20.5 C
Rome
lunedì, Maggio 23, 2022
spot_imgspot_img

Pmi inglesi in fuga verso l’Olanda dopo la Brexit

Il numero di società britanniche alla ricerca di una sede in Olanda è raddoppiato negli ultimi mesi.

-

- Advertisment -

La Brexit continua a preoccupare le piccole e medie imprese del Regno Unito. Le impresi anglosassone per recuperare gli affari economici e continuare ad intrattenere legami di business con il continente europeo iniziano a guardare con attenzione all’Olanda. A preoccupare è soprattutto l’attività legata elle esportazioni che in Europa sono diventate più complicate a causa dei controlli alla dogana, dei costi burocratici aumentati e dell’Iva che viene riscossa al confine.

In un recente approfondimento economico commerciale pubblicato dallo storico quotidiano The Guardian, viene evidenziato di come le società di logistica olandesi sono state inondate di richieste di aiuto e contemporaneamente il numero di società britanniche alla ricerca di una sede in Olanda è raddoppiato negli ultimi 18 mesi. L’Agenzia olandese per gli investimenti esteri (NFIA) ha un elenco di oltre 500 aziende internazionali che stanno valutando di investire nella nazione in seguito alla Brexit, e la metà di queste sono società britanniche. La dinamica commerciale e geostrategica è di semplice comprensione e sostanzialmente l’Europa con i suoi con i suoi 500 milioni di consumatori, rimane il principale partner commerciale del Regno Unito. Le imprese britanniche non vogliono perdere questo patrimonio.

La Gran Bretagna ha esportato 294 miliardi di sterline di beni e servizi nel 2019, secondo le statistiche ufficiali, e il 43% del commercio nel Regno Unito. Le imprese del Regno Unito vogliono continuare ad intraprendere relazioni economiche e sviluppare nuove opportunità commerciali con l’Unione Europea e stanno approfondendo le dinamiche geopolitiche e i rapporti strategici che possono intrattenere con i propri vicini. Trasferirsi in Olanda o anche solo organizzare la propria logistica e lo stoccaggio con i propri magazzini è una soluzione ideale in quanto il porto di Rotterdam è da sempre una delle porte dell’Europa per le merci britanniche e globali. Rotterdam è al giorno d’oggi di vitale importanza per l’economia olandese: il suo porto, con i suoi 105 chilometri quadrati, le sue fiorenti industrie petrolchimiche e l’intenso traffico di cargo e containers, è il più grande porto d’Europa. Tale porto fino al 2004 è stato anche il più grande porto al mondo.

Le imprese britanniche vogliono continuare a fidelizzare i clienti europei e non vogliono far gravare sui consumatori europei i maggiori costi di spedizione e dell’Iva per ricevere gli articoli ordinati. In base alle regole delineate nell’accordo Brexit, i prodotti non fabbricati in Gran Bretagna sono soggetti a tariffe quando riesportati dal Regno Unito nel mercato europeo. Dinamiche commerciali che preoccupano anche le istituzioni europee che vogliono continuare a studiare la modalità di azione strategiche nei confronti dei partner anglosassoni. A tal riguardo, la Commissione Europea ha avallato la proposta di estendere fino al 30 aprile l’applicazione provvisoria dell’accordo post-Brexit di commercio e cooperazione (TCA), per dare il tempo necessario al Parlamento Europeo e al Consiglio di tradurre, revisionare e ratificare l’accordo di Natale con il Regno Unito.

Euromed International Trade segue le dinamiche commerciali post Brexit per dare alle imprese il miglior supporto nel commercio con il Regno Unito.

  • Contattaci per info

  • spot_imgspot_img
    Domenico Letizia
    Domenico Letizia
    Giornalista.
    Scopri l'offertaMedia partner

    Ultime news

    società benefit

    Imprese: incentivi per le società benefit

    A partire dallo scorso 19 maggio e fino al 15 giugno 2022 le imprese presenti sul territorio nazionale che si sono costituite o trasformate in società benefit...
    imprese agricole

    Imprese agricole: via al Fondo investimenti innovativi

    A partire dal 23 maggio e fino al 23 giugno 2022, le micro, piccole e medie imprese agricole potranno richiedere le agevolazioni del Fondo per...
    ceta business forum

    CETA Business Forum: una ricca agenda per i settori del futuro

    Sale l'attesa per il CETA Business Forum, il primo grande evento di business online interamente dedicato ai rapporti tra Unione Europea e Canada: l'appuntamento...

    Circa 600 domande per valorizzare i beni confiscati alla mafia

    Sono state 605 le domande per accedere alle risorse messe a disposizione dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per la valorizzazione di beni confiscati alla...
    south working

    “Il futuro dello smart working parte dal Sud” 

    Dallo scorso 21 aprile 2022 è disponibile in libreria e sulle più importanti piattaforme il libro dell’associazione South Working – Lavorare dal Sud dal...
    spot_img

    Economia

    Imprese: incentivi per le società benefit

    A partire dallo scorso 19 maggio e fino al 15 giugno 2022 le imprese presenti sul territorio nazionale che si sono costituite...

    Imprese agricole: via al Fondo investimenti innovativi

    A partire dal 23 maggio e fino al 23 giugno 2022, le micro, piccole e medie imprese agricole potranno richiedere...

    Calcolo ad alte prestazioni (HPC): le sovvenzioni UE

    Nel quadro del programma Europa Digitale la Commissione europea ha lanciato un invito a presentare proposte per sovvenzioni nel...

    Digitalizzazione Pmi: il nuovo bando DIH-World

    Il progetto europeo DIH-World finanziato da Horizon 2020 ha lanciato il suo secondo bando aperto per esperimenti digitali a...
    - Advertisement -spot_img