23.2 C
Rome
sabato, Luglio 31, 2021
spot_imgspot_img

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

-

- Advertisment -

Gli Stati Uniti dichiarano guerra ai paradisi fiscali. Insieme alla maxi-manovra di spesa pubblica da 2.000 miliardi di dollari, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha presentato una nuova riforma denominata Made in America Tax Plan, che prevede un giro di vite sulle multinazionali USA che parcheggiano la loro liquidità nei paradisi fiscali.

Un cambio di rotta che “aiuterà a porre fine alla corsa al ribasso sulle aliquote d’imposta sulle società”, ha commentato il numero uno dei Democratici. Le multinazionali Usa che trasferiscono i profitti nei paesi a fiscalità agevolata saranno soggetti a una tassa mondiale del 21% (rispetto all’attuale 10.5%), mentre in patria l’aliquota sarà alzata al 28% (rispetto all’attuale 21%). 

Il pacchetto rientra nel sistema di riforma fiscale avviato dal nuovo esecutivo che elabora una strategia contro i paradisi fiscali e le multinazionali che trasferiscono i profitti all’estero. La riforma del presidente Biden “aiuterà a porre fine alla corsa al ribasso sulle aliquote dell’imposta sulle società che permette ai paesi di ottenere un vantaggio competitivo diventando paradisi fiscali“, possiamo leggere nel piano. Lo scopo è di “fermare il trasferimento ingiusto e dispendioso dei profitti nei paradisi fiscali e garantire che le grandi aziende paghino la loro giusta quota“. Tuttavia, leggiamo nel piano che “una tassa minima sulle sole società americane è insufficiente“.

Questo può ancora permettere alle società straniere di “trasferire profitti fuori dagli Stati Uniti, e le società statunitensi possono potenzialmente sfuggire alle tasse statunitensi invertendo e spostando le loro sedi in paesi stranieri“. Biden vuole quindi “incoraggiare altri paesi ad adottare aliquote minime elevate sulle società. Ed in questo caso la palla passa all’Ocse, in cui attualmente è in fase di negoziazione un’aliquota minima all’interno della riforma del fisco internazionale. Gli Stati Uniti danno quindi un segnale forte di collaborazione all’interno dei negoziati, modificando diametralmente la rotta definita dalla precedente amministrazione repubblicana.

Le grandi società non potranno “sfruttare scappatoie legali” e nell’informativa agli investitori sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali. Su tutti spicca un dato, inserito opportunamente dai Democratici nel piano di riforma fiscale: nel 2018, 91 delle società USA della lista Fortune 500 hanno versato a Washington zero dollari, a fronte di profitti miliardari. Una scappatoia legale che Biden vuole ora sbarrare.

spot_imgspot_img
Domenico Letiziahttps://www.domenicoletizia.it/
Giornalista, scrive per il quotidiano "L’Opinione delle Libertà", e analista economico e geopolitico. Ricercatore e social media manager del “Water Museum of Venice”, membro della Rete Mondiale UNESCO dei Musei dell’Acqua. Responsabile alla Comunicazione per numerose società di consulenza e internazionalizzazione.
- Media partner -Media partner

Ultime news

L’appello di UNCI Agroalimentare: “Salviamo la pesca a strascico”

I danni ambientali, il depauperamento delle acque, le compromissioni degli habitat marini, l’alterazione delle biodiversità e lo sfruttamento degli stock ittici hanno un colpevole:...

TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

0
È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo di fornire finanziamenti iniziali per...

Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

0
La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

Illegittimo il recupero non fondato su gravi incongruenze

0
Risulta illegittimo un recupero fiscale che non sia fondato su gravi incongruenze, le quali devono considerare la storia del contribuente e l'andamento del mercato...

I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

0
L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.
spot_img

Economia

TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo...

Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.

Appalti pubblici: l’UE invita alla rivoluzione

La Commissione europea ha proposto un documento di orientamento che illustra gli aspetti che gli acquirenti pubblici dovrebbero conoscere...
- Advertisement -spot_img