22.8 C
Rome
domenica, Luglio 3, 2022
spot_imgspot_img

Puntare sulle isole per rilanciare il turismo mediterraneo

L'intervento del Coordinatore Generale di ASCAME

-

- Advertisment -

Le isole del Mediterraneo hanno conosciuto un grande sviluppo negli ultimi anni con l’espansione del loro settore turistico. Il turismo integra molti elementi positivi, genera opportunità di lavoro, specialmente per i giovani e le donne, incrementa il reddito stagionale, promuove la costruzione di infrastrutture, sviluppa tecnologie e servizi, e facilita lo scambio culturale e sociale che arricchisce il viaggiatore e la destinazione. Tuttavia, c’è una grande differenza tra la crescita e una distribuzione equa e coerente del reddito, e oggi sappiamo che “tornare alla normalità” non è il modo per costruire un futuro prospero e sostenibile.

Con l’emergenza COVID-19, le isole hanno subito perdite di miliardi di euro di attività, sia dirette che indirette. Il mondo ha attraversato una fase dolorosa, pesante e costosa nel suo lungo confronto con il virus, e la battaglia continua. Per questo ci troviamo di fronte all’opportunità di far ripartire il settore e offrire un nuovo modello di turismo post-Covid.

Le sfide presenti e future, per il Mediterraneo in generale e le sue isole in particolare, sono quelle di diventare una destinazione turistica sostenibile e imporre una responsabilità condivisa basata sui tre pilastri della sostenibilità: economica, ambientale e sociale. Il turismo del futuro incorpora obiettivi di sviluppo equilibrati e mirati, e richiede un cambiamento di atteggiamento in tutta la catena del valore: destinazioni, aziende e turisti.

Il Mediterraneo è la prima destinazione turistica: rappresenta il 30% del reddito mondiale e il 12% del PIL regionale, una percentuale simile di occupazione registrata. Ora le sue isole hanno bisogno di un sostegno vitale per facilitare la loro trasformazione verso un nuovo modello più resiliente, verde e blu che rafforzi le economie locali in modo equilibrato e sostenibile. Le isole devono diventare la portaerei di questo nuovo turismo regionale.

Le isole del Mediterraneo devono essere coordinate. Devono lavorare per i loro obiettivi comuni e affrontare problemi altrettanto comuni: cambiamenti climatici, redditività, stagionalità. È necessario quindi un progetto di cooperazione di un mercato turistico mediterraneo coerente ed efficiente. Consolidare un “Marchio Mediterraneo” e un turismo redditizio allineato con gli Obiettivi di Sviluppo. Senza un piano globale che consolidi la sua leadership, la ripresa e la sostenibilità a lungo termine sono in pericolo. Non possiamo oggi compromettere le esigenze future con una strategia e una gestione inadeguate.

Le isole sono destinazioni di vacanza speciali, sono nella nostra cultura e nel nostro immaginario, in nessun luogo più che nel Mediterraneo in estate. Ma l’impatto del modello turistico attuale, come i rifiuti marini sulle spiagge, è particolarmente visibile sulle isole. Dobbiamo approfittare della situazione generata dalla pandemia per ripensare il modello.

In passato, il settore del turismo ha dimostrato la sua capacità di superare le crisi e di adattarsi ai cambiamenti, di stimolare la crescita e di creare posti di lavoro, nonostante le sfide economiche e geopolitiche, il terrorismo o i disastri naturali.

Le isole del Mediterraneo possono uscire rafforzate dalla pandemia e continuare ad essere un motore dell’economia. Ma i governi e il settore privato devono lavorare insieme per superare l’impatto di una crisi sociale ed economica senza precedenti.

È importante valorizzare il turismo nelle isole del Mediterraneo. Ma sarà necessaria una strategia e degli strumenti in cui tutti gli attori dovrebbero essere coinvolti. I responsabili politici nazionali e regionali devono utilizzare nuovi approcci per fornire una risposta forte con l’obiettivo di aiutare il settore a riprendersi. Esistono precisi quadri normativi, regolamentari e istituzionali con sufficienti incentivi per stimolare lo sviluppo dell’offerta e della capacità produttiva. Una strategia comune che garantisca che il settore turistico mediterraneo diventi resiliente, sostenibile, inclusivo e competitivo.

Il turismo guidato dalla comunità promuove anche un comportamento responsabile del consumatore, favorendo uno scambio culturale e una comprensione più profonda rispetto al tradizionale turismo di sole e spiaggia. Senza dimenticare l’importanza della consapevolezza dei visitatori, che sono un potente motore di cambiamento. Le loro voci e richieste hanno il potere di migliorare l’economia e il benessere.

La pandemia può dunque essere il punto di trasformazione delle economie delle isole del Mediterraneo e da lì, dell’intera regione. Sappiamo che dobbiamo dimezzare le emissioni di gas serra. Stiamo vivendo una quarta rivoluzione industriale, con nuovi strumenti digitali, che sono un potente acceleratore di inclusione, competitività e cooperazione che migliora la sostenibilità. Dalla crisi finanziaria globale del 2008, sappiamo che dobbiamo evolvere. Mentre il turismo ha storicamente dimostrato una grande capacità di adattamento, innovazione e recupero dalle avversità, questa situazione senza precedenti richiede nuovi approcci, una risposta forte e un partenariato a vari livelli.

Ferdinand Braudel diceva che “il Mediterraneo non è un paesaggio ma innumerevoli paesaggi. Non è un mare ma una serie di mari”. Il Mediterraneo è un mare di isole e quindi attira milioni di visitatori da tutto il mondo. Di fronte alla pandemia, all’incertezza economica e alla continua sfida posta dai cambiamenti climatici, possiamo affrontare le sfide del futuro soltanto attraverso la sostenibilità a lungo termine.

spot_imgspot_img
Anwar Zibaoui
Anwar Zibaoui
Specializzato in economia e relazioni internazionali e internazionalizzazione delle imprese. Esperto del mondo arabo e mediterraneo, cerca di rafforzare la comprensione reciproca e i legami economici tra questi paesi e l'UE. Scrive e partecipa a numerosi media spagnoli e internazionali. Organizza eventi economici internazionali e ha tenuto conferenze in vari congressi, forum e università. Ha ricoperto e continua a ricoprire responsabilità in varie società e organizzazioni internazionali, è fondatore di AZ Meda Advisors e Coordinatore generale di Ascame.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

turismo

Turismo, il bando RESETTING per Pmi digitali e sostenibili

Sul portale Funding&Tender opportunities è stato pubblicato il bando RESETTING, per il rilancio del turismo sostenibile e intelligente europeo attraverso la digitalizzazione e l’innovazione. Il...
brevetti

Protezione brevetti: il 50% dei proventi resta all’inventore

Un intervento organico a tutela della proprietà industriale che punta a rafforzare la competitività tecnologica e digitale delle imprese e dei centri di ricerca nazionali...

Nuovo bonus per le imprese agricole e agroalimentari

Pronte le regole per fruire del nuovo bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana, ilcredito d’imposta diretto a supportare le reti di imprese agricole...
imprese servizi

Cresce il fatturato delle imprese di servizi

Nel primo trimestre 2022 l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi cresce del 2,8% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un aumento, in...
bundestag

C’è l’accordo: Germania verso la ratifica del CETA

I tre partiti della coalizione di governo in Germania si sono accordati giovedì scorso per ratificare l'accordo di libero scambio CETA tra l'Unione Europea...
spot_img

Economia

Turismo, il bando RESETTING per Pmi digitali e sostenibili

Sul portale Funding&Tender opportunities è stato pubblicato il bando RESETTING, per il rilancio del turismo sostenibile e intelligente europeo...

Nuovo bonus per le imprese agricole e agroalimentari

Pronte le regole per fruire del nuovo bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana, ilcredito d’imposta diretto a supportare...

C’è l’accordo: Germania verso la ratifica del CETA

I tre partiti della coalizione di governo in Germania si sono accordati giovedì scorso per ratificare l'accordo di libero...

Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una...
- Advertisement -spot_img