17.8 C
Rome
sabato, Aprile 17, 2021
spot_imgspot_img

Cia Agricoltura, l’accordo Ceta non danneggia il Made in Italy

-

- Advertisment -spot_img

Alessandro Mastrocinque, vice presidente nazionale di Cia-Agricoltori Italiani: no al terrorismo mediatico, crescerà ancora l’export verso il Canada

L’accordo di libero scambio con il Canada non danneggerà le imprese agricole italiane. Anzi farà bene e non ci sarà nessun pericolo per il Made in Italy che vedrà finalmente riconosciuti strumenti di tutela. Lo afferma Alessandro Mastrocinque, vice presidente nazionale di Cia-Agricoltori Italiani, a proposito del Comprehensive Economic and Trade Agreement (Ceta) che dovrà essere ratificato dal Senato in questi giorni.

“Il Ceta rappresenta la sintesi di otto anni di negoziati i cui punti più delicati hanno riguardato senz’altro l’agricoltura. Molti parlano di pericoli per il made in Italy, di resa alle imitazioni dei prodotti tipici, all’invasione di grano duro e di carne trattata con ormoni.

E’ puro terrorismo mediatico. Nel rispetto delle imprese e dei consumatori noi vogliamo semplicemente guardare ai fatti. Intanto va segnalato che l’export italiano di settore vale 770 milioni mentre l’import dal Canada è di 29 milioni”, commenta Mastrocinque che aggiunge: “Il Ceta riconosce un ombrello di protezione su 41 prodotti a denominazione di origine italiani esportati in Canada su un totale di 288 registrati in Europa (Dop/Igp).

Oggi questa tutela non esiste, con il Ceta sì e potrebbe espandersi. Nel caso dei vini, per esempio, l’accordo recepisce quanto già stabilito nel 2003 tra Ue e Canada. Lo stesso vale anche per un’altra filiera, quella del comparto lattiero-caseario”.

Continua a leggere ————->

Ultime news

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

La Canadian Chamber in Italy si rinforza

0
La Canadian Chamber in Italy è pronta a rilanciare la sua attività con un direttivo rafforzato per favorire le relazioni tra Canada e Italia.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa equa e sostenibile di cui...
spot_img

Economia

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa...

Plastic free e car sharing: due proposte per il rilancio

Promuovere il taglio dell'utilizzo di plastiche monouso all'interno delle aziende e incentivare il car sharing per i dipendenti.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img