24.7 C
Rome
giovedì, Giugno 20, 2024
spot_imgspot_img

Entrata in vigore la direttiva Corporate Sustainability Reporting 

La nuova direttiva europea rivede, amplia e rafforza le norme introdotte inizialmente dalla direttiva sulla comunicazione di informazioni non finanziarie.

-

- Advertisment -

Il 5 gennaio 2023 ha fatto il suo ingresso la Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD), una direttiva europea che rivede, amplia e rafforza le norme introdotte inizialmente dalla Direttiva sulla comunicazione di informazioni non finanziarie (NFRD).

La nuova direttiva mira a creare un linguaggio standardizzato per le informazioni sulla sostenibilità e a rendere la rendicontazione sulla sostenibilità equivalente alla rendicontazione finanziaria. Gli Stati membri avranno 18 mesi per adattare le disposizioni del CSRD alla legislazione nazionale, entro il 4 luglio 2024.

La direttiva è un passo importante verso l’obiettivo dell’UE di raggiungere un’economia verde e sostenibile, previsto nel Green Deal europeo.

Essa richiederà a molte società che operano nell’UE di rendere pubbliche e riportare informazioni sulla sostenibilità, in particolare su questioni ambientali, sociali e di governance (ESG).

Il CSRD raggiungerà questo obiettivo (i) estendendo l’obbligo di rendicontazione ESG a tutte le grandi aziende e le PMI quotate nei mercati regolamentati; (ii) richiedendo la revisione indipendente dei report ESG; e (iii) stabilendo standard ESG obbligatori con requisiti di rendicontazione più dettagliati.

Il CSRD si applica alle società quotate nei mercati regolamentati dell’UE (eccetto le microimprese quotate), nonché alle società con sede nell’UE che soddisfano almeno due dei seguenti criteri: (i) hanno più di 250 dipendenti; (ii) hanno un fatturato netto superiore a 40 milioni di euro; (iii) hanno un attivo totale superiore a 20 milioni di euro.

Inoltre, il CSRD si applica anche alle società extra UE che generano ricavi all’interno dell’UE superiori a 150 milioni di euro o che hanno filiali UE grandi o quotate o succursali UE con più di 250 dipendenti.

L’introduzione del CSRD rappresenta un passo importante per garantire che le società operanti nell’UE siano trasparenti e impegnate nella sostenibilità.

Questo aiuterà a migliorare la fiducia dei consumatori e degli investitori nei confronti delle società e, di conseguenza, a promuovere un’economia più sostenibile e verde. Inoltre, il CSRD contribuirà a creare un mercato unificato per la rendicontazione sulla sostentenibilità.

Nella direttiva stabiliti standard obbligatori per la rendicontazione ESG

La direttiva, inoltre, stabilisce standard obbligatori per la rendicontazione ESG, inclusi requisiti specifici per la descrizione delle politiche, azioni e performance relative a questioni ambientali, sociali e di governance. Questo include la descrizione delle attività e dell’impatto sulla sostenibilità delle operazioni aziendali, delle catene di fornitura e dei prodotti e servizi offerti.

La revisione indipendente dei report ESG è un altro importante elemento del CSRD. Questa revisione consentirà ai stakeholder di avere maggiore fiducia nella precisione e nell’affidabilità delle informazioni ESG fornite dalle società. Ciò potrebbe, a sua volta, aiutare le società a costruire una maggiore reputazione di sostenibilità e ad attrarre investimenti da parte di investitori che valorizzano la sostenibilità.

Per le società, l’adozione del CSRD rappresenta una grande opportunità per dimostrare la propria leadership e impegno per la sostenibilità. Essendo in grado di fornire informazioni trasparenti e affidabili sulle proprie prestazioni ESG, le società possono mostrare il loro contributo alla costruzione di un futuro sostenibile e attrarre così maggiore sostegno da parte degli stakeholder.

Tuttavia, l’adozione del CSRD comporta anche sfide per molte società. La raccolta e l’analisi di dati ESG può essere complessa e costosa, soprattutto per le società con operazioni globali e catene di fornitura estese. Inoltre, la revisione indipendente dei report ESG richiede un impegno finanziario supplementare.

Non vi è dubbio che la Direttiva sulla comunicazione di informazioni di sostenibilità aziendale rappresenta un passo importante verso una maggiore trasparenza e responsabilità nella rendicontazione ESG.

Mentre ci sono sfide per le società nell’adeguarsi ai nuovi obblighi, l’adozione del CSRD può portare molti vantaggi, come la costruzione di una maggiore reputazione di sostenibilità e l’attrazione di investimenti sostenibili.

È importante che le società inizino a prepararsi per l’adozione del CSRD il prima possibile, per garantire una transizione fluida e un’implementazione di successo.

Abdessamad El Jaouzi
Abdessamad El Jaouzi
Resp. servizio comunicazione e ufficio stampa presso istituzione diplomatica in Italia. Responsabile dipartimento Economia sostenibile della Mediterranean Academy of Culture, Technology and Trade NGO di Malta
Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

Assomalta - Digital Malta Conference 2024

Assomalta supporta la Digital Malta Conference come partner ufficiale

Assomalta supporta la Digital Malta Conference 2024, evento chiave per esplorare tecnologie avanzate e strategie innovative. Scopri come la digitalizzazione può trasformare il business a Malta.
Assomalta - firma accordo EIT RIS HIB Malta

EIT RIS HUB Malta e ASSOMALTA siglano un accordo strategico per promuovere innovazione e...

Collaborazione, per potenziare l'innovazione e lo sviluppo tra Italia e Malta, attraverso la condivisione di conoscenze e progetti comuni.
B7 Summit Italy - Canadian Chamber in Italy

Evento pre-B7 Summit – “AI: the missing piece of the productivity puzzle?”

Partecipa all'evento pre-B7 Summit sul futuro dell'intelligenza artificiale, organizzato dalla Canadian Chamber of Commerce in collaborazione con la Canadian Chamber in Italy. Discuti il futuro dell'IA il 15 Maggio a Roma.
Assomalta - Apertura sede di Rappresentanza Napoli

ASSOMALTA rafforza il legame tra Italia e Malta con l’apertura di una sede di...

Tra gli obiettivi dell'associazione, quello di far diventare la nuova sede di Napoli, un hub operativo tra Italia e Malta, per rafforzare scambi commerciali e collaborazioni nel settore dello shipping e oltre.
Interreg Europe Cooperazione regionale 2024 - Imprese del Sud

Interreg Europe – Terzo bando per progetti di cooperazione regionale

0
Il bando sostiene progetti volti a migliorare l’attuazione delle politiche di sviluppo e la cooperazione regionale dei partner coinvolti.
spot_img

Economia

Evento pre-B7 Summit – “AI: the missing piece of the productivity puzzle?”

Partecipa all'evento pre-B7 Summit sul futuro dell'intelligenza artificiale, organizzato dalla Canadian Chamber of Commerce in collaborazione con la Canadian Chamber in Italy. Discuti il futuro dell'IA il 15 Maggio a Roma.

ASSOMALTA rafforza il legame tra Italia e Malta con l’apertura di una sede di Rappresentanza a Napoli.

Tra gli obiettivi dell'associazione, quello di far diventare la nuova sede di Napoli, un hub operativo tra Italia e Malta, per rafforzare scambi commerciali e collaborazioni nel settore dello shipping e oltre.

Interreg Europe – Terzo bando per progetti di cooperazione regionale

Il bando sostiene progetti volti a migliorare l’attuazione delle politiche di sviluppo e la cooperazione regionale dei partner coinvolti.

Il Digital Service Act (DSA): verso un internet più sicuro e trasparente

Regolamentazione UE per un internet più sicuro. Scopri gli obblighi, la protezione degli utenti e gli impatti sulle big tech previsti nel DSA.
- Advertisement -spot_img
×