20.3 C
Rome
martedì, Aprile 20, 2021
spot_imgspot_img

Autoimprenditorialità under 30: i nuovi incentivi

L'attuale esecutivo ha dato inizio a procedure di semplificazioni volte a promuovere l’autoimprenditorialità dei giovani con età inferiore ai 30 anni.

-

- Advertisment -spot_img

Incentivare l’occupazione giovanile dovrebbe essere priorità di ogni legislatura. Se consideriamo un contesto problematico quale quello italiano possiamo comprendere l’importanza di intraprendere politiche in tale direzione, di sostegno all’autoimprenditorialità.

Il decreto Agosto prova a semplificare le cose con una misura ad hoc rivolta agli under 30. Come evidenziato dalla fotografia scattata dall’indagine Unioncamere sulle imprese giovanili, infatti, tra il 2011 e il 2018 il rapporto tra imprese giovanili per 1.000 giovani è calato di 7 punti, passando da 57,2 a 50,3. Gli incentivi per spingere i giovani ad avviare un’impresa non mancano: a livello nazionale, basti citare “Nuove imprese a tasso zero” – la versione “rinnovata” della misura Autoimprenditorialità prevista dal decreto legislativo n. 185/2000 – che prevede  incentivi per giovani tra i 18 e i 35 anni e donne che vogliono avviare una micro o piccola impresa. 

Al 31 agosto, “Nuove imprese a tasso zero” ha finanziato 546 iniziative concedendo agevolazioni per 125 milioni, e attivando investimenti per 181 milioni di euro.  I giovani vogliono fare impresa, ma incontrano una serie di ostacoli di carattere soprattutto burocratico in fase di avvio. L’attuale esecutivo ha dato inizio a procedure di semplificazioni volte a promuovere l’autoimprenditorialità dei giovani al di sotto dei 30 anni. Semplificazioni di carattere burocratico e amministrativo per tutti i soggetti che intendono avviare un’attività d’impresa, di lavoro autonomo o professionale in tutti i settori produttivi, dei servizi e delle professioni. Il provvedimento dovrebbe essere adottato entro 90 giorni dall’entrata in vigore del decreto Agosto. Il provvedimento prevede il rifinanziamento di una serie di misure per favorire lo sviluppo in chiave innovativa delle imprese italiane, soprattutto quelle di dimensioni ridotte. Opportunità per incrementare investimenti e per acquistare o acquisire in leasing macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo e hardware, software e tecnologie digitali. 

Euromed International Trade ha messo a punto un pacchetto di servizi integrati volti a facilitare e velocizzare la realizzazione della idea di business. Che sia una Startup incubata, uno startupper oppure spinoff universitari, Euromed supporta nella gestione dei processi di innovazione per la ricerca di idee o il lancio e la vendita di nuovi prodotti e servizi nel tentativo di implementare l’autoimprenditorialità dei giovani italiani.

Consapevoli di questa sfida, Euromed International Trade affianca i progetti di autoimprenditorialità per una crescita omogenea e costante, così da renderlo forte e strutturato. Per maggiori informazioni compila il seguente form:

Ultime news

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

0
Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del webinar Agribusiness in Marocco, che...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

0
Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.
spot_img

Economia

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img