sabato, Settembre 19, 2020

UE e Mercosur: il nuovo accordo commerciale

Il nuovo quadro commerciale è parte di un più ampio accordo di associazione tra le due regioni che consoliderà un partenariato politico ed economico strategico e creerà importanti opportunità di crescita sostenibile.

-

- Advertisment -

L’Unione Europea è il primo partner di rilievo a concludere un patto commerciale con il Mercosur, il blocco comprendente l’Argentina, il Brasile, il Paraguay e l’Uruguay. L’accordo riguarda 780 milioni di persone e consoliderà le strette relazioni politiche ed economiche tra i paesi dell’UE e quelli del Mercosur.

L’intesa rappresenta un chiaro impegno da parte di entrambe le regioni a favore del commercio internazionale basato su regole, e offrirà alle imprese europee notevoli vantaggi in un mercato dall’enorme potenziale economico, consolidando le importanti riforme economiche e la modernizzazione in corso nei paesi del Mercosur.

L’accordo rispetta i più elevati standard in materia di sicurezza alimentare e tutela dei consumatori nonché il principio della precauzione per la sicurezza alimentare e le norme ambientali, e contiene impegni specifici per quanto riguarda i diritti del lavoro e la protezione ambientale, compresa l’attuazione dell’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici e le relative norme di esecuzione.

Elementi principali dell’accordo commerciale UE-Mercosur

L’accordo interregionale UE-Mercosur prevede l’abolizione della maggioranza dei dazi sulle esportazioni UE verso il Mercosur e aumenterà la competitività delle imprese europee, consentendogli di risparmiare 4 miliardi di € di dazi all’anno.

  • Per quanto riguarda i settori industriali dell’UE, l’accordo contribuirà a incrementare le esportazioni di prodotti dell’UE finora soggetti a dazi elevati e talvolta proibitivi, fra cui le automobili (dazi del 35 %), le parti di automobili (dal 14 % al 18 %), i macchinari (dal 14 % al 20 %), i prodotti chimici (fino al 18 %), i prodotti farmaceutici (fino al 14 %), i capi di abbigliamento e le calzature (35 %) o i tessuti a maglia (26 %);
  • il settore agroalimentare dell’UE beneficerà della drastica riduzione degli elevati dazi Mercosur a cui sono attualmente soggetti i prodotti di esportazione dell’UE come il cioccolato e i dolciumi (20 %), i vini (27 %), gli alcolici (dal 20 % al 35 %) e le bevande analcoliche (dal 20 % al 35 %). L’accordo consentirà inoltre un accesso in esenzione da dazi contingentato per i prodotti lattiero-caseari dell’UE (attualmente soggetti a dazi del 28%) e in particolare per i formaggi.

L’accordo offrirà nuove opportunità commerciali nel Mercosur per le imprese dell’UE che commerciano nell’ambito di appalti pubblici e per i prestatori di servizi nei settori quali la tecnologia dell’informazione, le telecomunicazioni e i trasporti, semplificherà i controlli alla frontiera, ridurrà le formalità burocratiche e limiterà l’uso delle tasse all’esportazione da parte dei paesi del Mercosur. Le imprese più piccole da entrambe le parti potranno inoltre sfruttare i vantaggi di una nuova piattaforma online che garantisce facile accesso a tutte le informazioni pertinenti.

I paesi del Mercosur stabiliranno inoltre delle garanzie giuridiche per proteggere dalle imitazioni 357 prodotti alimentari e bevande europei di alta qualità riconosciuti come indicazioni geografiche (IG), fra cui Tiroler Speck (Austria), Fromage de Herve (Belgio), Münchener Bier (Germania), Comté (Francia), Prosciutto di Parma (Italia), Polska Wódka (Polonia), Queijo S. Jorge (Portogallo), Tokaji (Ungheria) e Jabugo (Spagna).

L’accordo UE-Mercosur apre le porte ai mercati del Sud America con nuove opportunità di internazionalizzazione per le nostre imprese. Per cogliere al volo queste opportunità avvalendoti un valido supporto nelle attività di export, affidati alla consulenza di Euromed International Trade.

Oltre a offrire importanti vantaggi economici, l’accordo promuove standard elevati e testimonia l’impegno dell’UE e del Mercosur ad attuare efficacemente l’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici. Un capitolo dedicato allo sviluppo sostenibile comprenderà aspetti quali la gestione sostenibile e la conservazione delle foreste, il rispetto dei diritti del lavoro e la promozione della condotta responsabile delle imprese, offrendo inoltre alle organizzazioni della società civile un ruolo attivo di supervisione dell’attuazione dell’accordo, incluse eventuali preoccupazioni in materia ambientale, sociale o di diritti umani. L’accordo prevede inoltre l’istituzione di un nuovo forum per collaborare strettamente a un approccio più sostenibile all’agricoltura e affrontare il tema dei diritti delle comunità indigene come parte integrante del dialogo politico nel quadro dell’accordo di associazione. Nell’ambito dell’accordo, UE e Mercosur vedono inoltre salvaguardato il diritto di legiferare nell’interesse pubblico e tutelato il diritto di organizzare i servizi pubblici nel modo che ritengono opportuno.

Le norme europee in materia di sicurezza alimentare rimarranno invariate e, come avviene attualmente, tutte le importazioni dovranno rispettare le rigorose norme dell’UE. Le disposizioni concordate in materia di sicurezza alimentare e di salute degli animali e delle piante incluse nell’accordo consentiranno di rafforzare la cooperazione con le autorità dei paesi partner e accelerare il flusso di informazioni sui potenziali rischi mediante un sistema di informazione e di notifica più diretto ed efficiente. In tal modo l’accordo aumenterà l’efficienza nel garantire la sicurezza dei prodotti oggetto di scambio tra l’UE e i paesi del Mercosur.

L’accordo commerciale raggiunto fa parte di un nuovo accordo di associazione globale in fase di negoziazione tra l’UE e i paesi del Mercosur, composto da un pilastro relativo alla politica e alla cooperazione, su cui i negoziatori hanno già raggiunto un accordo generale nel giugno 2018 a Montevideo, e da un pilastro commerciale. Al di là del commercio, l’accordo rafforzerà il dialogo politico e intensificherà la cooperazione in settori quali la migrazione, l’economia digitale, la ricerca e l’istruzione, i diritti umani, compresi i diritti delle popolazioni indigene, la responsabilità sociale delle imprese, la tutela dell’ambiente, la governance degli oceani e la lotta contro il terrorismo, il riciclaggio di denaro e la criminalità informatica. L’accordo offrirà inoltre maggiori possibilità di cooperazione a livello multilaterale. L’accordo di associazione completerà la rete di accordi di associazione nelle Americhe e consoliderà le relazioni con i principali partner della regione, a sostegno delle posizioni dell’UE su molte questioni globali.

- Advertisement -

Ultime news

Imprenditoria femminile in agricoltura: le agevolazioni

0
Tra i requisiti si richiede che l’impresa sia amministrata e condotta da una donna, in possesso della qualifica di imprenditore agricolo o di coltivatore diretto

La ripresa del Marocco e le opportunità di business

0
Nel rapporto Doing Business 2020, il Marocco ha guadagnato la 53ma posizione nella classifica mondiale, con un salto di ben sette posti rispetto al 2019.

Internazionalizzazione: puntare su Mediterraneo e Africa

0
Dopo l'instabilità causata dalla primavera araba, quasi tutti i paesi del Nord Africa hanno avviato una grande stagione di investimenti infrastrutturali.

La pandemia sta mettendo alla prova le città

0
Nel prossimo decennio ci saranno circa 500 città con più di un milione di persone e diverse "mega-città" con una popolazione di oltre 20 milioni

Fare export: le sette regole per le PMI

0
Il vademecum pubblicato dall'associazione di categoria

Economia

Imprenditoria femminile in agricoltura: le agevolazioni

Tra i requisiti si richiede che l’impresa sia amministrata e condotta da una donna, in possesso della qualifica di imprenditore agricolo o di coltivatore diretto

La ripresa del Marocco e le opportunità di business

Nel rapporto Doing Business 2020, il Marocco ha guadagnato la 53ma posizione nella classifica mondiale, con un salto di ben sette posti rispetto al 2019.

Internazionalizzazione: puntare su Mediterraneo e Africa

Dopo l'instabilità causata dalla primavera araba, quasi tutti i paesi del Nord Africa hanno avviato una grande stagione di investimenti infrastrutturali.

La pandemia sta mettendo alla prova le città

Nel prossimo decennio ci saranno circa 500 città con più di un milione di persone e diverse "mega-città" con una popolazione di oltre 20 milioni

Fare export: le sette regole per le PMI

Il vademecum pubblicato dall'associazione di categoria

Export e-Commerce: dalla Cina corre un treno verso l’Europa

Un nuovo servizio di trasporto merci offre nuove opportunità alle società impegnate negli scambi con l'estero
- Advertisement -

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida