10.4 C
Roma
giovedì, 22 Ottobre 2020

Piattaforme digitali per la promozione e l’export del food di eccellenza

Promuovere l’agroalimentare italiano sui mercati esteri attraverso i canali e-commerce e con piattaforme digitali innovative.

-

- Advertisment -

L’innovazione e la digitalizzazione tramite l’utilizzo di piattaforme diventano il rimedio alla crisi dei consumi per il settore agroalimentare. Attraverso il Tracking & Market Measurement è possibile monitorare le opportunità di sviluppo del biologico in relazione ad alcuni importanti parametri, quali i numeri del biologico, l’andamento delle vendite, i modelli di consumo, le caratteristiche e le esigenze del consumatore di prodotti di eccellenza nei mercati target, i dati relativi all’export del biologico italiano e le modalità di acquisto digitale, compreso il canale e-commerce. ICE e FederBio per promuovere l’agroalimentare biologico italiano sui mercati esteri e attraverso i canali e-commerce hanno deciso di lanciare una piattaforma digitale innovativa dedicata alla promozione e diffusione delle eccellenze agroalimentari biologiche italiane.

Scopo della collaborazione tra l’Agenzia per la Promozione all’Estero e l’Internazionalizzazione delle imprese italiane e la Federazione nazionale dell’agricoltura biologica e biodinamica, è valorizzare i prodotti agroalimentari biologici made in Italy sui mercati internazionali e attraverso lo sviluppo del commercio elettronico e piattaforme digitali adatte. L’iniziativa arriva in un momento di ripresa dei mercati, che “stanno ripartendo con una forte accelerazione verso l’economia digitale”, ha sottolineato il presidente dell’Agenzia ICE, Carlo Ferro, rimarcando l’impegno dell’Agenzia l’ICE a supporto delle imprese “per poterle affiancare sempre più nella transizione verso il digitale, dall’e-commerce alle fiere virtuali, dalla blockchain per la tutela del marchio alla formazione di digital export manager”. Vendere cibo può essere meno complesso di altri settori merceologici poiché si tratta di prodotti che esaltano bisogni primari ed esigenze legate al piacere del gusto. Le persone comprano sempre generi alimentari: per tale considerazione la competizione è alta ed è necessario trovare il modo per distinguersi dai competitor e attirare i consumatori verso il proprio brand. Per quanto riguarda la vendita food online è necessario superare uno scoglio culturale, legato alla quotidianità del pubblico. I generi alimentari, soprattutto se si parla di frutta, verdura e prodotti freschi, sono tradizionalmente molto legati alla selezione diretta del cliente. La verdura, ad esempio, viene toccata ed esaminata visivamente, al negozio come al supermercato, per verificarne la qualità e “sentire l’essenza del prodotto”.

Molte piattaforme di vendita online di successo del settore food affiancano ai classici scatti su sfondo bianco delle confezioni una serie di fotografie target, capaci di mostrare il prodotto nel momento di soddisfazione del bisogno. In questo senso, i social offrono la possibilità di mostrare i prodotti in una chiave differente, meno istituzionale e più vicina alle emozioni delle persone. Un ulteriore elemento di forza utilizzato dai brand è rappresentato dai video, per proporre rapide video-ricette e stimolare il desiderio nei confronti del prodotto. L’elaborazione di video richiede tempi di realizzazione e risorse superiori rispetto ai singoli scatti, ma permettono di aumentare l’engagement, fornendo un contenuto ad alto valore. Oltre ai contenuti legati alla grafica è fondamentale curare anche gli aspetti testuali, domandandosi quali siano gli aspetti fondamentali che interessano il target o pubblico di consumatori di riferimento. Il sostegno dell’ICE, attraverso una piattaforma digitale, alle imprese del food può rappresentare un valido sostegno per le imprese che hanno necessità di recuperare e riprendere la propria attività economica dopo la diffusione dell’emergenza sanitaria.

La digitalizzazione e le nuove visioni dei consumatori sono oramai realtà, non più superabili e comprendere tali fenomeni rappresenta un volano di crescita e successo.

Euromed International Trade realizza strategie di comunicazione digitale verticalizzate su interessanti progetti d’internazionalizzazione avviando la struttura aziendale verso nuove prospettive di export attraverso le piattaforme di vendita online, consolidando il brand aziendale nei mercati esteri per differenziare i prodotti food forniti rispetto a quelli dei competitor. Per ulteriori informazioni compila il seguente form:

Domenico Letizia
Domenico Letiziahttps://www.domenicoletizia.it/
Giornalista, scrive per il quotidiano "L’Opinione delle Libertà", e analista economico e geopolitico. Ricercatore e social media manager del “Water Museum of Venice”, membro della Rete Mondiale UNESCO dei Musei dell’Acqua. Responsabile alla Comunicazione per numerose società di consulenza e internazionalizzazione.
- Advertisement -

Ultime news

Boris Johnson preme per un nuovo accordo commerciale con l’UE

0
Il Ceta come nuovo parametro commerciale di confronto positivo su cui sviluppare i futuri accordi tra Unione Europea e Regno Unito.

“Italia 2030”, formazione per il futuro sostenibile

0
Buffagni: “Sviluppo sostenibile ed Economia circolare opportunità per creare nuovi posti di lavoro, avvicinando cittadini e aziende”

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

0
Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

OCSE: l’Italia ha un fisco poco competitivo

0
Nella classifica dei Paesi monitorati l'Italia occupa l'ultima posizione a causa del suo carico fiscale

La Sardegna e le opportunità legate all’acquacoltura

0
In arrivo sei milioni di euro di aiuti alle imprese di pesca e acquacoltura della Regione Sardegna per implementare l'occupazione locale.

Economia

Boris Johnson preme per un nuovo accordo commerciale con l’UE

Il Ceta come nuovo parametro commerciale di confronto positivo su cui sviluppare i futuri accordi tra Unione Europea e Regno Unito.

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

La Sardegna e le opportunità legate all’acquacoltura

In arrivo sei milioni di euro di aiuti alle imprese di pesca e acquacoltura della Regione Sardegna per implementare l'occupazione locale.

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -