17.3 C
Rome
venerdì, Ottobre 22, 2021
spot_imgspot_img

Rapporto UNESCO: come riparte la formazione

Ecco come riparte l'istruzione superiore in tutto il mondo

-

- Advertisment -

Dopo che l’emergenza globale Covid-19 ha frenato anche la formazione, con 220 milioni di studenti in tutto il mondo coinvolti da uno stop di corsi e lezioni, l’UNESCO ha condotto un’indagine per fornire una panoramica sullo stato attuale del mondo dell’istruzione e universitario.

I risultati dell’indagine forniscono spunti di grande interesse su come alcuni Paesi siano stati in grado di trasformare le sfide – portate dalla rapida digitalizzazione dell’istruzione – in opportunità, attraverso un forte sostegno dei governi e la cooperazione internazionale.

Lo studio UNESCO ha cercato, in particolare, di valutare il diverso impatto che la pandemia ha avuto sui sistemi di istruzione superiore in termini di accesso, equità e qualità dell’insegnamento e dell’apprendimento, operazioni universitarie, sfide nazionali, questioni emergenziali e risposte strategiche.

I risultati chiave per le varie categorie di valutazione sono riassunti nel seguente schema.

  • Modalità di insegnamento e apprendimento: il principale impatto dell’emergenza Covid-19 sull’insegnamento e l’apprendimento è stato l’aumento dell’istruzione online. Webinar e fad sono diventati la modalità di insegnamento più popolare.
  • Accesso: l’impatto dell’emergenza sulle iscrizioni in termini numerici varia a seconda delle regioni del mondo e dei livelli di reddito. I paesi ad alto reddito, europei e nordamericani in particolare, sono stati in grado di affrontare meglio gli effetti negativi grazie a forme di sostegno finanziario dei Governi, che ha favorito una crescita delle iscrizioni interne.
  • Mobilità internazionale: la mobilità degli studenti, naturalmente, ha subito un duro colpo, colpendo in modo significativo gli studenti con uno sguardo internazionale, ma la transizione virtuale è stata in grado di compensare o addirittura sostituire, anche per il futuro, la mobilità fisica.
  • Personale universitario: nonostante la chiusura di molte università, l’impatto del Covid-19 sul personale universitario rispetto all’anno accademico precedente è stato limitato.
  • Interruzione delle attività di ricerca e sviluppo: il Covid ha portato alla sospensione e alla cancellazione di numerose attività di insegnamento e di ricerca a livello globale.
  • Ampliamento della disuguaglianza: l’impatto della pandemia sulle finanze delle università ha evidenziato ed incrementato le forme di disuguaglianza nel mondo universitario, naturalmente a vantaggio di scuole e atenei che hanno potuto contare in sostegni finanziari governativi o da parte di enti privati.
  • Lavori di manutenzione: il forte impatto della pandemia sulla possibilità di eseguire lavori nelle strutture ha portato a una riduzione della manutenzione e dei servizi nei campus, e alla chiusura di campus universitari in tutto il mondo.
  • Sfide nazionali: la salute e l’adattamento a nuovi modi e modelli di insegnamento sono le principali preoccupazioni per gli studenti e le istituzioni.
  • Transizione dall’istruzione superiore al lavoro: la significativa riduzione delle opportunità di lavoro ha reso più difficile la transizione dagli studi universitari al mercato del lavoro. I datori di lavoro sono anche alla ricerca di candidati con competenze tecnologiche sempre più elevate.
  • Priorità nazionali: sono necessarie opzioni strategiche per le esigenze specifiche di ciascun Paese al fine di migliorare le infrastrutture e la disponibilità di dispositivi digitali per l’apprendimento online o a distanza, così come per sostenere gli insegnanti e promuovere una maggiore collaborazione internazionale nella ricerca e nella politica dell’istruzione

Il sondaggio globale è stato indirizzato ai 193 Stati membri dell’UNESCO e agli 11 membri associati. Sessantacinque paesi hanno presentato risposte, 57 delle quali sono state utilizzate per l’analisi che ha dato forma al rapporto.

spot_imgspot_img
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010. Nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa con approfondimenti, focus e attività di comunicazione.
- Media partner -Media partner

Ultime news

PMI al centro di una nuova alleanza UE-Africa

0
Non potevano mancare all'appello Euromed International Trade e il partner Malta Business in occasione dell'evento UE-Africa SME Summit 2021, che si è tenuto nei...

Industrie creative e sport: le novità del Medaweek 2021

0
In questo 2021 il Medaweek Barcelona, la settimana dei leader economici del Mediterraneo che si presenta al pubblico con lo slogan "Un futuro in...

Agribusiness in Marocco: il webinar gratuito

Euromed International Trade presenta Agribusiness in Marocco

New Statesman: il summit dedicato al Fintech

0
La quarta edizione del New Statesman Fintech Summit torna il 2-3 novembre 2021 al The Nobu Portman Square di Londra, con la partnership di...

Conto alla rovescia per Zoomark International 2021

0
ZOOMARK INTERNATIONAL torna in presenza dal 10 al 12 novembre 2021: la business community della pet industry potrà incontrarsi, a Bologna, per l’unico grande...
spot_img

Economia

PMI al centro di una nuova alleanza UE-Africa

Non potevano mancare all'appello Euromed International Trade e il partner Malta Business in occasione dell'evento UE-Africa SME Summit 2021,...

Conto alla rovescia per Zoomark International 2021

ZOOMARK INTERNATIONAL torna in presenza dal 10 al 12 novembre 2021: la business community della pet industry potrà incontrarsi,...

TuttoFood 2021 in presenza a Milano dal 22 al 26 ottobre

Lavorare nel Food & Beverage è un fatto di passione, non solo di business. Aromi, sapori, texture – e...

UE-USA: nuovo fronte comune per competere contro la Cina

Si è tenuto alla fine di settembre a Pittsburgh, in Pennsylvania, l'incontro inaugurale del Trade and Technology Council (TTC),...
- Advertisement -spot_img