8.8 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
spot_imgspot_img

Le donne dell’Ortofrutta: NE PARLIAMO CON… Alessandra Ravaioli

La quarta puntata del nuovo ciclo di videointerviste firmato Imprese del Sud

-

- Advertisment -

Ortofrutta e imprenditoria femminile sono stati i temi toccati nella quarta puntata della rubrica “NE PARLIAMO CON…”, firmata Imprese del Sud, che ha ospitato il Presidente dell’Associazione nazionale “Le donne dell’Ortofrutta“, Alessandra Ravaioli.

L’Italia è il secondo paese produttore di ortofrutta d’Europa (dopo la Spagna) e, grazie alle sue particolari caratteristiche geografiche e climatiche, riesce a offrire standard elevati di qualità, gusto e sicurezza.

Nemmeno il coronavirus ha scalfito il livello di accessibilità a questi nostri prodotti grazie alle stringenti misure di sicurezza che sono state adottate. L’ortofrutta ha superato brillantemente il primo semestre 2020, centrando quota 2,3 miliardi di fatturato, con una quantità di 1,6 milioni di tonnellate di merce esportata e una crescita a valore del 7,6%.

Alessandra Ravaioli ha messo in luce tutto questo, unitamente alla tendenza di una sempre maggiore attenzione delle persone verso il proprio benessere attraverso una sana alimentazione che si sposa alla perfezione con frutta e verdura di qualità: “Siamo di fronte a prodotti con caratteristiche uniche, che hanno solo dei pro, nonostante si cercano di trovare negatività. E la produzione italiana si segmenta in tipologie diverse che sono prodotti tipici riconosciuti a livello europeo o la produzione biologica“.

A tutto questo si unisce il valore aggiunto dell’imprenditoria femminile, in quanto il 70% del settore dell’ortofrutta è rappresentato da donne: “Le donne sono impegnate nella selezione qualitativa del prodotto ortofrutticolo, nella parte amministrativa e comunicativa. Ma salendo di livello la percentuale scende al 2%, e questa carenza nelle posizioni di vertice toglie visibilità alle donne in un mondo che deve a loro gran parte del suo successo. Grazie alla nostra associazione non siamo più invisibili“.

L’intervista integrale ad Alessandra Ravaioli è disponibile nel seguente video:

Giovanni Guarise
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010. Nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa con approfondimenti, focus e attività di comunicazione.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
spot_img

Economia

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
- Advertisement -spot_img