8.8 C
Rome
lunedì, Dicembre 5, 2022
spot_imgspot_img

Automobile in cerca di incentivi per la svolta green dopo la crisi

Nuovi scenari per un settore trainante dell'economia nazionale

-

- Advertisment -

Il mercato italiano dell’automobile è abbastanza forte, nonostante la brusca battuta d’arresto subita in particolare nella prima parte dell’ultimo decennio, e anche in questo 2020 a causa dell’emergenza coronavirus.

L’andamento del mercato automobilistico ha subito una frenata dopo la crisi globale del 2008, mentre una lusinghiera ripartenza è iniziata nel 2014, con un aumento del 4,2%, che comunque non ha compensato gli affari dei momenti di massimo splendore, durante i quali si riuscivano a immatricolare 2,5 milioni di automobili nuove.

Dal 2015 in poi le cose sono andate crescendo, prima della pandemia globale che ha bloccato anche l’economia, ma anche in vista della ripartenza dopo il superamento di questa emergenza va considerato il forte cambiamento che ha coinvolto questo mercato: in particolare per quanto riguarda la mobilità green ed ecosostenibile, fortemente incentivata dagli Stati e quindi performante nelle vendite.

Analizzando i dati delle immatricolazioni del mese di agosto, dunque, si riscontrano i primi segni di arresto dell’emorragia dopo mesi di recessione. I ritmi del rinnovo del parco circolante restano, però, ancora bassissimi, e per raggiungere un livello di mercato normale sarà più che mai necessario proseguire nel solco tracciato nelle ultime settimane con l’erogazione degli incentivi per l’acquisto di veicoli a basse emissioni.

Guardando anche alle misure di rilancio post emergenza, gli incentivi hanno modificato il mercato perché ad agosto abbiamo assistito ad una crescita del 27% degli acquisti dei privati, sostenuti proprio dal nuovo Ecobonus della Legge Rilancio, i cui fondi si sono tuttavia esauriti velocemente in una settimana. La quota di mercato dei privati in agosto sale al 70,8% del totale (+15,4 punti), mentre nel cumulato perdono ancora 1/3 dei volumi immatricolati, fermandosi al 61,6% di quota (+5,1 p.p.). Torna, invece, in territorio negativo il noleggio che segna una leggera flessione del 2,4%.

Ora tutto il settore guarda con attenzione alla novità del Decreto-Legge “Agosto”, visto che è stato concesso all’automotive uno stanziamento, pari a ulteriori 100 milioni di euro, ancora in attesa di specifica destinazione.

Ultime news

Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
spot_img

Economia

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
- Advertisement -spot_img