19.3 C
Rome
venerdì, Aprile 16, 2021
spot_imgspot_img

Internazionalizzazione: il bando della CCIAA di Vicenza

La Camera di Commercio di Vicenza ha approvato il bando internazionalizzazione 2020, il quale mira a potenziare la propensione all’internazionalizzazione delle imprese locali.

-

- Advertisment -spot_img

La pandemia sanitaria ha ridotto drasticamente i consumi del Nord Italia, anche in distretti produttivi strategici per l’economia nazionale come quello di Vicenza. La ripresa economica delle piccole e medie imprese necessita di nuove visioni commerciali e di un nuovo slancio attraverso l’export e l’internazionalizzazione.

La Camera di Commercio di Vicenza punta su tali fattori per la ripresa locale. Il sistema camerale intende rafforzare la capacità delle imprese di operare sui mercati internazionali, assistendole nell’individuazione di nuove opportunità di business nei mercati già serviti e nello scouting di nuovi o primi mercati di sbocco. In questa delicata fase dell’economia globale, particolare impegno è rivolto alla valutazione di eventuali possibilità di mercato in aree meno toccate dall’emergenza legata alla diffusione della pandemia sanitaria o nei paesi che per primi si apriranno di nuovo agli scambi internazionali, aiutando in tal modo le imprese del territorio a diversificare le proprie prospettive commerciali e di export.

La Camera di Commercio di Vicenza ha approvato il bando internazionalizzazione 2020, il quale mira a potenziare la propensione all’internazionalizzazione delle imprese locali. Possono partecipare al bando le micro, piccole e medie imprese (MPMI) con sede legale e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera di Commercio di Vicenza. Per rispettare i termini del bando e accedere al finanziamento, nel caso delle imprese che non abbiano sede e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera e/o che non siano in regola con il pagamento del diritto annuale al momento della domanda è sufficiente una dichiarazione, sottoscritta dal Legale rappresentante, nella quale esse si impegnano ad ottenere le condizioni di regolarità prima della liquidazione del contributo.

Un’attività accurata di consulenza e assistenza tecnica per la partecipazione a bandi come questo può essere fornita dalla società Euromed International Trade.

L’attività imprenditoriale svolta dai soggetti beneficiari deve avere dei focus specifici, individuati e riassunti dalla Camera di Commercio di Vicenza nei settori economici delle attività manifatturiere, fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata, gestione e controllo dei rifiuti, fornitura di acqua e gestione delle reti fognarie, costruzioni, commercio all’ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli, commercio all’ingrosso di prodotti freschi, commercio all’ingrosso di prodotti della pesca congelati, surgelati e conservati. Trasporto e magazzinaggio, attività di servizi legati all’alloggio e alla ristorazione, servizi di informazione e comunicazione, la promozione di attività professionali, scientifiche e tecniche, noleggio, agenzia di viaggio e servizi di supporto alle imprese, attività artistiche, sportive, intrattenimento e divertimento. Il contributo è di € 2.000 su un spesa minima di € 4.000. Non è previsto un limite massimo per i costi sostenuti dall’impresa.

Il contributo viene erogato al raggiungimento dell’investimento minimo previsto sulla base delle spese effettivamente sostenute: le imprese assegnatarie dei contributi devono quindi dimostrare l’avvenuto pagamento delle spese presentando le fatture quietanzate. Nel caso in cui non si possa provare il pagamento con le fatture, possono essere presentati documenti contabili aventi forza probatoria equivalente.

È ammessa per ciascuna impresa una sola richiesta di contributo (la prima pervenuta in ordine cronologico), salvo nel caso in cui autonomamente l’impresa si accorga di aver commesso degli errori e rinvii, entro i termini previsti dal bando, la domanda correttamente: in questo caso sarà presa in considerazione dalla Camera di Commercio di Vicenza la domanda inviata correttamente e sarà esclusa quella incompleta anche se inviata per prima in ordine cronologico.

Il contributo può essere richiesto anche per avvalersi del supporto all’internazionalizzazione fornito da Euromed International Trade, che propone alle imprese clienti un’offerta completa di servizi integrati, dall’individuazione delle aree e dei mercati esteri in cui operare, alla definizione delle strategie d’ingresso, al coinvolgimento di tutta l’organizzazione aziendale nello svolgimento delle attività operative connesse all’internazionalizzazione. Per ulteriori informazioni puoi affidarti ai servizi di consulenza di Euromed International Trade.

Ultime news

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

La Canadian Chamber in Italy si rinforza

0
La Canadian Chamber in Italy è pronta a rilanciare la sua attività con un direttivo rafforzato per favorire le relazioni tra Canada e Italia.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa equa e sostenibile di cui...
spot_img

Economia

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa...

Plastic free e car sharing: due proposte per il rilancio

Promuovere il taglio dell'utilizzo di plastiche monouso all'interno delle aziende e incentivare il car sharing per i dipendenti.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img