10.7 C
Rome
sabato, Aprile 17, 2021
spot_imgspot_img

Medie imprese: incentivi per la ricapitalizzazione

-

- Advertisment -spot_img

L’art. 26 del Decreto Rilancio prevede che ai soci che effettuino, entro il 31 dicembre 2020, conferimenti in denaro per l’aumento del capitale sociale di medie imprese che abbiano subito, nei mesi di marzo e aprile 2020, una perdita di ricavi non inferiore al 33% rispetto allo stesso periodo nell’anno precedente, spetti un credito d’imposta pari al 20% delle somme conferite.

L’investimento massimo sul quale calcolare il credito d’imposta non può superare i 2.000.000 euro. A pena di decadenza del beneficio (con conseguente restituzione di quanto già eventualmente goduto), è altresì richiesto che la partecipazione riveniente dal conferimento sia posseduta almeno fino al 31 dicembre 2023 e che le riserve, di qualsiasi tipo, non vengano distribuite prima del 1 gennaio 2024.

Parimenti, alle medie imprese ricapitalizzate spetta un credito d’imposta pari al 50% delle perdite eccedenti il 10% del patrimonio netto, fino alla concorrenza del 30% dell’aumento di capitale effettuato entro il 31 dicembre e, in ogni caso, nei limiti di 800.000 euro (tetti minori sono previsti per le società che operano nel settore dell’agricoltura e della pesca).

La norma non chiarisce la nozione di regolarità contributiva e fiscale, in cui la società
ricapitalizzata deve trovarsi al fine di poter beneficiare del credito d’imposta in esame. Se è pacifico che con tale espressione si indichi la correttezza nei pagamenti e negli adempimenti previdenziali, assistenziali, assicurativi e fiscali, nonché in tutti gli altri obblighi previsti normativamente in riferimento all’intera situazione aziendale, non è tuttavia chiaro, specie dal punto di vista della regolarità fiscale, quali siano gli adempimenti la cui assenza implichi una situazione di irregolarità.

Questo è un estratto dell’approfondimento pubblicato dallo studio legale Loconte&Partners. Per consultare il documento completo vai al seguente link:

Ultime news

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

La Canadian Chamber in Italy si rinforza

0
La Canadian Chamber in Italy è pronta a rilanciare la sua attività con un direttivo rafforzato per favorire le relazioni tra Canada e Italia.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa equa e sostenibile di cui...
spot_img

Economia

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa...

Plastic free e car sharing: due proposte per il rilancio

Promuovere il taglio dell'utilizzo di plastiche monouso all'interno delle aziende e incentivare il car sharing per i dipendenti.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img