22.4 C
Rome
lunedì, Luglio 4, 2022
spot_img

Pechino e le preoccupazioni geostrategiche dell’Europa

I finanziamenti di Pechino nei confronti dei propri partner oltreconfine sono da tempo nel mirino delle politiche europee.

-

- Advertisment -

Nel corso del mese di dicembre del 2020, l’Unione Europea e Pechino annunciarono l’avvio del “Comprehensive Agreement on Investment” (CAI), un accordo bilaterale per gli investimenti che apre il mercato cinese alle imprese dei paesi membri dell’Unione Europea.

Le negoziazioni per l’accordo iniziarono otto anni fa e nel corso degli anni innumerevoli sono state le problematiche da risolvere così come le concessioni da parte di Pechino. In generale, l’accordo garantisce agli investitori europei l’accesso a diversi settori del mercato della Cina, come le telecomunicazioni, la finanza, l’energia e il mercato legato alle automobili elettriche e ibride. Per la Cina, i vantaggi sono soprattutto di carattere geopolitico oltre che commerciale. Tuttavia, l’Europa guarda con sospetto alla Cina sia per la violazione continua dei diritti umani delle minoranze e dei dissidenti sia per il non rispetto internazionale delle regole del commercio. 

Relazioni Ue-Cina, un accordo sugli investimenti non fa primavera | Sky TG24Anche se l’accordo non prevede una disposizione contro il lavoro forzato, dimostrando ulteriormente la reticenza cinese alla tutela dei diritti umani, la firma del CAI non esclude automaticamente che, in futuro, l’Europa possa introdurre nuove sanzioni verso Pechino per le violazioni contro gli uiguri e le altre minoranze denunciate in questi anni. L’Unione europea rivuole la sua autonomia. Dal 5 maggio la nuova strategia industriale delineata dalla Commissione europea definisce 137 prodotti “molto sensibili all’offerta esterna al mercato unico“. Tra questi sono 34 in particolare a preoccupare perché scarsi su suolo europeo, con la conseguente necessità di importarli da fornitori esteri. Tra i settori centrali emergono le tecnologie avanzate per cloud (archiviazioni dei dati nella rete) ed edge computing (elaboratori di dati che non necessitano di server fisicamente distanti dalla fonte dei dati), semiconduttori ingredienti farmaceutici attivi. La lista include anche idrogeno, batterie, materie prime. Molti di questi prodotti e servizi provengono dalla Cina.

La Commissione europea definisce infatti come “distorsivii finanziamenti che arrivano oltreconfine nei confronti di aziende straniere o acquisite con capitali esteri e chiede ulteriori meccanismi di controllo. “L’apertura del mercato unico è la nostra più grande risorsa. Ma l’apertura richiede correttezza“, ha commentato la vicepresidente esecutiva Margrethe Vestager. Almeno la metà dei 137 prodotti chiave per l’autosufficienza industriale europea provengono dalla Repubblica popolare cinese, mentre in tema di investimenti esteri, Pechino ha aumentato di 50 volte la propria presenza nella Ue in soli dieci anni.

I finanziamenti di Pechino nei confronti dei propri partner oltreconfine sono da tempo nel mirino delle politiche europee, che vedono nelle iniziative cinesi uno strumento di facilitazione all’ingresso sui mercati europei, cosa che non accade per le aziende europee interessate al mercato cinese. Un ruolo preponderante sul mercato europeo di domani sarà giocato dalle tecnologie avanzate per l’industria 4.0 e per la transizione energetica. In questo scenario tecnologico globale, la Cina emergere nella corsa internazionale alle tecnologie energetiche “pulite”, con investimenti tali da abbassare i prezzi dell’intero mercato globale: tra il 2010 e il 2018 l’impatto sui costi è stato di -77% per i pannelli solari, -85% per le pale eoliche e fino al -35% per le batterie di stoccaggio dell’energia.

La Cina supera gli USA nei rapporti commerciali con l'UE

Il monopolio della Repubblica popolare sull’energia del domani e le materie prime rare è un segnale che denota la forte presenza di Pechino nella catena globale del valore delle tecnologie avanzate per la manifattura, i servizi e il settore energetico. Per l’Unione europea, la maggior parte delle tecnologie chiave sono un rischio sistemico e sviluppare ulteriormente relazioni commerciali con il colosso cinese genera preoccupazioni geopolitiche che molti protagonisti politici europei guardano con estremo sospetto, affiancati anche dalle attività di continua denuncia delle Organizzazioni Non Governative sul non rispetto dei diritti fondamentali. 

spot_imgspot_img
Domenico Letizia
Domenico Letizia
Giornalista.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

esportazione

Non imponibilità: i documenti per dimostrare l’esportazione

In tema di esportazioni al di fuori del territorio dell'UE, ai fini della fruizione del regime di non imponibilità, la destinazione dei beni all’esportazione...
turismo

Turismo, il bando RESETTING per Pmi digitali e sostenibili

Sul portale Funding&Tender opportunities è stato pubblicato il bando RESETTING, per il rilancio del turismo sostenibile e intelligente europeo attraverso la digitalizzazione e l’innovazione. Il...
brevetti

Protezione brevetti: il 50% dei proventi resta all’inventore

Un intervento organico a tutela della proprietà industriale che punta a rafforzare la competitività tecnologica e digitale delle imprese e dei centri di ricerca nazionali...

Nuovo bonus per le imprese agricole e agroalimentari

Pronte le regole per fruire del nuovo bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana, ilcredito d’imposta diretto a supportare le reti di imprese agricole...
imprese servizi

Cresce il fatturato delle imprese di servizi

Nel primo trimestre 2022 l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi cresce del 2,8% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un aumento, in...
spot_img

Economia

Turismo, il bando RESETTING per Pmi digitali e sostenibili

Sul portale Funding&Tender opportunities è stato pubblicato il bando RESETTING, per il rilancio del turismo sostenibile e intelligente europeo...

Nuovo bonus per le imprese agricole e agroalimentari

Pronte le regole per fruire del nuovo bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana, ilcredito d’imposta diretto a supportare...

C’è l’accordo: Germania verso la ratifica del CETA

I tre partiti della coalizione di governo in Germania si sono accordati giovedì scorso per ratificare l'accordo di libero...

Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una...
- Advertisement -spot_img