6.3 C
Rome
sabato, Marzo 2, 2024
spot_imgspot_img

Stop al sequestro conservativo per debiti fiscali

-

- Advertisment -

Niente sequestro conservativo di beni d’impresa se l’Agenzia delle Entrate non comprova il rischio di insolvenza sul debito pendente: la sentenza.

Niente sequestro conservativo di beni in presenza di un debito fiscale se manca il fondato pericolo di non riscuotere il credito pendente, che seppur ingente di per sè non rappresenta in quanto tale un rischio di insolvenza: è in estrema sintesi il contenuto di una una recente sentenza della CTP di Cremona (n. 179/01/14), con cui la Commissione Tributaria Provinciale ha rigettato un’istanza cautelare dell’Agenzia delle Entrate nei confronti di un’impresa inadempiente.

Sequestro conservativo

Il sequestro cautelativo è regolamentato dall’articolo 671 del codice civile, il quale prevede espressamente che il giudice possa autorizzarlo «su istanza del creditore che ha fondato timore di perdere la garanzia del proprio credito». Nel caso in oggetto, l’Agenzia delle Entrate contesta pendenze fiscali ingenti ma senza evidenziare i rischi di insolvenza:

«non ha precisato su cosa possa fondarsi il prospettato timore, dal momento che non ha fatto cenno ad alcuno specifico comportamento, tenuto dalla debitrice, che possa far ritenere in atto o quantomeno programmato un depauperamento del suo patrimonio». Nell’istanza «è evocata la consistenza del credito tributario»: questo «dato, in sé, è però inappagante».

Insomma, non basta. La giurisprudenza sottolinea la necessaria presenza ed espressa indicazione di un fondato timore di perdere il credito, che pertanto deve essere adeguatamente motivato dalla parte ricorrente (in questo caso il Fisco), mentre non si può in ogni caso ammettere che l’onere della prova spetti al debitore.

Quindi, per ammettere il pignoramento vanno esposti i motivi fondati che alimentano il rischio di perdere il credito, mentre «il constatato difetto di ragioni concretamente fondanti il necessario requisito del periculum in mora assorbe ogni ulteriore considerazione sul tema della probabile fondatezza della pretesa». Tradotto: se mancano le ragioni per cui il creditore teme di perdere le somme dovute non si autorizza nulla, senza nemmeno entrare nel merito dell’eventuale fondatezza o meno della pretesa.

fonte: www.pmi.it

Ultime news

EIC Accelerator 2024 - Imprese del Sud

EIC Accelerator: i bandi del programma di lavoro 2024 a sostegno di start-up e...

0
EIC Accelerator sostiene le aziende nello sviluppo di innovazioni ad alto impatto, con il potenziale di creare nuovi mercati o ampliare quelli esistenti.
Fiscalità internazionale controllate estere - Imprese del sud

Fiscalità internazionale e impatto del Decreto Legislativo n. 209 sulle società controllate estere

Analizziamo le nuove disposizioni legislative e il loro impatto sulla fiscalità internazionale e sulle strategie fiscali delle multinazionali.
Bandi Prima 2024 - Imprese del Sud

Aperte le nuove call PRIMA per progetti di ricerca e innovazione nel Mediterraneo

0
I bandi Prima mirano ad affrontare gli obiettivi strategici di ricerca e innovazione e a contribuire alla sostenibilità del Mediterraneo
Europa Digitale - Abilità digitali - Imprese del Sud

Europa Digitale: annunciate le call 2024, sulle abilità digitali

0
Scade il 21 marzo 2024, il quinto round di call del programma Europa Digitale incentrate sulle abilità digitali avanzate.
Erasmus+ bando 2024 politiche europee - Imprese del Sud

Erasmus+: bando 2024 per sperimentazioni di politiche europee

0
Istruzione digitale, istruzione e formazione professionali, istruzione degli adulti, istruzione scolastica, micro-credenziali, istruzione superiore, saranno i topic al centro del bando Erasmus+ con scadenza 4 Giugno 2024.
spot_img

Economia

EIC Accelerator: i bandi del programma di lavoro 2024 a sostegno di start-up e piccole e medie imprese

EIC Accelerator sostiene le aziende nello sviluppo di innovazioni ad alto impatto, con il potenziale di creare nuovi mercati o ampliare quelli esistenti.

Fiscalità internazionale e impatto del Decreto Legislativo n. 209 sulle società controllate estere

Analizziamo le nuove disposizioni legislative e il loro impatto sulla fiscalità internazionale e sulle strategie fiscali delle multinazionali.

Aperte le nuove call PRIMA per progetti di ricerca e innovazione nel Mediterraneo

I bandi Prima mirano ad affrontare gli obiettivi strategici di ricerca e innovazione e a contribuire alla sostenibilità del Mediterraneo

Europa Digitale: annunciate le call 2024, sulle abilità digitali

Scade il 21 marzo 2024, il quinto round di call del programma Europa Digitale incentrate sulle abilità digitali avanzate.
- Advertisement -spot_img