati sempre al turismo sostenibile, e le migliori proposte, raccolte alla fine del 2021, sono state alla fine premiate con un toolkit di business plan e una consulenza di supporto tecnico finalizzata a fornire agli imprenditori gli strumenti tecnici per strutturare e lanciare i loro progetti.

Il percorso si è concluso con una fase di coaching rivolta a tutti partecipanti, una conferenza finale durante la quale sono stati presentati i vincitori e loro idee, e il lancio di alcuni forum online per dare vita a una nuova comunità, e far incontrare imprenditori, professionisti e istituti di formazione.

Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
spot_img

Economia

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
- Advertisement -spot_img