7 C
Rome
venerdì, Febbraio 3, 2023
spot_imgspot_img

La promozione dei prodotti tipici siciliani a marchio

-

- Advertisment -

Il cambiamento della struttura dei mercati ed un consumatore sempre più consapevole stanno modificando radicalmente i modelli di consumo.

Questo scenario potrebbe essere molto utile a quei prodotti tipici a marchio ed a quelle aziende che fino ad oggi non sono riuscite ad emergere efficacemente sul mercato.

In questo articolo vedremo come fare per rendere un prodotto presentabile al pubblico facendone una comunicazione efficace che possa portare volumi di vendita soddisfacenti.

Cosa sono i prodotti tipici siciliani a marchio DOP ed IGP

Un prodotto tipico siciliano a marchio DOP ed IGP è un prodotto che ha beneficiato di una speciale vidimazione che certifica la sua qualità, origine e tradizione da parte del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali italiano.

Questi prodotti tipici sono riconosciuti per la loro particolarità nel territorio in cui sono stati realizzati, per esempio la lavorazione artigianale, le tecniche agricole tradizionali o il paesaggio peculiare in cui sono stati coltivati.

Per ottenere questo status i distretti di produzione hanno sviluppato un preciso disciplinare a cui tutti coloro che producono all’interno di quel territorio devono attenersi.

In tal senso, i marchi DOP ed IGP danno garanzia al consumatore di acquistare un prodotto genuino, con standard qualitativi elevati rispetto a quelli ottenibili con metodologie industriali comuni.

Per questo motivo questi prodotti tipici a marchio rappresentano una protezione sia per il produttore che per il consumatore:

  • Il produttore dovrebbe avere una maggiore tutela sul mercato per il proprio prodotto in quanto nessun altro imprenditore di altre zone può usare quel marchio tutelato; diventa così uno dei pochi a produrre esattamente con quel metodo, quella qualità in quella zona geografica;
  • Il consumatore è tutelato nel suo acquisto perché il prodotto può essere messo in commercio solo dopo quel particolare processo produttivo che ne garantisce la qualità.

Quali sono i principali problemi di mercato dei prodotti siciliani a marchio

I principali problemi di mercato dei prodotti tipici siciliani a marchio DOP e IGP sono principalmente legati alla carenza di informazioni sulla qualità, il gusto e la storia che ci sta dietro; si tratta di un problema legato al fatto che spesso non c’è una strategia di marketing adeguata a promuovere i prodotti tipici in modo efficace, al fine di consentire al consumatore di conoscere realmente la qualità del prodotto.

Altro problema, certamente ancora più complesso è la forte competizione con i prodotti esteri più economici che tendono a prendere il posto, sugli scaffali di supermercati ed ipermercati esteri, dei prodotti a marchio, i cosiddetti prodotti imitazione.

Ne è un esempio molto conosciuto – anche se non si tratta di prodotto siciliano – il parmigiano che si trova a dover competere con il prodotto “Parmesan”

Come individuare i migliori sbocchi di mercato per i prodotti tipici siciliani a marchio

I prodotti tipici siciliani a marchio DOP e IGP sono un’ottima fonte di ricchezza per il territorio, ma non sempre riescono a trovare un adeguato sbocco di mercato. Per individuare le migliori opportunità è necessario studiare attentamente i dati del settore, definire la clientela target e analizzare la strategia della concorrenza.

Ciò che spesso manca, ma che può essere

ma che può essere utile è creare un piano di marketing mirato con l’obiettivo di promuovere in modo efficace le produzioni locali.

In questo articolo vedremo come può essere impostata un’adeguata strategia di promozione e comunicazione.

Anzitutto una adeguata strategia di marketing dovrebbe partire dallo studio dei mercati di sbocco, cercando di capirne la ricettività al prodotto.

Fatto questo studio, al fine di entrare in quel particolare mercato, una delle attività operative potrebbe essere la partecipazione a fiere specializzate in paesi esteri che si ritengono più ricettivi per il prodotto; mi sentirei di tralasciare le iniziative pubbliche finanziate al riguardo, lavorando invece su contatti diretti.

In tema di comunicazione, Una nota dolente è spesso rappresentata dalle campagne pubblicitarie in televisione o sui social network. È importante che queste campagne vengano gestite da agenzie specializzate (non necessariamente grandi network) che possano garantire un risultato adeguato

Con le nuove tecnologie digitali si ha la possibilità (non nuova) di investire nello sviluppo di una piattaforma e – commerce (cosiddetto “commercio digitale”) per ampliare il proprio bacino d’utenza, ed arrivare a quegli utenti più “avanzati” che per i loro acquisti di nicchia preferiscono utilizzare canali alternativi ai tradizionali negozi di prossimità.

In questo modo, grazie ad una strategia ben pensata, efficiente e che utilizzi coerenza fra comunicazione e distribuzione diventa possibile raggiungere nuovi clienti e fare crescere il business.

Esempi di strategie di promozione adeguate per i prodotti siciliani a marchio

I prodotti tipici alimentari siciliani a marchio DOP e IGP, come olio extravergine di oliva, vini DOC/DOCG, salumi e formaggi, sono un importante patrimonio gastronomico nazionale. Per garantire loro successo sul mercato è necessario adottare strategie di marketing adeguate che ne valorizzino le peculiarità ed i benefici per il consumatore.

Così, nell’ambito della comunicazione, diventa essenziale promuovere la qualità dei prodotti a marchio con campagne pubblicitarie mirate che mostrino i vantaggi degli ingredienti naturali utilizzati per prepararli e della passione con cui sono stati realizzati.

Ma ancora più che la qualità, per il consumatore di oggi quello che è importante è l’aspetto della sensazione e della percezione del prodotto. Chi riceve la comunicazione del prodotto deve ricevere un’emozione per acquistarlo. L’unico modo per trasmettere un’emozione è quello di immergerlo in una storia e farlo sentire parte di una tradizione.

Lo Storytelling è un aspetto fondamentale della comunicazione di un prodotto perché consente al destinatario di entrare nel mondo di quella produzione e sentirsene parte, sentirsi parte di quella elitè che acquista e consuma quel prodotto.

Nella pianificazione di marketing, però, la comunicazione non è l’unico aspetto perché è altrettanto importante pianificare la migliore distribuzione.

In considerazione di una sempre maggiore tendenza del consumatore alla cosiddetta Omnicanalità, nella situazione di mercato odierna è importante che un produttore sviluppi partnership sia con i rivenditori tradizionali, ma anche con distributori e piattaforme online per offrire una maggiore accessibilità alle produzioni ed aumentarne la loro visibilità.

Tralasciando lo sbocco della Grande distribuzione, ormai troppo distante dai piccoli produttori, sia per le condizioni imposte, sia per i volumi di vendita, è necessario che gli imprenditori di piccole dimensioni abbiano rapporti più stretti con dettaglianti di prossimità e piattaforme e – commerce locali.

Con questa varietà di collocazione del prodotto, qualunque potenziale cliente ha possibilità di scegliere e di accedere alla produzione sia da canali fisici, che da canali on line.

Un esempio di promozione molto efficace è rappresentata dall’organizzazione di eventi dedicati con degustazioni guidate e visite ai luoghi di produzione.si tratta di eventi che permettono di aumentare la notorietà e la consapevolezza di un brand e di vendere contestualmente il prodotto a consumatori realmente interessati che sarà possibile fidelizzare.

Tutti questi esempi, usati in modo coordinato, possono contribuire in modo incisivo alla diffusione di un brand in un modo più interattivo e coinvolgente.

Come battere la concorrenza dei prodotti esteri

Un’ultima considerazione va fatta anche per quei produttori di maggiori dimensioni che per battere la concorrenza dei prodotti esteri, devono adottare una strategia di marketing ben definita che metta in evidenza l’individualità, la tipicità territoriale, le qualità e i benefici di un prodotto che non può avere imitazioni.

Per fare un export efficace è necessario creare un brand forte e distintivo che si affianchi al marchio DOP/IGP; un brand non è solo gli elementi grafici specifici come ad esempio il logo, l’immagine coordinata ed il lettering con alcune parole chiave, ma è soprattutto caratterizzato dai valori e dalle tradizioni che lo accompagnano.

Sono davanti ai nostri occhi i progressi commerciali fatti dalle aziende vinicole venete che oltre a presentare una denominazione d’origine hanno fatto un grossissimo lavoro negli ultimi trent’anni in termini di consapevolezza del brand (brand Awareness)

Anche per queste aziende la cura del proprio marketing deve basarsi sulla promozione/comunicazione del proprio marchio su più canali sia on line che off line (social media e campagne pubblicitarie).

La maggiore dimestichezza degli utenti esteri con gli acquisti da web – Come dimostra questa ricerca SACE –  consentirebbe di aumentarne la visibilità e raggiungere un maggior numero di clienti potenziali, che diventerebbero più consapevoli delle qualità di un prodotto tipico a marchio.

Infine, Trattandosi di acquisti effettuati su paesi con legislazioni sul commercio differenti, oltre a ricordarsi di offrire agli acquirenti tutti i dettagli relativi al prodotto, bisogna iniziare a conoscere la relativa normativa sul prodotto e sulla vendita.

Tutto questo senza mai dimenticare che dal momento che si tratta di prodotti tipici siciliani a marchio DOP o IGP, gli acquirenti devono essere informati sulla tradizione e la storia dietro alla produzione per fare in modo che possano apprezzare maggiormente l’origine ed essere motivati a concludere acquisto.

Abbiamo così visto, in modo più generico cosa è necessario fare e quali aspetti privilegiare maggiormente per promuovere adeguatamente i prodotti tipici siciliani, abbiamo visto che un marketing ben studiato e coerente può permettere di raggiungere efficacemente consumatori sia italiani che esteri, ma soprattutto che una buona strategia di marketing non necessariamente è riservata a grandi aziende.

Anche un piccolo produttore, quindi, con un investimento relativamente piccolo può entrare in un mercato di dimensioni adeguate a patto di seguire determinate regole e dare coerenza alla propria strategia.

Alessandro Creazzo
Alessandro Creazzohttps://www.alessandrocreazzo.it
Mi occupo di consulenza di marketing e comunicazione, copywriting e content marketing in generale. Oltre che sul mio blog, per la mia attività, scrivo anche per piattaforme e magazine on line.
Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

Crisi di impresa cartella nulla - Imprese del sud

Cartella nulla, se l’azienda ha avviato il procedimento della crisi d’impresa

Pretesa dell'Agenzia della riscossione per debiti fiscali ritenuta ridondante poiché i debiti sono già stati inclusi nell'accordo omologato della crisi d'Impresa.
Vino Canada Irlanda etichette salute imprese del sud

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando di ridurre il consumo di...
Fondimpresa Abruzzo nuovo presidente

Fondimpresa Abruzzo. Luciano De Remigis nominato nuovo presdiente

Cambio ai vertici dell’Articolazione Abruzzese di Fondimpresa - Fondo interprofessionale per la formazione continua di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil.
Direttiva sustainability reporting - Imprese del Sud

Entrata in vigore la direttiva Corporate Sustainability Reporting 

0
La nuova direttiva europea rivede, amplia e rafforza le norme introdotte inizialmente dalla direttiva sulla comunicazione di informazioni non finanziarie.
Smart working iscritto aire fisco

Fisco, iscritto AIRE. Conta la residenza.

Anche se iscritto AIRE, il contribuente paga le tasse, nel luogo di residenza effettiva.
spot_img

Economia

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando...

Codice appalti: La revisione prezzi dei contratti “alla francese”

Il Parlamento discute la possibilità di introdurre un meccanismo di revisione prezzi "alla francese" obbligatorio per tutti i contratti in caso di eventi imprevedibili.

Marche: Stati generali dell’internazionalizzazione

Le Marche ospiteranno gli Stati Generali dell'Internalizzazione dal 16 al 19 giugno a Casale di Colli del Tronto (Ascoli Piceno).

Corte Suprema irlandese. La procedura di ratifica del CETA è incostituzionale

La Corte Suprema irlandese ha dichiarato che gli emendamenti sarebbero necessari per conferire ai tribunali irlandesi il potere di...
- Advertisement -spot_img