8.8 C
Rome
lunedì, Dicembre 5, 2022
spot_imgspot_img

Il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni è marchio di qualità per le imprese

Le aziende idonee alla concessione del Marchio, possono utilizzare l’emblema del Parco con l'applicazione sui prodotti e servizi realizzati nel territorio.

-

- Advertisment -

Riuscire a coniugare le eccellenze agroalimentari del territorio, la lavorazione artigianale dei prodotti, la sostenibilità ambientale e la tutela della biodiversità della fauna e della flora è possibile grazie all’introduzione di certificazione di qualità e territorialità. In Campania, tale fenomeno di marketing, comunicazione e commercio è già realtà. Il Marchio del Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni contribuisce a salvaguardare il patrimonio tradizionale, le produzioni tipiche e l’artigianato locale, incentivando e qualificando la produzione di beni e servizi con metodi compatibili con le caratteristiche del territorio dell’Area Naturale Protetta e con le sue esigenze di conservazione.

Le imprese risultate idonee alla concessione e alla certificazione del Marchio, possono utilizzare l’emblema del Parco con l’applicazione sui prodotti e servizi realizzati nel territorio del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni e nelle aree contigue, impegnandosi a rispettare gli obblighi e le prescrizioni imposte dal Disciplinare e da un apposito atto di concessione che tutela qualità, tracciabilità e autenticità. Un network di imprese che attraverso tale certificazione ha generato la Rete del Gusto della Dieta Mediterranea che punta a creare un legame tra produttori e strutture della ristorazione in modo da fornire al consumatore un panorama completo che lo guidi nella conoscenza, nella scelta, e nella degustazione dei prodotti di filiera corta realizzati nell’area del Parco. Si tratta di prodotti tipici e tradizionali di un territorio noto per il ricco patrimonio di biodiversità e culla della Dieta Mediterranea. 

Recentemente è stata presentata l’iniziativa di consegna dei primi attestati di concessione d’uso del marchio del Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni e della guida 2019-2020 del Parco del Cilento che ha visto la partecipazione di Tommaso Pellegrino, sindaco del Comune di Sassano e presidente del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni che ha premito le aziende che sono riuscite ad ottenere la certificazione. Le prospettive future del progetto sono quelle della promozione e della valorizzazione dei prodotti e del territorio locale all’estero. Valutare future collaborazioni anche di promozione all’estero e valorizzare iniziative già presenti sul territorio aumentando l’importanza e la conoscenza della certificazione rilasciata dal Parco può divenire il grimaldello di un ulteriore successo dell’iniziativa avviata nel Cilento. Infatti, l’iniziativa sarà portata avanti anche nei prossimi mesi, con lo scopo mettere in campo un’ampia campagna di promozione delle aziende e del territorio. Durante l’evento è stato assegnato a 15 aziende del territorio il Marchio del Parco, superando la soglia delle 150 aziende inserite nel progetto e già certificate dal Parco.

Particolarmente significativo per il territorio del Cilento è l’idea del “Cesto dell’Accoglienza”, un progetto promosso dal Parco Nazionale che prevede la distribuzione di tutti i prodotti delle aziende a Marchio del Parco ai turisti che useranno il Bonus Vacanze nei territori del Cilento, del Vallo di Diano e degli Alburni durante la stagione estiva del 2020. Una certificazione per la crescita del territorio e delle imprese ivi presenti.

Ultime news

Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
spot_img

Economia

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
- Advertisement -spot_img