7 C
Rome
venerdì, Febbraio 3, 2023
spot_imgspot_img

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Lo stato italiano crede nella promozione dei marchi collettivi made in Italy e rimborsa fino al 70% delle spese di promozione all'estero.

-

- Advertisment -

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho fissato i termini per poter ottenere i finanziamenti per la promozione all’estero dei marchi collettivi.

L’aiuto sarà concesso nella misura del 70% delle spese ritenute ammissibili dalla disposizione. L’intera attività sarà gestita da Unioncamere, inclusa la revoca delle agevolazioni e l’erogazione dell’incentivo – subordinata alla “positiva verifica della documentazione finale delle spese sostenute, accertate sulla base delle fatture quietanzate, e del raggiungimento degli obiettivi del progetto” – sarà effettuata dal soggetto gestore “direttamente sul conto corrente bancario del beneficiario entro 60 giorni dalla ricezione della documentazione finale delle spese sostenute”.

L’importo massimo utilizzabile da ciascun beneficiario non potrà superare a 150mila euro, è non sarà possibile presentare domande per importi di agevolazione inferiore a 20mila euro.

L’agevolazione non sarà somministrata se il beneficiario non avrà sostenuto almeno il 30% delle spese considerate ammissibili e potranno beneficiare degli aiuti le associazioni produttive e consorzi con sede in Italia, titolari dei marchi collettivi registrati.

Le risorse disponibili, in questa fase, sono state determinate complessivamente in 2.484.019 euro ed il progetto dovrà concludersi obbligatoriamente entro 10 mesi dalla comunicazione del finanziamento con una possibile proroga di un anno.

Il finanziamento dovrà riguardare progetti di promozione del marchio collettivo all’estero ed in particolare la partecipazione a fiere o eventi collaterali ed incontri bilaterali con altre associazioni.

La domanda diretta a ottenere l’agevolazione, dovrà essere firmata digitalmente dal legale rappresentante del richiedente e può essere presentata dal 22 novembre 2022 ed entro il 22 dicembre 2022.

La domanda dovrà contenere il progetto di promozione del marchio, con l’indicazione degli obiettivi finali che si intendono perseguire. Andranno inoltre riportate le iniziative che si intendono realizzare con una puntuale descrizione dei servizi da acquisire, corredata dei relativi costi preventivati.

Va trasmessa – a pena di inammissibilità – dall’indirizzo Pec del richiedente o dall’indirizzo Pec di un suo procuratore speciale al seguente indirizzo: marchicollettivi2022@legalmail.it.

Nell’oggetto della Pec va indicato: “agevolazioni per marchi collettivi/certificazione”.

Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

Crisi di impresa cartella nulla - Imprese del sud

Cartella nulla, se l’azienda ha avviato il procedimento della crisi d’impresa

Pretesa dell'Agenzia della riscossione per debiti fiscali ritenuta ridondante poiché i debiti sono già stati inclusi nell'accordo omologato della crisi d'Impresa.
Vino Canada Irlanda etichette salute imprese del sud

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando di ridurre il consumo di...
Fondimpresa Abruzzo nuovo presidente

Fondimpresa Abruzzo. Luciano De Remigis nominato nuovo presdiente

Cambio ai vertici dell’Articolazione Abruzzese di Fondimpresa - Fondo interprofessionale per la formazione continua di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil.
Direttiva sustainability reporting - Imprese del Sud

Entrata in vigore la direttiva Corporate Sustainability Reporting 

0
La nuova direttiva europea rivede, amplia e rafforza le norme introdotte inizialmente dalla direttiva sulla comunicazione di informazioni non finanziarie.
Smart working iscritto aire fisco

Fisco, iscritto AIRE. Conta la residenza.

Anche se iscritto AIRE, il contribuente paga le tasse, nel luogo di residenza effettiva.
spot_img

Economia

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando...

Codice appalti: La revisione prezzi dei contratti “alla francese”

Il Parlamento discute la possibilità di introdurre un meccanismo di revisione prezzi "alla francese" obbligatorio per tutti i contratti in caso di eventi imprevedibili.

Marche: Stati generali dell’internazionalizzazione

Le Marche ospiteranno gli Stati Generali dell'Internalizzazione dal 16 al 19 giugno a Casale di Colli del Tronto (Ascoli Piceno).

Corte Suprema irlandese. La procedura di ratifica del CETA è incostituzionale

La Corte Suprema irlandese ha dichiarato che gli emendamenti sarebbero necessari per conferire ai tribunali irlandesi il potere di...
- Advertisement -spot_img