23.5 C
Rome
lunedì, Giugno 27, 2022
spot_imgspot_img

Nuova Sabatini, nuovo ossigeno alle imprese

-

- Advertisment -

La legge Sabatini, introdotta nel 2013, è rivolta principalmente alle Pmi e alle micro imprese che vogliono investire in beni strumentali. Nel 2019 il Governo ha stanziato 480 milioni per rifinanziare gli investimenti per l’acquisto, anche in leasing, di impianti, macchinari, attrezzature industriali, attrezzature commerciali, hardware, software e tecnologie digitali, tra le quali gli investimenti in big data, cloud computing, banda ultralarga, cyber security, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D e radio frequency identification. Sono invece esclusi dalla misura gli investimenti in terreni e fabbricati.

Come confermato dalla circolare direttoriale MISE n. 296976 del 22 luglio 2019, la misura più sostanziale per le imprese riguarda il finanziamento massimo per l’acquisto di macchinari e beni strumentali, portato da 2 a 4 milioni di euro. Risorse che potranno essere erogate dalle banche, da agenzie di prestito e Confidi.

Le piccole e medie imprese possono presentare domanda di agevolazione utilizzando il nuovo modulo, disponibile nella sezione beni strumentali Nuova Sabatini del sito internet ufficiale del Mise.

Le domande che invece sono già state presentate attraverso il vecchio modulo, comunque dopo il 1° maggio 2019, e che dovessero comportare, anche in forma cumulativa, il superamento dei 2 milioni di euro di vecchio tetto massimo, verranno comunque accolte.

Altra importante agevolazione: per i finanziamenti di importo non superiore a 100 mila euro sarà possibile ottenere la somma in unica soluzione. Anche in questo caso le domande devono essere state presentate dalle imprese alle banche e agli intermediari finanziari a decorrere dalla data del 1° maggio 2019.

Ai fini dell’importo, fa esclusivamente fede quanto deliberato dall’istituto finanziatore, mentre non incide in alcun modo la realizzazione di un importo di investimento inferiore da parte dell’impresa beneficiaria. Le domande presentate in precedenza allo scorso 1° maggio, anche se di importo inferiore a 100 mila euro, non avranno accesso al beneficio dell’erogazione in un’unica quota. Nel caso di stipula di un contratto di finanziamento superiore a 100 mila euro, invece, non sarà più possibile apportare modifiche per rientrare nell’erogazione unica.

Ultime news

ceta business forum

Il grande successo del CETA Business Forum: ora via al network UE-Canada

Oltre 500 partecipanti (60% europei e 40% canadesi), 50 relatori e più di 30 partner ufficiali provenienti dall'Unione Europea e dal Canada: sono questi...
sviluppo coesione

Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una fase di forte mobilitazione per...
arif virani

CETA Business Forum: la seconda giornata di incontri

E' iniziata con grande entusiasmo la prima edizione del CETA Business Forum. L'evento di matching online dedicato allo sviluppo di scambi e opportunità tra...

CETA Business Forum: si parte

L'attesa è finita. Prende il via oggi la prima edizione del CETA Business Forum, il primo grande evento di matching online dedicato allo sviluppo...
imprese creative

Al via gli incentivi per le imprese creative

Al via il Fondo del Ministero dello sviluppo economico che incentiva le piccole e medie imprese creative a promuovere investimenti in attività culturali e artistiche,...
spot_img

Economia

Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una...

Al via gli incentivi per le imprese creative

Al via il Fondo del Ministero dello sviluppo economico che incentiva le piccole e medie imprese creative a promuovere...

Nuovo bando canadese per l’innovazione accelerata dei materiali

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche Canada (NRC) lancia un bando nell'ambito dei programmi Materials for Clean Fuels and Artificial...

Food: volano gli scambi tra Italia e Nord America

Interscambio tra l’Italia e il Nord America? La vera star è il Food. Lo confermano i dati di ExportPlanning elaborati in esclusiva...
- Advertisement -spot_img