25.6 C
Rome
martedì, Aprile 16, 2024
spot_imgspot_img

Fisco, iscritto AIRE. Conta la residenza.

Anche se iscritto AIRE, il contribuente paga le tasse, nel luogo di residenza effettiva.

-

- Advertisment -

I compensi pagati dal datore di lavoro inglese a un cittadino italiano residente in Italia e iscritto all’Aire (Associazione Italiani Residenti all’Estero) e che svolge la sua attività in smart working in Italia, sono tassati sul suolo nazionale, in base alla normativa interna e alla convenzione tra Italia e Regno Unito contro le doppie imposizioni.

E’ quanto indicato dall’Agenzia delle Entrate ad un cittadino italiano, con la risposta ad interpello n. 127/2023.

Nel rispondere al contribuente, l’Agenzia fiscale ha precisato che la residenza fiscale del cittadino viene stabilita confrontando il concetto di residenza definito dalla normativa interna con quello della convenzione.

In base al Testo Unico delle Imposte sui Redditi (Tuir), una persona AIRE è considerata residente fiscale in Italia se trascorre la maggior parte del periodo d’imposta (183 giorni o 184 se l’anno è bisestile) iscritta nelle anagrafi della popolazione residente oppure ha il domicilio o la residenza in Italia ai sensi del codice civile.

L’iscrizione AIRE non rileva ai fini fiscali

Nel caso in cui un contribuente risulta residente fiscalmente in entrambi i Paesi, la Convenzione prevede l’utilizzo di criteri di tie-breaker (regole di risoluzione di divergenze) che danno rilievo al criterio dell’abitazione permanente. Tuttavia, questi criteri richiedono la verifica di elementi fattuali non accertabili tramite interpello ordinario.

In base alle informazioni fornite dall’istante riguardo al trasferimento della sua abitazione permanente e della sede lavorativa dal Regno Unito all’Italia, l’Agenzia conclude che il contribuente iscritto AIRE dovrebbe essere considerato residente in Italia, ai fini fiscali, escluso il primo anno di rientro in Italia.

Pertanto, i redditi prodotti ovunque dal contribuente, tranne che per il primo anno, sono soggetti a tassazione esclusiva in Italia secondo le modalità previste dall’articolo 3, comma 1, del Tuir.

Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

Assomalta - Apertura sede di Rappresentanza Napoli

ASSOMALTA rafforza il legame tra Italia e Malta con l’apertura di una sede di...

Tra gli obiettivi dell'associazione, quello di far diventare la nuova sede di Napoli, un hub operativo tra Italia e Malta, per rafforzare scambi commerciali e collaborazioni nel settore dello shipping e oltre.
Interreg Europe Cooperazione regionale 2024 - Imprese del Sud

Interreg Europe – Terzo bando per progetti di cooperazione regionale

0
Il bando sostiene progetti volti a migliorare l’attuazione delle politiche di sviluppo e la cooperazione regionale dei partner coinvolti.
Digital Service Act (DSA) 2024 - Imprese del Sud

Il Digital Service Act (DSA): verso un internet più sicuro e trasparente

Regolamentazione UE per un internet più sicuro. Scopri gli obblighi, la protezione degli utenti e gli impatti sulle big tech previsti nel DSA.
Diplomi facili nuove regole 2024 - Imprese del Sud

Diplomi facili. In arrivo le nuove Direttive.

Le nuove normative sul rilascio dei diplomi, imporranno limiti agli anni in uno, registro elettronico obbligatorio, regole per il sostegno e l'ammissione di docenti stranieri.
Interreg Euro-MED secondo bando 2024 - Imprese del Sud

Interreg Euro-MED: aperto il secondo bando 2024

Nel prossimo bando Interreg Euro-MED saranno finanziati progetti che contribuiscono alla transizione verde e digitale del territorio interessato dal programma
spot_img

Economia

ASSOMALTA rafforza il legame tra Italia e Malta con l’apertura di una sede di Rappresentanza a Napoli.

Tra gli obiettivi dell'associazione, quello di far diventare la nuova sede di Napoli, un hub operativo tra Italia e Malta, per rafforzare scambi commerciali e collaborazioni nel settore dello shipping e oltre.

Interreg Europe – Terzo bando per progetti di cooperazione regionale

Il bando sostiene progetti volti a migliorare l’attuazione delle politiche di sviluppo e la cooperazione regionale dei partner coinvolti.

Il Digital Service Act (DSA): verso un internet più sicuro e trasparente

Regolamentazione UE per un internet più sicuro. Scopri gli obblighi, la protezione degli utenti e gli impatti sulle big tech previsti nel DSA.

Interreg Euro-MED: aperto il secondo bando 2024

Nel prossimo bando Interreg Euro-MED saranno finanziati progetti che contribuiscono alla transizione verde e digitale del territorio interessato dal programma
- Advertisement -spot_img