10.7 C
Rome
sabato, Aprile 17, 2021
spot_imgspot_img

Ecobonus: non più sconto in fattura ma credito

-

- Advertisment -spot_img

Non più uno sconto in fattura ma un credito: così si trasforma l’Ecobonus per non gravare sulle piccole e medie imprese, in virtù di un emendamento presentato alla manovra di bilancio 2020 dai deputati Carla Ruocco e Gian Mario Fragomeli.

Lo sconto in fattura si trasforma così un credito di natura finanziaria con erogazione diretta sul conto corrente, la cui restituzione delle quote potrà avvenire in 10 anni.

Con questo intervento l’intento è di evitare le penalizzazioni nei confronti dei piccoli fornitori che non potrebbero garantire l’utilizzo dello sconto in fattura introdotto dal decreto crescita e rischierebbero di perdere le forniture.

Il credito da Ecobonus verrà riconosciuto a favore del soggetto che commissiona i lavori di riqualificazione energetica degli immobili e consiste in una erogazione diretta su un conto corrente da lui indicato per l’intero ammontare della detrazione che sarebbe spettata a fronte degli interventi di manutenzione, con ripartizione in dieci quote annuali di pari importo.

Invece di una detrazione si avrà una somma disponibile per il beneficiario, che gli darebbe la possibilità di ottenere più facilmente un finanziamento bancario pari all’importo complessivo del bonus cui avrebbe diritto, avendo la disponibilità liquida per poter procedere al pagamento dei lavori di riqualificazione dell’immobile.

Il fornitore potrebbe ottenere anche l’incasso totale della fattura, riportando tutti i fornitori (piccoli e grandi) allo stesso livello di offerta.

Sarà comunque necessario anche un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate, da emanare entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto, per stabilire le modalità attuative relative all’accredito sul conto corrente del beneficiario.

Ultime news

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

La Canadian Chamber in Italy si rinforza

0
La Canadian Chamber in Italy è pronta a rilanciare la sua attività con un direttivo rafforzato per favorire le relazioni tra Canada e Italia.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa equa e sostenibile di cui...
spot_img

Economia

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa...

Plastic free e car sharing: due proposte per il rilancio

Promuovere il taglio dell'utilizzo di plastiche monouso all'interno delle aziende e incentivare il car sharing per i dipendenti.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img