8.8 C
Rome
lunedì, Dicembre 5, 2022
spot_imgspot_img

Un nuovo accordo di libero scambio tra Turchia e Regno Unito

Il Regno Unito e la Turchia firmeranno un accordo di libero scambio, il primo da quando Londra ha raggiunto l'accordo post-Brexit.

-

- Advertisment -

Ankara da tempo cerca di continuare a conservare un accordo commerciale vantaggioso con l’Unione Europea. Nel corso degli ultimi mesi, nonostante importanti passi, il processo è bloccato e in gran parte per motivi politici a causa dei contrasti tra il presidente Recep Tayyip Erdogan e i leader europei. Al centro delle tensioni i vecchi conflitti irrisolti e le non soluzioni per la disputa tra Grecia, Turchia e Cipro e per i confini marittimi. La Gran Bretagna ha sorvolato la problematica e dato priorità alla certezza commerciale post Brexit. Il Regno Unito e la Turchia firmeranno, durante dei lavori in videoconferenza, un accordo di libero scambio, il primo da quando Londra ha raggiunto l’accordo post-Brexit con l’Unione Europea. Il ministro del Commercio britannico, Liz Truss, ha sottolineato che Londra spera che un accordo su misura tra i due Paesi possa essere raggiunto in tempi molto brevi. Con la firma ufficiale del patto, l’accordo commerciale con la Turchia sarà il primo dopo l’annuncio del “deal” con l’Unione Europea sulla Brexit.

Le relazioni commerciali tra Regno Unito e Turchia hanno raggiunto i 25,25 miliardi di dollari nel 2019. Secondo Londra, quello con Ankara sarà il quinto più grande accordo commerciale negoziato dal Ministero del Commercio britannico dopo quello con il Giappone, con il Canada, con la Svizzera e con la Norvegia. Il Regno Unito ha già sottoscritto intese commerciali con 62 Paesi prima di concludere il periodo di transizione per la Brexit. Il Paese padre del Commonwealth è il secondo partner commerciale della Turchia dopo la Germania. Più di 2.500 aziende britanniche operano nel Paese, tra cui BP, Shell, Vodafone, Unilever, BAE Systems, HSBC, Aviva e Diageo. I negoziati commerciali tra Ankara e Londra hanno subito un’accelerazione in seguito all’uscita della Gran Bretagna dall’UE. In tale contesto, il Regno Unito si è preparato a firmare accordi economici con molti altri Paesi terzi. Il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, ha riconosciuto, a luglio, che Londra è un alleato strategico della Turchia. Una sinergia di libero scambio circondata da altri accordi su una serie di questioni tra cui energia, trasporti, polizia e cooperazione in materia di sicurezza.

 “L’accordo che intendiamo firmare prevede accordi commerciali senza dazi e contribuirà a sostenere le nostre relazioni commerciali. L’intesa garantirà migliaia di posti di lavoro in tutto il Regno Unito“, ha ribadito alla stampa internazionale Liz Truss, Segretario al commercio internazionale del Regno Unito. Come ricorda Agenzia Nova, il Regno Unito rappresenta il secondo maggior mercato di destinazione per le esportazioni turche, ma il regime di unione doganale che Ankara condivide con l’Unione europea non ha permesso che l’accordo potesse essere siglato prima che ne fosse raggiunto uno con Bruxelles. Londra si muove e si muoverà in maniera indipendente preparandosi alla Global Britain. Prima gli affari poiché la politica estera sarà un passo successivo, il frutto degli accordi commerciali.

Euromed International Trade propone alle imprese del network ed ai clienti, impegnati e desiderose di entrare sui mercati internazionali un’offerta completa di servizi integrati, dall’individuazione delle aree e dei mercati esteri in cui operare, alla definizione delle strategie d’ingresso, al coinvolgimento di tutta l’organizzazione aziendale nello svolgimento delle attività operative connesse all’internazionalizzazione.

  • Contattaci per info

  • Domenico Letizia
    Domenico Letizia
    Giornalista.
    Scopri l'offertaMedia partner

    Ultime news

    Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

    Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

    La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
    Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

    Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

    Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
    Marchi collettivi made in italy imprese del sud

    Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

    Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
    Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

    Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

    No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
    Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

    L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

    Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
    spot_img

    Economia

    Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

    La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

    Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

    Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

    Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

    Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

    L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

    Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
    - Advertisement -spot_img