sabato, Settembre 19, 2020

La ministra Bellanova incontra UNCI Agroalimentare

L'appello: le piccole e medie imprese del settore hanno bisogno di essere poste nelle condizioni di lavorare e produrre

-

- Advertisment -

La Ministra delle politiche agricole, alimentari e forestali, Teresa Bellanova, ha incontrato i vertici UNCI e UNCI Agroalimentare presso un impianto di acquacoltura e coltivazione sperimentale di alghe appartenente al Cariglia Group.

A causa di impegni istituzionali era assente il presidente nazionale di UNCI  Cav. Pasquale Amico, che ha designato come suo rappresentante il dott. Domenico Annese. Presente il presidente nazionale UNCI Agroalimentare, Gennaro Scognamiglio.

La location ha chiaramente suggerito di affrontare primariamente problematiche afferenti l’acquacoltura, attività sussidiaria della pesca a mare che contribuisce in maniera determinante alla produzione ittica Made in Italy. L’acquacoltura è diventata terreno fertile per professionalità di eccellenza offrendo moltissime opportunità ai giovani che hanno voglia di inserirsi in contesti lavorativi nuovi e stimolanti.

Parliamo di un comparto sicuramente  all’avanguardia, soprattutto in riferimento a quei principi di sostenibilità, ambientale ed economica, che oggi più che mai contribuiscono a una produzione agroalimentare di eccellenza.

L’intero ciclo produttivo realizzato attraverso gli impianti di allevamento permette di diminuire, se non eliminare, lo sfruttamento di materie prime, ridurre i costi di produzione e aumentare i profitti.  Dunque le aziende dedite all’acquacoltura possono dare luogo a una produzione di tipo circolare che viene oggi preferito al modello lineare, considerato da superare ma di cui si possono conservare saperi e competenze.

Profitto per aziende e  lavoratori, salvaguardia dell’ambiente e delle risorse naturali: principi cari alla Blu Economy e anche ad UNCI Agroalimentare. Si è infatti da poco concluso un inteso ciclo di attività formativa proprio dedicato alla sostenibilità della pesca, destinato a tutti gli operatori della filiera ittica e finanziato da fondi FEAMP.

A tal proposito, l’incontro e’ stata occasione di confronto su un argomento delicato e di strettissima attualità: la rimodulazione dei fondi FEAMP e la necessità di semplificare iter procedurali ancora eccessivamente arzigogolati.

Più volte UNCI Agroalimentare ha sottolineato che le piccole e medie imprese hanno bisogno di essere poste nelle condizioni di lavorare e produrre: politiche di sviluppo e programmazioni economiche devono prevedere snellimenti e sburocratizzazione, soprattutto in un delicato momento storico come questo che stiamo vivendo. 

All’incontro col ministro Bellanova erano presenti molti operatori del settore acquacoltura,ma non  mancavano pescatori e imprenditori ittici. Tra gli argomenti toccati, il tema della pesca del rossetto e del cicerello: pesche sottoposte a sperimentazione in special modo in Liguria, Toscana, Calabria e anche in Puglia. Nello specifico sono state argomentate le opportunità legate a un piano di gestione per la pesca della sardella.

E’ stato un incontro fortemente voluto dalla nostra Associazione e accettato con piacere dalla Ministra Bellanova. Tanti sono stati gli spunti che speriamo di approfondire meglio anche in altre sedi e in altri contesti. Il settore della pesca aveva già problemi strutturali importanti, e l’emergenza epidemiologica non ha fatto altro che acuirli. Bisogna fare tanto, le premesse ci sono, l’impegno anche. Speriamo di poter contare anche su fondi e sostegni concreti per il comparto” ha concluso Gennaro Scognamiglio, presidente nazionale UNCI Agroalimentare.

Comunicato stampa ricevuto da UNCI Agroalimentare

- Advertisement -

Ultime news

Imprenditoria femminile in agricoltura: le agevolazioni

0
Tra i requisiti si richiede che l’impresa sia amministrata e condotta da una donna, in possesso della qualifica di imprenditore agricolo o di coltivatore diretto

La ripresa del Marocco e le opportunità di business

0
Nel rapporto Doing Business 2020, il Marocco ha guadagnato la 53ma posizione nella classifica mondiale, con un salto di ben sette posti rispetto al 2019.

Internazionalizzazione: puntare su Mediterraneo e Africa

0
Dopo l'instabilità causata dalla primavera araba, quasi tutti i paesi del Nord Africa hanno avviato una grande stagione di investimenti infrastrutturali.

La pandemia sta mettendo alla prova le città

0
Nel prossimo decennio ci saranno circa 500 città con più di un milione di persone e diverse "mega-città" con una popolazione di oltre 20 milioni

Fare export: le sette regole per le PMI

0
Il vademecum pubblicato dall'associazione di categoria

Economia

Imprenditoria femminile in agricoltura: le agevolazioni

Tra i requisiti si richiede che l’impresa sia amministrata e condotta da una donna, in possesso della qualifica di imprenditore agricolo o di coltivatore diretto

La ripresa del Marocco e le opportunità di business

Nel rapporto Doing Business 2020, il Marocco ha guadagnato la 53ma posizione nella classifica mondiale, con un salto di ben sette posti rispetto al 2019.

Internazionalizzazione: puntare su Mediterraneo e Africa

Dopo l'instabilità causata dalla primavera araba, quasi tutti i paesi del Nord Africa hanno avviato una grande stagione di investimenti infrastrutturali.

La pandemia sta mettendo alla prova le città

Nel prossimo decennio ci saranno circa 500 città con più di un milione di persone e diverse "mega-città" con una popolazione di oltre 20 milioni

Fare export: le sette regole per le PMI

Il vademecum pubblicato dall'associazione di categoria

Export e-Commerce: dalla Cina corre un treno verso l’Europa

Un nuovo servizio di trasporto merci offre nuove opportunità alle società impegnate negli scambi con l'estero
- Advertisement -

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida