8 C
Rome
venerdì, Gennaio 28, 2022
spot_imgspot_img

L’Irlanda del Nord post Brexit: visioni politiche e commerciali

Belfast non avrà ostacoli burocratici verso Dublino, ma verso il Regno Unito, perché l’Irlanda del Nord è rimasta dentro al mercato unico.

-

- Advertisment -

Tensioni, proposte, prospettive e numerose polemiche caratterizzano il dibattito politico dell’attualità in Irlanda del Nord e con lo storico partner anglosassone. Gli abitanti dell’Ulster potranno scegliere se mantenere il passaporto comunitario e continueranno a godere della libertà di movimento all’interno nell’eurozona. Un londinese avrà bisogno di un visto temporaneo per lavorare e studiare in Europa, una sua coetanea di Belfast no. Venendo alle prospettive economiche vi sono importanti analisi su cui occorre soffermarsi.

Gli scambi commerciali sono stati messi al sicuro dall’accordo con Bruxelles. Non ci saranno dazi, ma la Brexit causerà rallentamenti burocratici al commercio per i suoi effetti collaterali. Particolare attenzione è dedicata ai controlli doganali, ai moduli da compilare, ognuno costa 23 sterline con 29 campi per l’export e 41 per l’import. Belfast non avrà questi ostacoli burocratici verso Dublino, ma verso il Regno Unito, perché l’Irlanda del Nord è rimasta di fatto dentro al mercato unico. Un tir può partire da lì e imbarcarsi su un traghetto, in partenza dall’Irlanda, per scaricare un carico in un porto del continente, per esempio francese. Se la stessa spedizione è destinata alla Scozia o al Galles, occorrono delle certificazioni sanitarie e vanno avvisate le autorità locali per ispezionare la merce all’arrivo. Una situazione che ha generato delle importanti tensioni e le notizie delle ultime ore traghettano verso la nascita di nuove problematiche che solo una sana diplomazia commerciale potrà sradicare. Presso i porti di Belfast e Larne, non ci sono più controlli su animali e beni alimentari in arrivo dalla Gran Bretagna, come prevede l’accordo Brexit. Alla base di tale scelta vi sono le minacce, da parte delle organizzazioni più estremiste degli unionisti britannici, agli ispettori, gli impiegati e allo staff doganale impiegato alla frontiera. Anche l’Unione europea ha ritirato il suo personale “per ragioni di sicurezza“.

Gli unionisti britannici si sentono abbandonati dal Regno Unito. La notizia è allarmante perché i controlli preventivi a merci, alimenti e animali da Gran Bretagna a Irlanda del Nord sono un pilastro dell’accordo della Brexit tra Regno Unito e Ue, dopo l’uscita di Londra da quest’ultima. Un pilastro perché in questo modo si preserva la pace, evitando di reinstallare una pericolosa frontiera tra le varie facce dell’Irlanda e lasciando viaggiare liberamente le merci tra le due nazioni, ma anche per preservare l’integrità e la libertà del mercato unico europeo, al quale il Regno Unito non appartiene più.

La notizia dello stop ai controlli a Belfast e Larne arriva subito dopo giorni di tensione tra Regno Unito ed Unione europea che hanno coinvolto direttamente l’Irlanda del Nord. La premier dell’Irlanda del Nord, Arlene Foster, ha chiesto di rinegoziare l’accordo sulla frontiera tra le due Irlande in quanto risulta inapplicabile. Arlene Foster, leader del partito unionista Dup, ha chiesto ai governi di Londra e Dublino di revocare gli accordi che mantengono l’Irlanda del Nord nell’area delle regole commerciali Ue. Accordi che, nelle intenzioni dei negoziatori, dovevano invece proprio servire ad evitare tensioni al confine fra Irlanda e Irlanda del Nord.

Interrogando cittadini e titolari di imprese emerge anche un’altra faccia dello scenario nord irlandese in rapporto alla Brexit. Da un recente sondaggio viene evidenziato che dopo la Brexit non è più solo la Scozia a rivendicare il divorzio da Londra. Anche l’Irlanda del Nord inizia a pensare ad un futuro indipendente: il 51% dei partecipanti al sondaggio desidera un referendum su un’Irlanda unita nei prossimi cinque anni e passare così dal Governo di Londra a quello di Dublino. La mossa consentirebbe a Belfast, in un colpo solo,  di dire addio al Regno Unito e fare ritorno nell’Unione europea. Al momento, tuttavia, il 47% degli intervistati vuole ancora rimanere nel Regno Unito, con il 42% a favore di un’Irlanda unita.

Una situazione che fa emergere preoccupazioni commerciali per le imprese interessate al mercato dell’Irlanda del Nord e nei rapporti stessi tra Irlanda, Regno Unito ed Unione Europea. Per molti analisti economici saranno proprio le proposte provenienti dalle imprese locali a poter arginare, con azioni concrete e proposte commerciali favorevoli, la situazione di instabilità che si è generata.

  • Contattaci per info

  • spot_imgspot_img
    Domenico Letizia
    Giornalista.
    Scopri l'offertaMedia partner

    Ultime news

    fondo sace simest

    Fondo SACE SIMEST: quasi un miliardo alle Pmi

    0
    Il fondo per l'internazionalizzazione gestito da Simest ha finora incassato 6.500 domande di agevolazione per 912 milioni di euro circa.
    Menotti Lippolis

    Menotti Lippolis: “L’Italia rischia di perdere l’occasione del PNRR”

    L'intervento del presidente di Confindustria Brindisi, Gabriele Menotti Lippolis, al quotidiano economico e finanziario Borsen-Zeitung.

    MACTT rilancia il corso online di Europrogettazione

    E' disponibile online il nuovo Corso di Europrogettazione promosso dalla MACTT (Mediterranean Academy of Culture, Technology and Trade): quindici ore di lezione con esperti...

    Istruzione: un passaporto per l’innovazione e il successo

    0
    Mentre la disoccupazione continua a seguire una curva ascendente, una grande maggioranza di aziende si lamenta della carenza di talenti, avendo difficoltà a trovare...

    ASCAME e WestMED: alleanza per l’economia blu

    ASCAME e WestMED hanno firmato un memorandum d'intesa con l'obiettivo di creare una collaborazione nella promozione dell'economia blu
    spot_img

    Economia

    Fondo SACE SIMEST: quasi un miliardo alle Pmi

    Il fondo per l'internazionalizzazione gestito da Simest ha finora incassato 6.500 domande di agevolazione per 912 milioni di euro circa.

    Competitività, digitalizzazione ed economia circolare: il bando per le Pmi del Veneto

    Sostenere la competitività, la digitalizzazione e l'economia circolare: è l'obiettivo del nuovo bando della Regione Veneto per le Pmi.

    Euromed presenta il “Voucher Internazionalizzazione”

    Euromed International Trade presenta il nuovo Voucher Internazionalizzazione, rivolto a tutte le imprese che nel 2022 intendono avviare un...

    Sustainability Partnerships: il bando per le Pmi

    È aperto il bando “Sustainability Partnerships for SMEs adopting more sustainable practices”, promosso dall'Agenzia esecutiva del Consiglio europeo dell'innovazione...
    - Advertisement -spot_img