23.3 C
Rome
mercoledì, Agosto 10, 2022
spot_img

Stellantis sceglie il Marocco per produrre la nuova Opel Rocks-e

Il gruppo rafforza gli impegni commerciali e lo sviluppo industriale nel Paese nordafricano

-

- Advertisment -

Nel tentativo di rafforzare l’economia del Marocco e facendo seguito alla stipula del partenariato industriale firmato nel 2015, con la benedizione di re Mohammed VI, il gruppo Stellantis e il Regno del Marocco hanno sottoscritto un nuovo patto con un importante emendamento che rafforza gli impegni commerciali e lo sviluppo industriale del settore industriale e automobilistico nel Regno. L’ampliamento industriale del Gruppo Stellantis prevede la produzione nello stabilimento marocchino di Kenitra della Opel Rocks-e, un nuovo veicolo elettrico al 100% per rispondere alle mutevoli esigenze di mobilità.

L’evento ha visto un’importante presenza mediatica con la presenza di Moulay Hafid Elalamy, ministro dell’industria, del commercio e dell’economia verde e digitale, e Samir Cherfan, direttore operativo di Stellantis per il Medio Oriente e l’Africa. Grazie alla sinergia avviata si prevede la creazione di circa 3.000 posizioni lavorative per ingegneri e senior tecnici specializzati, nel corso del 2022. Queste posizioni altamente qualificate completano il quadro occupazionale settoriale caratterizzato dalla presenza di già 2.500 posti di lavoro nello stabilimento di Kénitra.

L’industria dell’auto in marocco ha una lunga storia che risale al 1959 data della creazione della Société Marocaine de Construction Automobile (SOMACA). Il Regno presenta delle ottime opportunità logistiche per il gruppo Stellantis con la vicinanza del grande porto di Tangeri Med, il più grande porto commerciale dell’africa con incentivi fiscali offerti dalla zona franca di Tangeri ma anche con l’ottima resa degli investimenti fatti in precedenza dal Regno. Il settore dell’automotive è tra quelli che più stanno rispecchiando lo sviluppo economico dei paesi emergenti. Valutare l’evoluzione in corso nella geografia della produzione di autoveicoli può quindi costituire un’utile bussola per le imprese che orbitano attorno al settore automobilistico, prima fra tutte la componentistica, contribuendo ad identificare nuovi mercati magari ancora poco noti, ma che potrebbero rivelarsi cruciali nei prossimi anni. In Marocco la crescita del settore è stata esponenziale, segnalando l’instaurarsi di un’industria dell’automotive prima sostanzialmente assente.

La politica industriale dell’automotive del Marocco, le opportunità d’investimento per la produzione e lo sviluppo del settore, l’impianto industriale che caratterizza numerose regioni del Regno e le piattaforme industriali automotive in Marocco rappresentano delle opportunità da non sottovalutare. Nel corso degli anni, il Regno è riuscito a stabilire stretti rapporti con gli investitori in questo settore a livello globale e a costruire partenariati strategici attraverso una proficua cooperazione a lungo termine nel settore automobilistico. A tale proposito, gli accordi di libero scambio firmati con diversi paesi hanno un impatto positivo sugli investitori in Marocco e consentono loro di intraprendere e sviluppare nuove prospettive.

Abdessamad El Jaouzi
Abdessamad El Jaouzi
Resp. servizio comunicazione e ufficio stampa presso istituzione diplomatica in Italia. Responsabile dipartimento Economia sostenibile della Mediterranean Academy of Culture, Technology and Trade NGO di Malta
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

blockchain IA

Blockchain e intelligenza artificiale: da settembre gli incentivi

E’ stato pubblicato dal Ministero dello sviluppo economico il decreto che rende note le modalità e i termini di presentazione delle domande per richiedere...
pagamenti fornitori

Nel 2021 lo Stato “risparmia” 5,2 miliardi non pagando i fornitori

Nel 2021 l’Amministrazione centrale dello Stato ha ricevuto dai propri fornitori 3.657.000 fatture per un importo complessivo pari a 18 miliardi di euro. Ne...
Crisi d'impresa - Imprese del Sud

Allerta del fisco per la crisi d’impresa. In arrivo novità dal D.L. Concorrenza.

Previste nuove soglie per le segnalazioni della crisi d'impresa da parte di Agenzia delle Entrate. Il Governo tenta di arginare la protesta.
pnrr

Gli obiettivi del PNRR per le imprese raggiunti nei primi 6 mesi

Con l’attuazione degli investimenti per gli IPCEI, Venture capital e i Contratti di sviluppo per le filiere produttive, le batterie e rinnovabili, il Ministero...
incentivi

Incentivi alle imprese: cosa non funziona e il piano di riordino

Il Consiglio dei ministri ha approvato in via definitiva il testo di un disegno di legge delega collegato alla Legge di Bilancio, che ha...
spot_img

Economia

Blockchain e intelligenza artificiale: da settembre gli incentivi

E’ stato pubblicato dal Ministero dello sviluppo economico il decreto che rende note le modalità e i termini di...

Allerta del fisco per la crisi d’impresa. In arrivo novità dal D.L. Concorrenza.

Previste nuove soglie per le segnalazioni della crisi d'impresa da parte di Agenzia delle Entrate. Il Governo tenta di arginare la protesta.

Gli obiettivi del PNRR per le imprese raggiunti nei primi 6 mesi

Con l’attuazione degli investimenti per gli IPCEI, Venture capital e i Contratti di sviluppo per le filiere produttive, le...

Biodiversa +: il bando per la tutela di biodiversità ed ecosistemi

In arrivo a settembre il secondo bando di Biodiversa +, la partnership europea co-finanziata per la ricerca sulla diversità, la tutela degli...
- Advertisement -spot_img