8.8 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
spot_imgspot_img

Web tax in arrivo: un rischio per i consumatori

-

- Advertisment -

L’OCSE ha proposto una revisione globale della tassazione per le imprese che operano nel web.

Il piano prevede che gruppi digitali come Facebook, Apple, Amazon, Netflix e Google paghino nel Paese in cui operano, anziché spostare i profitti in tutto il mondo per ridurre al minimo le uscite fiscali.

Ma c’è anche un rischio: se ogni Stato decidesse di applicare la propria web tax, infatti, le aziende potrebbero scaricare questo ulteriore balzello sui consumatori, con effetti negativi anche per la loro competitività.

Gli stati membri dell’UE sono ora divisi tra coloro che hanno lavorato per attirare colossi del web, come l’Irlanda, e quelli che hanno visto le multinazionali guadagnare miliardi senza pagare le tasse, come l’Italia.

In base ai nuovi piani dell’OCSE, le imprese dovrebbero pagare le tasse ovunque svolgano attività significative rivolte ai consumatori generando profitti.

Le nuove norme riuniscono elementi comuni di tre diverse proposte provenienti da 134 paesi, membri del quadro inclusivo OCSE / G20 sullo spostamento dei profitti (BEPS).

Il mancato raggiungimento di un accordo entro il 2020 aumenterebbe notevolmente il rischio che i paesi agiscano unilateralmente, con conseguenze negative su un’economia globale già fragile“, ha dichiarato il segretario generale dell’OCSE, Angel Gurría.

L’attuale sistema è sotto stress e non sopravviverà se non eliminiamo le tensioni“, ha aggiunto Pascal Saint-Amans, responsabile della politica fiscale dell’OCSE.

L’Italia attuerà una “tassa sul web” a partire dal 2020, quando le grandi società digitali dovranno versare il 3% per una serie di transzioni che avvengono via internet: lo ha confermato il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, parlando della manovra finanziaria.

I profitti devono essere tassati nel luogo in cui vengono realizzati“, ha dichiarato Gualtieri nel corso di un’audizione parlamentare.

La tassa sul web italiana è simile a quella francese e britannica. Si applicherà alle società con ricavi annui per almeno 750 milioni di euro e servizi digitali superiori a 5,5 milioni di euro. Secondo le previsioni del Tesoro, l’imposta sul web produrrebbe 600 milioni di euro dal 2020.

Anche il Commissario designato per gli Affari Economici dell’UE, Paolo Gentiloni, ha dichiarato che intende supervisionare gli sforzi per armonizzare le tasse sui servizi digitali, in linea con le proposte dell’OCSE.

Tra i principali beneficiari delle riforme vi sono i grandi mercati digitali come Stati Uniti, Germania, Francia e Regno Unito.

Nei negoziati internazionali si sta esaminando anche la possibilità di introdurre un limite minimo di imposta sugli utili delle società multinazionali: misura che colpirebbe Stati a tassazione agevolata come Lussemburgo, Malta e Paesi Bassi.

Ultime news

Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
spot_img

Economia

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
- Advertisement -spot_img