12.8 C
Roma
domenica, 25 Ottobre 2020

La sentenza della CTR Lazio: niente IRAP per avvocati e liberi professionisti:

-

- Advertisment -

Se la presenza in carne ed ossa del titolare dello studio è fondamentale per il regolare svolgimento quotidiano delle attività, l’Irap non è dovuto.

La sentenza che toglie l’odiosa imposta sulle attività produttive alla maggior parte degli avvocati e dei liberi professionisti italiani proviene dalla Commissione tributaria del Lazio [1].

Secondo i giudici, tutte le volte in cui lo studio professionale riesce a funzionare regolarmente, in autosufficienza, anche senza la presenza del professionista di riferimento, l’imposta è dovuta.

Viceversa, se l’assenza del titolare di studio può pregiudicare il buon andamento dell’esercizio e la soddisfazione del cliente, l’Irap non va versata.   In quest’ottica, la presenza di collaboratori, strumentazione e altri beni volti al miglioramento delle prestazioni professionali è totalmente ininfluente ai fini del versamento dell’Irap, se l’assenza del titolare di studio impedisce il regolare svolgimento delle attività quotidiane.

Nella sentenza in commento si legge che ci si può sottrarre all’Irap a condizione che rimanga “nell’esercizio delle professioni intellettuali, in via di principio, assolutamente non configurabile l’esistenza di un’organizzazione che possa funzionare separatamente e indipendentemente dall’intervento del professionista”.

Il requisito fondamentale per ottenere lo sgravio Irap, dunque, pare essere quello dell’insostituibilità del titolare professionista, la cui presenza e attività risulta decisiva per le pratiche in essere nell’ufficio da lui eventualmente diretto.

fonte: http://www.laleggepertutti.it/

[1] C.T.R. Lazio, sent. n. 238/01/13 del 22.04.2013.

- Advertisement -

Ultime news

Bandi per l’impresa: “Quando il Click Day è anticostituzionale”

0
L'intervento di Dhebora Mirabelli, Presidente di Confapi Sicilia: "Questo tipo di bandi umiliano gli imprenditori che non riescono in 7 secondi a presentare l’istruttoria. Servono regole eque e meritocratiche”.

Agevolazioni per le cooperative agricole italiane

0
Sostenere la liquidità delle cooperative agricole italiane colpite dalle misure restrittive imposte dal governo per limitare la diffusione del coronavirus.

Boris Johnson preme per un nuovo accordo commerciale con l’UE

0
Il Ceta come nuovo parametro commerciale di confronto positivo su cui sviluppare i futuri accordi tra Unione Europea e Regno Unito.

“Italia 2030”, formazione per il futuro sostenibile

0
Buffagni: “Sviluppo sostenibile ed Economia circolare opportunità per creare nuovi posti di lavoro, avvicinando cittadini e aziende”

Vino siciliano: 8 milioni per la promozione sui mercati esteri

0
C'è tempo fino al 23 Novembre per la presentazione delle domande

Economia

Agevolazioni per le cooperative agricole italiane

Sostenere la liquidità delle cooperative agricole italiane colpite dalle misure restrittive imposte dal governo per limitare la diffusione del coronavirus.

Boris Johnson preme per un nuovo accordo commerciale con l’UE

Il Ceta come nuovo parametro commerciale di confronto positivo su cui sviluppare i futuri accordi tra Unione Europea e Regno Unito.

Vino siciliano: 8 milioni per la promozione sui mercati esteri

C'è tempo fino al 23 Novembre per la presentazione delle domande

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

Vino siciliano: 8 milioni per la promozione sui mercati esteri

C'è tempo fino al 23 Novembre per la presentazione delle domande

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -