8.6 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
spot_imgspot_img

Regione Sicilia: Ritirato il bando per la formazione continua nelle PMI

-

- Advertisment -

Le risorse stanziate per favorire la formazione continua nelle imprese siciliane saranno destinate a pagare un debito con l’INPS.

Dalla Regione Sicilia arriva la revoca di un bando che avrebbe stanziato 40 milioni di euro per finanziare la formazione continua a favore dei lavoratori delle imprese locali: le stesse risorse, infatti, serviranno per saldare un debito con l’INPS e pagare la cassa integrazione ai 1800 dipendenti della Gesip di Palermo.

Al bando per la formazione continua erano state già ammesse 373 imprese, che avrebbero usufruito del plafond composto in parte dai fondi della UE e dai finanziamenti del Ministero del Lavoro.

Si tratta del terzo bando ritirato nell’arco di tempo di un paio d’anni, infatti nel 2012 sono stati interrotti due progetti per un valore complessivo di oltre 150 milioni di euro per decisione della Corte dei Conti, che non ha approvato le graduatorie.

tratto da pmi.it

Ultime news

Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
spot_img

Economia

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
- Advertisement -spot_img