8.8 C
Rome
lunedì, Dicembre 5, 2022
spot_imgspot_img

Nuova Sabatini, nuovo ossigeno alle imprese

-

- Advertisment -

La legge Sabatini, introdotta nel 2013, è rivolta principalmente alle Pmi e alle micro imprese che vogliono investire in beni strumentali. Nel 2019 il Governo ha stanziato 480 milioni per rifinanziare gli investimenti per l’acquisto, anche in leasing, di impianti, macchinari, attrezzature industriali, attrezzature commerciali, hardware, software e tecnologie digitali, tra le quali gli investimenti in big data, cloud computing, banda ultralarga, cyber security, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D e radio frequency identification. Sono invece esclusi dalla misura gli investimenti in terreni e fabbricati.

Come confermato dalla circolare direttoriale MISE n. 296976 del 22 luglio 2019, la misura più sostanziale per le imprese riguarda il finanziamento massimo per l’acquisto di macchinari e beni strumentali, portato da 2 a 4 milioni di euro. Risorse che potranno essere erogate dalle banche, da agenzie di prestito e Confidi.

Le piccole e medie imprese possono presentare domanda di agevolazione utilizzando il nuovo modulo, disponibile nella sezione beni strumentali Nuova Sabatini del sito internet ufficiale del Mise.

Le domande che invece sono già state presentate attraverso il vecchio modulo, comunque dopo il 1° maggio 2019, e che dovessero comportare, anche in forma cumulativa, il superamento dei 2 milioni di euro di vecchio tetto massimo, verranno comunque accolte.

Altra importante agevolazione: per i finanziamenti di importo non superiore a 100 mila euro sarà possibile ottenere la somma in unica soluzione. Anche in questo caso le domande devono essere state presentate dalle imprese alle banche e agli intermediari finanziari a decorrere dalla data del 1° maggio 2019.

Ai fini dell’importo, fa esclusivamente fede quanto deliberato dall’istituto finanziatore, mentre non incide in alcun modo la realizzazione di un importo di investimento inferiore da parte dell’impresa beneficiaria. Le domande presentate in precedenza allo scorso 1° maggio, anche se di importo inferiore a 100 mila euro, non avranno accesso al beneficio dell’erogazione in un’unica quota. Nel caso di stipula di un contratto di finanziamento superiore a 100 mila euro, invece, non sarà più possibile apportare modifiche per rientrare nell’erogazione unica.

Ultime news

Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
spot_img

Economia

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
- Advertisement -spot_img