8.8 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
spot_imgspot_img

Bandi export: la Regione Umbria proroga le scadenze

Gli avvisi sono pubblicati da Sviluppumbria e prevedono l'erogazione di contributi a fondo perduto.

-

- Advertisment -

La Regione Umbria ha prorogato di un anno l’Avviso Pubblico “Voucher per servizi consulenziali” a sostegno delle imprese umbre che vogliono avvalersi di servizi consulenziali per un affiancamento specialistico all’internazionalizzazione, di servizi di assistenza finalizzati alla promozione digitale sui mercati esteri o per specifici servizi di natura legale, fiscale o doganale e  l’Avviso pubblico per la partecipazione alle “Fiere Internazionali” che si svolgeranno fino al 31 dicembre 2021 sia nella modalità “tradizionale” in presenza, sia in modalità digitale. Gli avvisi sono pubblicati da Sviluppumbria e prevedono l’erogazione di contributi a fondo perduto.


L’avviso pubblico “Voucher per servizi consulenziali” intende fornire nuovi strumenti per favorire i percorsi di Internazionalizzazione delle PMI umbre. L’avviso è rivolto alle micro, piccole e medie imprese (MPMI) che intendono avvalersi di servizi consulenziali come quelli offerti da Euromed International Trade specializzati volti ad implementare le proprie strategie di sviluppo internazionale.

Sono ammessi i seguenti servizi: affiancamento specialistico all’internazionalizzazione (fino a un max di 20.000,00 di spesa ammissibile), servizi specialistici per l’internazionalizzazione (fino a un max di 10.000,00 euro), promozione digitale sui mercati esteri (fino a un max di 10.000,00 euro) e servizi per l’adeguamento tecnico ai mercati internazionali (fino a un max di 10.000,00 euro di spesa ammissibile).


L’avviso della Regione Umbria per la “Presentazione di progetti di internazionalizzazione mediante partecipazione a fiere” è rivolto alle micro, piccole e medie imprese (MPMI) umbre ed intende sostenere i loro progetti di internazionalizzazione mediante la partecipazione a 1 o più fiere internazionali in modalità tradizionale (in presenza) e/o digitale. Le imprese, all’interno del periodo 01 ottobre 2020 – 31 dicembre 2021, possono liberamente individuare le fiere internazionali svolte in Italia e all’estero. L’impresa può presentare solo una domanda, corrispondente al proprio progetto di internazionalizzazione, che deve prevedere la partecipazione a 1 o più fiere.

Il numero massimo delle fiere internazionali che l’impresa può richiedere è pari a 5.

Per ciascuna fiera internazionale tradizionale la spesa massima ammissibile è pari a: 16.000€ per le fiere internazionali in Italia e 20.000€ per le fiere internazionali all’estero. Per ciascuna fiera internazionale digitale la spesa massima ammissibile è invece pari euro 10.000.

Il contributo a fondo perduto riconosciuto per la partecipazione a ciascuna fiera ammissibile (fiere in presenza) sarà determinato: sulla base di un costo standard semplificato determinato in base al paese di svolgimento della fiera, alla durata dell’evento e ai giorni di partecipazione del beneficiario alla fiera ovvero sulla base della rendicontazione a costi reali delle spese ammissibili.

Per le fiere internazionali in modalità digitale il contributo a fondo perduto riconosciuto per la partecipazione a ciascuna fiera ammissibile sarà invece determinato unicamente sulla base della rendicontazione a costi reali delle spese ammissibili.

Se hai un’azienda in Umbria, per accedere ai finanziamenti e sviluppare il tuo progetto di internazionalizzazione affidati alla consulenza strategica di Euromed International Trade.

  • Contattaci per info

  • Caterina Passariello
    Caterina Passariello
    Direttore della Mediterranean Academy of Culture, Technology and Trade di Malta. Consulente aziendale e project manager con specializzazione nei processi di internazionalizzazione delle aziende collabora con la rete Malta Business. Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale, con una Tesi su come cambia il tracciamento della filiera con Blockchain, con particolare attenzione alla Filiera Agroalimentare. Interessato a internazionalizzazione, blockchain, dlt, smart contract.
    Scopri l'offertaMedia partner

    Ultime news

    Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

    Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

    La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
    Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

    Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

    Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
    Marchi collettivi made in italy imprese del sud

    Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

    Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
    Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

    Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

    No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
    Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

    L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

    Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
    spot_img

    Economia

    Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

    La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

    Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

    Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

    Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

    Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

    L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

    Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
    - Advertisement -spot_img