26.8 C
Rome
martedì, Agosto 9, 2022
spot_img

Reti intelligenti per la distribuzione dell’energia elettrica

L'implementazione di reti intelligenti per la distribuzione dell'energia elettrica è una sfida importante per le regioni italiane e in tale ottica si vuole incidere attraverso il sostegno economico e le concessioni di finanziamenti

-

- Advertisment -

La priorità energetica resta elemento di analisi e crescita per l’intera Penisola. L’implementazione di reti intelligenti per la distribuzione dell’energia elettrica è una sfida importante per le regioni italiane e in tale ottica si vuole incidere attraverso il sostegno economico e le concessioni di finanziamenti. Il Ministero dello Sviluppo economico ha pubblicato le istruzioni operative della piattaforma informatica che permette di pre-accreditarsi al nuovo bando Smart Grid, l’avviso da circa 24 milioni di euro dedicato alle reti intelligenti per la distribuzione dell’energia elettrica. Il nuovo bando Smart Grid, finanziato dal Programma Operativo Nazionale – PON Imprese e Competitività 2014-2020, è rivolto ai concessionari del servizio pubblico di distribuzione dell’energia elettrica operanti in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

Grazie al bando del Ministero dello Sviluppo economico del 2017 furono finanziati 36 interventi per un totale di circa 140,3 milioni di euro impegnati. L’edizione 2020 mette sul piatto un budget più ridotto, quasi 24 milioni di euro contro gli 80 milioni del precedente bando, per finanziare interventi di costruzione, adeguamento, efficientamento e potenziamento di infrastrutture per la distribuzione dell’energia elettrica. Attraverso la realizzazione di reti intelligenti di distribuzione energetica, si punta ad incrementare direttamente la quota di fabbisogno energetico coperto da generazione distribuita da fonti rinnovabili. Le reti intelligenti per la distribuzione dell’energia elettrica prevedono la realizzazione di interventi di costruzione, adeguamento, efficientamento e potenziamento di infrastrutture elettriche per la distribuzione, o Smart Grid, finalizzati ad incrementare direttamente la quota di fabbisogno energetico coperto da generazione distribuita da fonti rinnovabili.

 Ad un’analisi generalista, con il termine smart grid si intende una rete evoluta che, grazie all’utilizzo della moderna tecnologia digitale, è in grado di acquisire nuove funzionalità e ottimizzare le perdite. Queste innovazioni vanno a incidere in maniera sostanziale sulla gestione della rete di distribuzione e dei relativi punti di immissione e di prelievo. Il sistema energetico urbano e non diventa più attivo e controllabile a distanza, anche per quanto riguarda immissioni e dei prelievi. Il gestore di rete che utilizza per la sua rete di distribuzione energetica soluzioni smart può gestire in maniera più intelligente l’energia elettrica a disposizione, conoscendo nel dettaglio e in tempo reale i consumi dei vari utenti ubicati sul territorio. Questo comporta un vantaggio estremante considerevole: se in una determinata zona si dovesse presentare un potenziale sovraccarico energetico, tale energia potrà essere redistribuita dal gestore della Rete in altre zone in base alla domanda elettrica effettiva, evitando così eventuali interruzioni di fornitura o altre tipologie di disservizi.

Ma i vantaggi delle reti intelligenti sono significativi anche da un punto di vista dell’utente, dal momento che le reti di nuova generazione possono permettere di gestire in modo autonomo ed efficiente l’erogazione dell’elettricità. Diventa così possibile utilizzare gli apparecchi elettrici nelle ore del giorno in cui il prezzo dell’energia risulta più conveniente e limitarne invece l’uso in quelle ore in cui risulta più cara, rispecchiando i punti per la rinascita ambientale, di lotta allo spreco e sostenibilità.

Le agevolazioni del Ministero dello Sviluppo economico sono concesse, tramite una procedura valutativa a graduatoria, nella forma della sovvenzione diretta. L’ammontare concedibile a ciascuna impresa e per ciascun progetto non può essere inferiore a 250mila euro né superiore ai 50 milioni. Le domande possono essere presentate dal 22 luglio al 21 agosto. Opportunità per sviluppare reti intelligenti per la distribuzione dell’energia elettrica soprattutto nel Meridione italiano che attraverso l’energia pulita e sostenibile potrebbe incentivare l’utilizzo di tali fonti contribuendo alla diversificazione energetica.

Ultime news

blockchain IA

Blockchain e intelligenza artificiale: da settembre gli incentivi

E’ stato pubblicato dal Ministero dello sviluppo economico il decreto che rende note le modalità e i termini di presentazione delle domande per richiedere...
pagamenti fornitori

Nel 2021 lo Stato “risparmia” 5,2 miliardi non pagando i fornitori

Nel 2021 l’Amministrazione centrale dello Stato ha ricevuto dai propri fornitori 3.657.000 fatture per un importo complessivo pari a 18 miliardi di euro. Ne...
Crisi d'impresa - Imprese del Sud

Allerta del fisco per la crisi d’impresa. In arrivo novità dal D.L. Concorrenza.

Previste nuove soglie per le segnalazioni della crisi d'impresa da parte di Agenzia delle Entrate. Il Governo tenta di arginare la protesta.
pnrr

Gli obiettivi del PNRR per le imprese raggiunti nei primi 6 mesi

Con l’attuazione degli investimenti per gli IPCEI, Venture capital e i Contratti di sviluppo per le filiere produttive, le batterie e rinnovabili, il Ministero...
incentivi

Incentivi alle imprese: cosa non funziona e il piano di riordino

Il Consiglio dei ministri ha approvato in via definitiva il testo di un disegno di legge delega collegato alla Legge di Bilancio, che ha...
spot_img

Economia

Blockchain e intelligenza artificiale: da settembre gli incentivi

E’ stato pubblicato dal Ministero dello sviluppo economico il decreto che rende note le modalità e i termini di...

Allerta del fisco per la crisi d’impresa. In arrivo novità dal D.L. Concorrenza.

Previste nuove soglie per le segnalazioni della crisi d'impresa da parte di Agenzia delle Entrate. Il Governo tenta di arginare la protesta.

Gli obiettivi del PNRR per le imprese raggiunti nei primi 6 mesi

Con l’attuazione degli investimenti per gli IPCEI, Venture capital e i Contratti di sviluppo per le filiere produttive, le...

Biodiversa +: il bando per la tutela di biodiversità ed ecosistemi

In arrivo a settembre il secondo bando di Biodiversa +, la partnership europea co-finanziata per la ricerca sulla diversità, la tutela degli...
- Advertisement -spot_img