19.5 C
Roma
martedì, 20 Ottobre 2020

L’Albania investe sul trasporto ferroviario

-

- Advertisment -

Il governo albanese continua ad incrementare le opportunità economiche e d’investimento nel paese. L’Albania sta puntando ad un grande e primo serio investimento sulla rete ferroviaria del paese che versa in condizioni gravi, con quasi tutti i percorsi atti ai 30 km/h e molti non più attivi da anni. Il piano propone lo sviluppo e il potenziamento delle linee ferroviarie presenti da nord a sud dell’Albania, così come anche la creazione della nuova linea Tirana-Durazzo-Rinas.

Questa rete dovrebbe garantire viaggi veloci e sicuri, sincronizzati con gli altri mezzi di trasporto dei centri urbani. Un fattore chiave nello sviluppo del trasporto attraverso questa rete sarà la connessione con Grecia e Montenegro, che determinerà un aumento dei flussi di passeggeri e merci.

L’incremento e il potenziamento delle linee ferroviarie, secondo il piano, include le numerose città locai, quali: Shkodër, Lezhë, Fushë-Krujë, Vorë, Tirana, Durazzo, Kavaja, Rrogozhinë, Lushnjë, Fier e Valona.

Nel perseguire gli obiettivi di crescita, il Governo ha dovuto rivedere la politica fiscale con un conseguente aumento delle spese, dovuto soprattutto ai grandi interventi realizzati nelle infrastrutture. In questo settore permangono seri disagi legati all’inadeguatezza della rete stradale e ferroviaria, nonostante gli investimenti in tali segmenti costituiscano una percentuale importante del bilancio pubblico nazionale. Problematiche logistiche che il governo punta a far cessare.

I lavori per la riabilitazione della linea ferroviaria Tirana-Durazzo e la costruzione di una nuove rotte ferroviarie verso Rinas dovrebbero vedere l’avvio dei lavori entro luglio 2020. Il vice ministro delle Infrastrutture e dell’Energia Artan Shkreli ha recentemente dichiarato che “sono attualmente in fase di valutazione le offerte tecniche ed economiche presentate da 6 compagnie internazionali in competizione per questo progetto infrastrutturale”.

Risultato immagini per Artan Shkreli
Il vice ministro delle Infrastrutture e dell’Energia Artan Shkreli

Il costo totale di questo progetto è di 90 milioni di euro, di cui 36 milioni di prestiti della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) e 35,4 milioni di euro di sovvenzioni dall’Unione Europa.

Una visione politica che punta all’implementazione della logistica del paese attraverso un rilancio dei trasporti ferroviari interni e con i paesi confinanti, ad esempio, con il Kosovo.

Domenico Letizia
Domenico Letiziahttps://www.domenicoletizia.it/
Giornalista, scrive per il quotidiano "L’Opinione delle Libertà", e analista economico e geopolitico. Ricercatore e social media manager del “Water Museum of Venice”, membro della Rete Mondiale UNESCO dei Musei dell’Acqua. Responsabile alla Comunicazione per numerose società di consulenza e internazionalizzazione.
- Advertisement -

Ultime news

OCSE: l’Italia ha un fisco poco competitivo

0
Nella classifica dei Paesi monitorati l'Italia occupa l'ultima posizione a causa del suo carico fiscale

La Sardegna e le opportunità legate all’acquacoltura

0
In arrivo sei milioni di euro di aiuti alle imprese di pesca e acquacoltura della Regione Sardegna per implementare l'occupazione locale.

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

0
Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

0
Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

0
Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Economia

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Autoimprenditorialità under 30: i nuovi incentivi

L'attuale esecutivo ha dato inizio a procedure di semplificazioni volte a promuovere l’autoimprenditorialità dei giovani al di sotto dei 30 anni.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Autoimprenditorialità under 30: i nuovi incentivi

L'attuale esecutivo ha dato inizio a procedure di semplificazioni volte a promuovere l’autoimprenditorialità dei giovani al di sotto dei 30 anni.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -