19.5 C
Roma
lunedì, 26 Ottobre 2020

ASCAME: “Un nuovo Piano Marshall per il Sud Europa”

-

- Advertisment -

L’Associazione delle Camere di Commercio del Mediterraneo, ASCAME, considera insufficienti le misure di sostegno all’economia e all’impresa adottate fino ad oggi per aiutare i Paesi del Sud Europa colpiti dall’emergenza coronavirus. La soluzione? Un nuovo “Piano Marshall”.

Attraverso un comunicato, l’entità con sede a Barcellona ha avvertito gli Stati mediterranei che la tenuta del sentimento europeista è a rischio, esortando a dare un seguito immediato all’appello di aiuto urgente lanciato da Italia, Spagna e Grecia con una risposta di solidarietà che sia all’altezza delle gravissime circostanze in essere.

Ascame auspica l’avvio di una nuova politica europea proprio richiamando lo storico Piano Marshall, un pacchetto straordinario di aiuti con il quale gli Stati Uniti aiutarono l’Europa a risollevarsi dopo la Seconda Guerra Mondiale. “Un Piano Marshall offrirebbe soluzioni reali all’emergenza sanitaria ed economica rivitalizzando il commercio e gli investimenti. Il prezzo da pagare per non realizzarlo sarebbe elevato” ha avvisato l’Associazione.

Sempre secondo ASCAME, qualsiasi “barriera doganale” e limitazione al libero flusso di forniture mediche deve essere evitata, in maniera tale che gli strumenti di soccorso possano raggiungere il più rapidamente possibile le zone colpite dal coronavirus.

Con riferimento implicito all’Unione Europea viene chiesto altresì di “allentare il rigore di bilancio” e i deficit specifici dei singoli paesi in modo che le economie europee possano “sopravvivere” durante l’emergenza, oltre a fornire assistenza diretta sia alle imprese che ai lavoratori per consentire loro di conservare posti di lavoro e aiuti sociali.

Infine, ASCAME ha chiesto ai governi di impegnarsi in misure urgenti di stimolo e di salvaguardia per mantenere la redditività delle PMI ed evitare fenomeni di disoccupazione “dilagante“, poiché, come ha ricordato, “le piccole e medie imprese costituiscono la spina dorsale dell’economia mondiale” e i loro lavoratori sono i più colpiti dal drammatico impatto della pandemia COVID-19.

Giovanni Guarise
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010, nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa, realizzando approfondimenti e focus per diversi quotidiani, e collaborando nelle attività di comunicazione per un'associazione di categoria in Veneto
- Advertisement -

Ultime news

Nuove restrizioni: le attività economiche coinvolte

0
Un riepilogo delle misure che vanno a colpire le attività economiche

L’innovazione di Israele e i droni per il Mediterraneo

0
Le operazioni di controllo avverranno con dei droni nel Mediterraneo, dopo i primi test positivi effettuati sull'isola greca di Creta.

Bandi per l’impresa: “Quando il Click Day è anticostituzionale”

0
L'intervento di Dhebora Mirabelli, Presidente di Confapi Sicilia: "Questo tipo di bandi umiliano gli imprenditori che non riescono in 7 secondi a presentare l’istruttoria. Servono regole eque e meritocratiche”.

Agevolazioni per le cooperative agricole italiane

0
Sostenere la liquidità delle cooperative agricole italiane colpite dalle misure restrittive imposte dal governo per limitare la diffusione del coronavirus.

Boris Johnson preme per un nuovo accordo commerciale con l’UE

0
Il Ceta come nuovo parametro commerciale di confronto positivo su cui sviluppare i futuri accordi tra Unione Europea e Regno Unito.

Economia

Nuove restrizioni: le attività economiche coinvolte

Un riepilogo delle misure che vanno a colpire le attività economiche

Agevolazioni per le cooperative agricole italiane

Sostenere la liquidità delle cooperative agricole italiane colpite dalle misure restrittive imposte dal governo per limitare la diffusione del coronavirus.

Boris Johnson preme per un nuovo accordo commerciale con l’UE

Il Ceta come nuovo parametro commerciale di confronto positivo su cui sviluppare i futuri accordi tra Unione Europea e Regno Unito.

Vino siciliano: 8 milioni per la promozione sui mercati esteri

C'è tempo fino al 23 Novembre per la presentazione delle domande

Boris Johnson preme per un nuovo accordo commerciale con l’UE

Il Ceta come nuovo parametro commerciale di confronto positivo su cui sviluppare i futuri accordi tra Unione Europea e Regno Unito.

“Italia 2030”, formazione per il futuro sostenibile

Buffagni: “Sviluppo sostenibile ed Economia circolare opportunità per creare nuovi posti di lavoro, avvicinando cittadini e aziende”

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -