23.3 C
Rome
mercoledì, Agosto 10, 2022
spot_img

Quattro anni di CETA: gli scambi UE-Canada volano

L'accordo ha decretato la più estesa liberalizzazione tariffaria nella storia dei negoziati commerciali UE

-

- Advertisment -

Buon compleanno CETA! L’accordo di libero scambio tra Unione Europea e Canada, approvato da Bruxelles il 21 Settembre 2017, ha tagliato da poco il traguardo dei 4 anni. E lo ha fatto in piena salute, nonostante le fake news e i pregiudizi che hanno tentato di abbatterlo, e nonostante la mancata ratifica da parte del Parlamento italiano.

Il Ceta ha decretato infatti la più estesa liberalizzazione tariffaria nella storia dei negoziati commerciali dell’Ue, disposizioni vincolanti sul mantenimento di elevati standard ambientali e sociali, la liberalizzazione di importanti settori dell’economia, nonché l’abbattimento delle barriere non tariffarie e la tutela della proprietà intellettuale.

E tra i tanti numeri positivi che si potrebbero enunciare a dimostrazione dell’efficacia commerciale di questo accordo (scambi commerciali al +15,3%, e al +34,7% nell’agroalimentare, dall’entrata in vigore fino a inizio 2020, al netto della pandemia), prendiamo in esame quelli relativi ai formaggi, comunicati di recente da Assolatte, l’associazione delle industrie lattiero casearie che è stata tra le più attive sostenitrici dell’accordo.

Per consumatori e imprese il vantaggio più evidente è arrivato dall’abbattimento dei dazi. In particolare, già con l’entrata in vigore venivano liberalizzate il 90% (Canada) e il 92,2% (Unione Europea) delle linee tariffarie sui prodotti agricoli e agroalimentari.

Il Ceta ha poi riservato ai formaggi UE un contingente export che ha previsto l’ingresso in Canada, a dazio zero, di ulteriori 17.700 tonnellate annue, di cui 16mila indirizzate ai formaggi di qualità. Complessivamente, rispetto a prima dell’accordo, i quantitativi europei ammessi in Canada a condizioni agevolate sono più che raddoppiati, raggiungendo quota 31.900 tonnellate.

Con riferimento annuo, nel 2020, nonostante l’emergenza pandemica, l’export di formaggi italiani ha sfiorato le 7mila tonnellate, con un aumento del 35% sul 2017, anno in cui l’accordo è diventato operativo. Una significativa progressione che ha coinvolto tutte le categorie di formaggi, dalla Mozzarella, cresciuta di nove volte, e dal provolone (con un exploit del 232%). Incrementi considerevoli anche per grattugiati (37%), Asiago (28%), Grana Padano e Parmigiano Reggiano(27%), altri formaggi freschi (27%), Gorgonzola (25%) e Pecorino (11%).

A questo quadro va aggiunto che, sempre secondo stime effettuate da Assolatte, si profila un nuovo primato nell’export anche nel 2021, visto che le vendite di formaggi italiani in Canada sta registrando un tasso di crescita del 5%.

Ci sono altri due elementi fondamentali dell’accordo Ceta da sottolineare – ha aggiunto il Presidente di Assolatte, Paolo Zanetti – il primo è la lotta all’italian sounding, il secondo è il riconoscimento e la tutela delle principali denominazioni Dop e Igp europee, dove i formaggi italiani fanno la parte del leone. Un aspetto di non poco conto, essendo il Canada tradizionalmente estraneo a questo sistema di valorizzazione dell’origine“.

Sulla stessa linea è, naturalmente, il Think Tank Imprese del Sud, che si è sempre esposto in prima linea e a più riprese a favore di accordi commerciali e liberalizzazioni, a partire dal modello del CETA. Lunga vita a questo trattato, dunque, nella speranza che anche il Parlamento italiano possa valorizzarlo al meglio per dare una spinta decisiva al rilancio dell’economia italiana post pandemia.

Giovanni Guarise
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010. Nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa con approfondimenti, focus e attività di comunicazione.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

blockchain IA

Blockchain e intelligenza artificiale: da settembre gli incentivi

E’ stato pubblicato dal Ministero dello sviluppo economico il decreto che rende note le modalità e i termini di presentazione delle domande per richiedere...
pagamenti fornitori

Nel 2021 lo Stato “risparmia” 5,2 miliardi non pagando i fornitori

Nel 2021 l’Amministrazione centrale dello Stato ha ricevuto dai propri fornitori 3.657.000 fatture per un importo complessivo pari a 18 miliardi di euro. Ne...
Crisi d'impresa - Imprese del Sud

Allerta del fisco per la crisi d’impresa. In arrivo novità dal D.L. Concorrenza.

Previste nuove soglie per le segnalazioni della crisi d'impresa da parte di Agenzia delle Entrate. Il Governo tenta di arginare la protesta.
pnrr

Gli obiettivi del PNRR per le imprese raggiunti nei primi 6 mesi

Con l’attuazione degli investimenti per gli IPCEI, Venture capital e i Contratti di sviluppo per le filiere produttive, le batterie e rinnovabili, il Ministero...
incentivi

Incentivi alle imprese: cosa non funziona e il piano di riordino

Il Consiglio dei ministri ha approvato in via definitiva il testo di un disegno di legge delega collegato alla Legge di Bilancio, che ha...
spot_img

Economia

Blockchain e intelligenza artificiale: da settembre gli incentivi

E’ stato pubblicato dal Ministero dello sviluppo economico il decreto che rende note le modalità e i termini di...

Allerta del fisco per la crisi d’impresa. In arrivo novità dal D.L. Concorrenza.

Previste nuove soglie per le segnalazioni della crisi d'impresa da parte di Agenzia delle Entrate. Il Governo tenta di arginare la protesta.

Gli obiettivi del PNRR per le imprese raggiunti nei primi 6 mesi

Con l’attuazione degli investimenti per gli IPCEI, Venture capital e i Contratti di sviluppo per le filiere produttive, le...

Biodiversa +: il bando per la tutela di biodiversità ed ecosistemi

In arrivo a settembre il secondo bando di Biodiversa +, la partnership europea co-finanziata per la ricerca sulla diversità, la tutela degli...
- Advertisement -spot_img