Sergio Passariello – Imprese del Sud – Fuori Poste Italiane dalla Banca del Mezzogiorno

-

- Advertisment -

Aver delegato Poste Italiane Spa alla gestione della  Banca del Mezzogiorno è stato un errore, prima di tutto politico e poi finanziario – è quanto dichiara Sergio Passariello, Presidente di Imprese del Sud, movimento imprenditoriale del mezzogiorno, nato per tutelare gli interessi delle PMI meridionali.

In un contesto finanziario globale, – ricorda Passariello – dove il dinamismo nell’attuare i processi e la velocità di decidere sono funzioni principali, per dare ossigeno alla nostra economia, affidare la gestione della Banca del Mezzogiorno ad una società pubblica che non ha nel proprio dna, il concetto di Banca, è stata l’ennesima scelta sbagliata che dimostra palesemente, l’incapacità della nostra classe politica, nel mettere a frutto le poche risorse economiche rimaste.

Altro errore – continua Passariello – è stato quello di aver estromesso dalla Governance gli istituti popolari e le banche di credito cooperativo, che dovevano essere il vero volano commerciale del nuovo Istituto. Avremmo avuto un azione finanziaria, sui territori, rivolta alle PMI del Sud e non alle multinazionali, così come leggo sugli organi di stampa.

L’intento dell’allora Ministro Giulio Tremonti, è stato lodevole,  – aggiunge Passariello – ma poi appena lo strumento è entrato nelle mani dei superburocrati di Stato, ha perso di fatto il suo scopo principale ed è diventato strumento di finanziamento collaterale che ha prodotto aiuti finanziari ad aziende del calibro di Ansaldo, Fiat e Fincantieri, ma anche big di settore come Grimaldi Lines, De Cecco e Acquedotto Pugliese (Aqp), la SpA della Regione Puglia che gestisce l’impianto idrico più grande d’Europa.

Tutto ciò è assurdo! – conferma Passariello – eppure nell’oggetto sociale dell’Istituto leggo testualmente che tra gli scopi principali c’è quello di aumentare la capacità di offerta del sistema bancario e finanziario del Mezzogiorno  nonché canalizzare il risparmio verso iniziative economiche che creano occupazione nel Mezzogiorno, tutti principi ad oggi disattesi dalla Governance della Banca che, a mio parere dovrebbe immediatamente rassegnare le dimissioni.

Intanto i dipendenti assunti aumentano (da 183 a 220 in un anno) e gli sportelli Bancari aperti al Sud, sono appena 250, contro i 7500 che potevano andare a regime se solo si fosse data fiducia a chi vive il territorio e ne conosce le esigenze.

Come al solito la politica, specialmente del Sud, latita! Nessuno che interviene per fermare questa gestione capestro che ha abbandonato totalmente la sua mission.

Quelle risorse, – conclude Passariello – potevano essere utilizzate sicuramente meglio se ad esempio, lo Stato Italiano, tramite le Regioni, avesse consentito la patrimonializzazione dei Confidi del Sud, che in funzione delle loro prerogative legislative, fungono da leva per la erogazione di credito, secondo un moltiplicatore riconosciuto in base alla rischiosità del confidi stesso che può variare da uno a trenta.

Altro che Banca del Mezzogiorno!

Ultime news

Beni immateriali non a bilancio: ok alla rivalutazione

0
I beni immateriali potranno essere rivalutati anche se non sono mai stati iscritti in bilancio: lo conferma l'Agenzia delle Entrate.

Il nuovo scenario fiscale tra Europa e Regno Unito

0
Importanti novità con lo sdoganamento delle merci e l’eventuale vendita con l’applicazione dell’IVA britannica.

La Francia monitora i social contro l’evasione fiscale

0
Monitoraggio dei social network come strumento di lotta all'evasione fiscale: l'idea arriva dalla Francia

L’agroindustria in Brasile e le opportunità per l’Italia

0
Offrire alle aziende italiane orientamento e informazioni sul mercato del Brasile per la crescita del settore agroindustria.

Il contribuente condannato non deve rimborsare l’autodifesa del fisco

0
Importante pronuncia della Corte di Cassazione sulle spese processuali nei contenziosi di natura tributaria

Economia

L’agroindustria in Brasile e le opportunità per l’Italia

Offrire alle aziende italiane orientamento e informazioni sul mercato del Brasile per la crescita del settore agroindustria.

Il vino biologico italiano attira i consumatori USA

L'Italia offre tante varietà di vino capace di soddisfare ogni nicchia e fascia di consumo tra i consumatori degli Stati Uniti d'America.

PMI Lombardia: l’incentivo Euromed per l’export

Euromed International Trade eroga un servizio speciale per tutte le imprese che non riusciranno ad ottenere il voucher erogato dalla Regione.

PMI Emilia Romagna: il voucher per l’export lo offre Euromed

Euromed International Trade eroga un servizio speciale per tutte le imprese che non riusciranno ad ottenere il voucher erogato dalla Regione.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -