Partite IVA: aperture in crescita

-

- Advertisment -

L’identikit delle Partite IVA in Italia secondo i dati dell’Osservatorio 2012: le nuove Srl semplificate trainano le nuove aperture di Partita IVA tra i giovani e gli aspiranti imprenditori.

La crisi economica e le incertezze politiche del Paese hanno fatto sentire i propri effetti anche sulle Partite IVA, che in termini numerici hanno registrato un calo (-6,6%) a fine 2012 ma che, considerando l’intero 2012 risultano in aumentocon 549mila nuove aperture di Partita IVA (+2,2%).

Si tratta dei dati dell’Anagrafe tributaria evidenziati dall’Osservatorio sulle Partite IVA, distinte per settore di attività, natura giuridica, distribuzione territoriale, caratteristiche demografiche, sesso e fasce di età.

A dicembre 2012  sono diminuite soprattutto le Partite IVA aperte da persone fisiche, che rappresentano il 58,2% del totale. In calo anche le società di persone(-19,9%), al contrario delle società di capitale, che aumentano del +1,4%.

Un dato che rivela il successo delle agevolazioni per le Società a responsabilità limitata semplificata(Srls) e delle Srl a 1 euro. I giovani fino a 35 anni rappresentano infatti il 46% del totale delle nuove Partite IVA, mentre per le fasce più anziane si registra un calo del -25,4%.

Più vitale il Nord d’Italia dove si registrano il 45% delle aperture, seguono il Sud e le Isole (32%), quindi il Centro (23%).

A livello settoriale, la maggior parte delle Partite IVA viene aperta nel settore delcommercio (28% del totale), quindi nei settori del turismo, alloggio e ristorazione e dell’agricoltura (10% per entrambi). In aumento le aperture nei settori dell’istruzione e del finanziario, in diminuzione quelli di agricoltura, costruzioni, energetico e immobiliare.

In prevalenza le Partite IVA vengono aperte da uomini (63,5%).

Analizzando anno per anno, però, ad aprire una Partita IVA nel 2012 sono state soprattutto persone fisiche (+6%), mentre le società di persone fanno registrare un -10% e quelle di capitale un -6%.  Per il resto l’andamento dell’anno rispecchia a grandi linee quanto avvenuto a dicembre.

Interessante infine notare che nel 2012 il 27% delle nuove Partite IVA ha beneficiato del nuovo Regime dei Minimi.

 

Ultime news

Confindustria, Lampugnale eletto presidente P.I. Campania

Cambio al vertice della sezione associativa dedicata alle PMI campane

Il business forum Italia Uzbekistan per il commercio nel centro Asia

Il nuovo Business Forum Italia-Uzbekistan, interamente digitale, per rafforzare la conoscenza e la cooperazione tra i due paesi.

Confapi Sicilia: nasce l’Osservatore digitale per combattere violenze e molestie sul luogo di lavoro

L'Osservatore digitale 6ome6 sarà online e visibile pubblicamente a partire dalle ore 17 del 25 novembre 2020 per celebrare la giornata internazionale contro la violenza e molestie sulle donne.

Dall’Europa nuovi strumenti per superare le barriere commerciali

Il nuovo sistema riflette l’impegno della Commissione a rafforzare l'applicazione e l'attuazione degli accordi commerciali.

A rischio l’esenzione Iva delle imprese esportatrici nel 2021

La presa di posizione di Imprese del Sud e delle rappresentanze della piccola e media impresa

Economia

Il business forum Italia Uzbekistan per il commercio nel centro Asia

Il nuovo Business Forum Italia-Uzbekistan, interamente digitale, per rafforzare la conoscenza e la cooperazione tra i due paesi.

Dall’Europa nuovi strumenti per superare le barriere commerciali

Il nuovo sistema riflette l’impegno della Commissione a rafforzare l'applicazione e l'attuazione degli accordi commerciali.

Canada-Regno Unito: siglato l’accordo ispirato al CETA

Regno Unito e Canada hanno siglato un accordo commerciale di continuità per mantenere il flusso di beni e servizi.

Le opportunità per le imprese offerte dalla Banca Africana di Sviluppo

L’Italia è al quindicesimo posto nella classifica dei Paesi che collaborano con la Banca Africana di Sviluppo.

A rischio l’esenzione Iva delle imprese esportatrici nel 2021

La presa di posizione di Imprese del Sud e delle rappresentanze della piccola e media impresa

Canada-Regno Unito: siglato l’accordo ispirato al CETA

Regno Unito e Canada hanno siglato un accordo commerciale di continuità per mantenere il flusso di beni e servizi.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -