12.2 C
Roma
mercoledì, 21 Ottobre 2020

Split Payment: ecco i codici tributo per la P.A.

-

- Advertisment -

L’Agenzia delle Entrate istituisce i nuovi codici tributo per le PA che versano l’IVA direttamente all’Erario in base allo split payment introdotto dalla Legge di Stabilità.

Ed ecco l’ultimo documento di prassi per lo Split Payment, o scissione dei pagamenti, con i codici tributo che le Pubbliche Amministrazioni devono utilizzare per il pagamento dell’IVA all’Erario: è la risoluzione 15/E dell’Agenzia delle Entrate, che segue le istruzioni operative del ministero e quelle della stessa Agenzia su questa novità relative all’IVA introdotta dalla Legge di Stabilità. Il riferimento normativo preciso è il comma 629, lettera b, dell’articolo 1 della legge 190/2014, in base al quale i fornitori della Pubblica Amministrazione emettono fattura indicando la dicitura “scissione dei pagamenti” e incassano il corrispettivo al netto dell’IVA, che l’ente pubblico versa direttamente allo Stato.

Ci sono tre diverse modalità di versamento previste per lo Split Payment IVA, con diversi codici tributo:

  • Pubbliche Amministrazioni titolari di conti presso la Banca d’Italia: utilizzano il modello “F24 Enti pubblici“. Il codice tributo è “620E“,  denominato “IVA dovuta dalle PP.AA. – Scissione dei pagamenti – articolo 17-ter del DPR 633/1972“, che va esposto nel campo “codice tributo/causale” della sezione “Dettaglio versamento“;
  • Pubbliche Amministrazioni autorizzate a detenere un conto corrente presso unabanca convenzionata con l’Agenzia delle entrate ovvero presso Poste italiane: mediante versamento unificato di cui all’articolo 17 del dlgs 241/1997 (Modello F24). Il codice tributo è “6040“, denominato “IVA dovuta dalle PP.AA. – Scissione dei pagamenti – art. 17-ter del DPR n. 633/1972“. Va esposto nella sezione “Erario“, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati“, con l’indicazione nei campi “rateazione/regione/prov./mese rif.” e “anno di riferimento” del mese e dell’anno di imposta per cui si effettua il pagamento;
  • tutte le altre Pubbliche Amministrazioni: direttamente all’entrata del bilancio dello Stato con imputazione al capo 8, capitolo 1203, articolo 12 del bilancio dello Stato.

Split Payment e compilazione F24 Enti pubblici

Nella sezione “contribuente” si indicano codice fiscale, denominazione o ragione sociale della PA. Nella sezione “Dettaglio versamento“, oltre al codice tributo, si indicano:

  • nel campo “sezione” la lettera “F” (che si riferisce all’Erario);
  • nel campo “riferimento A“, il mese per cui si effettua il pagamento, nel formato “00MM“;
  • nel campo “riferimento B“, l’anno di imposta per cui si effettua il pagamento, nel formato “AAAA“.

(Fonte: risoluzione 15/E Agenzia delle Entrate)

Sergio Passariello
Sergio Passariellohttps://www.impresedelsud.it
Blogger, consulente aziendale ed imprenditore
- Advertisement -

Ultime news

OCSE: l’Italia ha un fisco poco competitivo

0
Nella classifica dei Paesi monitorati l'Italia occupa l'ultima posizione a causa del suo carico fiscale

La Sardegna e le opportunità legate all’acquacoltura

0
In arrivo sei milioni di euro di aiuti alle imprese di pesca e acquacoltura della Regione Sardegna per implementare l'occupazione locale.

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

0
Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

0
Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

0
Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Economia

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Autoimprenditorialità under 30: i nuovi incentivi

L'attuale esecutivo ha dato inizio a procedure di semplificazioni volte a promuovere l’autoimprenditorialità dei giovani al di sotto dei 30 anni.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Autoimprenditorialità under 30: i nuovi incentivi

L'attuale esecutivo ha dato inizio a procedure di semplificazioni volte a promuovere l’autoimprenditorialità dei giovani al di sotto dei 30 anni.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -